Modena, la vera sfida di Mezzetti? Non imitare Bonaccini e Muzzarelli
e-work Spa
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
e-work Spa
articoliIl Punto

Modena, la vera sfida di Mezzetti? Non imitare Bonaccini e Muzzarelli

La Pressa
Logo LaPressa.it

Mezzetti, sfruttando la favorevole congiuntura data dal declino politico dei due esponenti Dem emiliani, può dimostrare che una politica diversa sotto la Ghirlandina è davvero possibile. Almeno nei modi


Modena, la vera sfida di Mezzetti? Non imitare Bonaccini e Muzzarelli
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

L'approccio, a partire dallo slogan 'gentile' scelto per la campagna elettorale, è nel segno di una frattura col passato: ora la sfida per il candidato sindaco del centrosinistra, senza tessera del Pd, Massimo Mezzetti, è trasformare le buone intenzioni in realtà.
La continuità dal punto di vista del campo politico e del cosiddetto 'sistema di potere' emiliano sicuramente non è in discussione, ma Mezzetti può comunque marcare un deciso cambio di passo sui modi e sulla forma. E non sarebbe comunque poco.

Del resto è evidente come la cifra dell'amministrazione pubblica modenese negli ultimi 10 anni sia stata marcatamente caratterizzata da uno stile divisivo: il sindaco uscente Giancarlo Muzzarelli, presentatosi come amministratore delegato della città, come 'uomo forte', ha sempre dimostrato un piglio che ha scavallato il puro decisionismo per sfociare nella protervia. Ne è dimostrazione l'ultima infornata di nomine, varata in perfetta solitudine e nonostante le forti critiche degli alleati.

O con me o contro di me, e molti, a o onor del vero, forse più per quieto vivere che per convinzione, hanno deciso di stare con Muzzarelli.

Ora, davanti allo stile dell'uomo di Fanano, Mezzetti in queste prime battute di campagna elettorale si è dimostrato tutt'altro che accondiscendente. Nonostante i modi pacati e 'gentili', ha mostrato tutta la propria insofferenza per la mancanza di 'fair play' del suo quasi-predecessore e ha più volte sottolineato l'esigenza di abbandonare la politica muscolare per aprirsi al confronto e al dialogo. Uno stile sobrio ma fermo quello di Mezzetti, messo in campo peraltro anche durante la sua positiva esperienza da assessore regionale e che lo ha portato ad esordire, nel giorno della sua investitura ufficiale, dicendo di non essere sotto l'ala di nessuno, ma viceversa di avere avuto sotto la sua, di ala, sia Muzzarelli che Stefano Bonaccini.

Certamente la strada della 'indipendenza politica' per Mezzetti è ancora lunga e si dipana non solo sulla direttrice collegata al primo cittadino uscente, ma anche su quella che ha il volto del presidente della Regione Emilia Romagna.
Bonaccini e Muzzarelli: sono questi in fondo i due nomi dai quali il candidato del centrosinistra, coi suoi modi colti e col sorriso sincero, deve affrancarsi. Un percorso nel quale è certamente aiutato dalla fase discendente che la parabola politica di entrambi sta attraversando.
Muzzarelli, nonostante i suoi sforzi per restare in sella fino all'ultimo, si avvia alla fine del suo decennio di potere. Certo, ha già annunciato dal palco del 25 aprile che non andrà in pensione, probabilmente approderà in giunta regionale (qualora il centrosinistra a novembre si confermasse maggioranza), ma in ogni caso la sua influenza su Modena sarà inferiore.
Parallelamente anche il peso specifico di Bonaccini, il cui stile politico da 'uomo del fare' refrattario a ogni critica è speculare a quello dell'amico-nemico Muzzarelli, è in netto calo. Dopo la batosta della sconfitta alle primarie con la Schlein e dopo il no al terzo mandato, l'uomo di Campogalliano ha dovuto smentire la sua promessa solenne di restare alla guida della Emilia Romagna fino all'ultimo giorno, per non perdere l'ultimo treno della sua carriera politica. Per lui è già caldo un posto in Europa, ma da Bruxelles, nonostante lo stipendio dorato, potrà incidere decisamente poco sulle dinamiche modenesi.

Ecco allora che Mezzetti, sfruttando sia questa favorevole congiuntura sia la sua non appartenenza al Pd, potrà dimostrare che una politica diversa sotto la Ghirlandina è davvero possibile. Insomma, è chiamato a trattare i due esponenti di spicco Dem emiliani con gentilezza certo, ma con il distacco dovuto ai semplici 'ex' e poco importa se nell'infinito braccio di ferro tra il sindaco e il governatore, la sua investitura a sindaco sia nata dalla vittoria del secondo sul primo. Bonaccini e Muzzarelli per Mezzetti dovranno rappresentare solo il passato, dal quale prendere le distanze, almeno nei modi. E' questa la sfida più grande dell'ex assessore regionale, ovviamente dopo quella di evitare il ballottaggio con l'intraprendente, ben oltre le stesse aspettatative di Fdi, candidato del centrodestra Luca Negrini.
Giuseppe Leonelli

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Il Punto - Articoli Recenti
Europee a Modena, il valzer preferenze: male Fdi e Cavedagna incassa meno del previsto
A Modena prende solo poco più della metà delle preferenze che Bignami avrebbe chiesto a ..
10 Giugno 2024 - 11:52
Modena, il Pd ostenta sicurezza ma il ballottaggio è possibile
Intanto Luca Negrini non alza il livello dello scontro e non reagisce personalmente alle ..
06 Giugno 2024 - 10:26
Voto a Modena, Mezzetti perde la 'gentilezza': la destra torna ad essere il 'nemico'
Addirittura una destra locale tratteggiata come colpevolmente e consapevolmente ..
04 Giugno 2024 - 07:51
Voto a Modena: rischio del cambiamento e certezza della conservazione
Conservare un sistema che si conosce o cambiarlo accettando il rischio. Questo è il bivio. ..
01 Giugno 2024 - 14:39
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58