Modena: il Pd ha stravinto, ma Negrini non meritava di restare solo
Società Dolce: fare insieme
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
e-work Spa
articoliIl Punto

Modena: il Pd ha stravinto, ma Negrini non meritava di restare solo

La Pressa
Logo LaPressa.it

A Negrini non avevano detto tutto e ora, all’apparir del vero, il rischio è quello di aver bruciato una risorsa vera per l’alternanza a Modena


Modena: il Pd ha stravinto, ma Negrini non meritava di restare solo
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Il centrosinistra ha stravinto alle amministrative a Modena e nella gran parte dei Comuni della provincia. Ha stravinto il centrosinistra o meglio, ha stravinto il Pd che ovunque ha rappresentato il motore per il successo dei candidati sindaci fagocitando liste civiche, centristi di Azione e Stati uniti d’Europa e 5 Stelle. Solo Avs ha retto allo strapotere Dem. A Modena città, in particolare, Massimo Mezzetti è andato ben oltre le più rosee aspettative della maggioranza uscente. Ha incassato il 64% dei consensi, superando di 13 punti il successo di 5 anni fa di Muzzarelli quando, è vero, il M5S corse da solo. Ma trovare la sintesi, allargare il campo, cercare convergenze non è scontato e questo, in fondo, è un altro merito, un altro punto di forza, non di debolezza, del nuovo sindaco di Modena.

 

Centrosinistra bene. Centrodestra male, molto male.

La coalizione guidata da Luca Negrini non supera il 28%, Fdi è appena al 16%, 12 punti in meno rispetto al dato nazionale. Unico dato positivo la civica del candidato stesso che sfiora il 5% superando Lega e Forza Italia, entrambi in caduta libera.
Centrodestra che ha dimostrato ancora una volta la propria inadeguatezza nel costruire una alternativa credibile in un territorio da sempre governato dal centrosinistra. A Modena come a Carpi, dove Annalisa Arletti non ha raggiunto quel ballottaggio ottenuto la scorsa tornata, e come a Sassuolo dove l'uscente Francesco Menani ha subito l'onta della sconfitta al primo turno.

 

Una responsabilità enorme che anche questa volta – come più volte sottolineato anche dal nostro giornale - non è stata colta. Cinque anni fa tutto era nelle mani della Lega, questa volta tutto era nelle mani di Fdi e del senatore Michele Barcaiuolo.

La sfida è stata persa e pure male. A Modena città nel 2019 il centrodestra ottenne il 31% dei voti, quest’anno è abbondantemente sotto. Barcaiuolo ha presentato il candidato sindaco ad appena tre mesi dal voto, non ha costruito una rete in grado di supportarne il lavoro, non ha cercato un dialogo al centro e in campagna elettorale si è concentrato quasi esclusivamente sul sostegno al candidato alle Europee Stefano Cavedagna. Il risultato è questo. Una debacle, nonostante un traino nazionale enorme rappresentato dal Governo Meloni e nonostante la delicata fine dell’era Muzzarelli, elemento potenzialmente critico per il Pd. Con le Regionali alle porte e con Galeazzo Bignami che da tempo sta cercando di costruire una alternanza in viale Aldo Modo.

 

E a questo deprimente quadro modenese si aggiunge una ulteriore colpa, forse la più grave: avere mandato allo sbaraglio, senza alcuna rete di protezione, un ragazzo di 33 anni alla prima vera esperienza politica. Un ragazzo, Luca Negrini, che ha dimostrato nei tre mesi di campagna elettorale una serietà, un rigore e una abnegazione inaspettate. Negrini ci ha provato fino in fondo, nonostante tutto e tutti, aiutato di fatto solo dal deputato Daniela Dondi e dal capogruppo Elisa Rossini. Da Roma a suo supporto è giunta solo il sottosegretario Wanda Ferro che avrebbe dovuto confermare l'elevazione della questura in Fascia A, ma non lo ha fatto. Anche il giorno della festa finale Negrini è salito sul palco da solo, senza nessun big al suo fianco. Non gli avevano detto tutto e ora, all’apparir del vero, il rischio è quello di aver bruciato una risorsa vera per l’alternanza a Modena. Ma forse anche questo non era un rischio, ma una consapevole volontà.
Giuseppe Leonelli

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Il Punto - Articoli Recenti
Europee a Modena, il valzer preferenze: male Fdi e Cavedagna incassa meno del previsto
A Modena prende solo poco più della metà delle preferenze che Bignami avrebbe chiesto a ..
10 Giugno 2024 - 11:52
Modena, il Pd ostenta sicurezza ma il ballottaggio è possibile
Intanto Luca Negrini non alza il livello dello scontro e non reagisce personalmente alle ..
06 Giugno 2024 - 10:26
Voto a Modena, Mezzetti perde la 'gentilezza': la destra torna ad essere il 'nemico'
Addirittura una destra locale tratteggiata come colpevolmente e consapevolmente ..
04 Giugno 2024 - 07:51
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58