Modena, Mezzetti prepara vittoria al primo turno: centrodestra al palo
e-work Spa
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
e-work Spa
articoliIl Punto

Modena, Mezzetti prepara vittoria al primo turno: centrodestra al palo

La Pressa
Logo LaPressa.it

Tutto a destra si è ridotto al dualismo tra Luca Negrini e Piergiulio Giacobazzi, entrambe persone serie e prime vere vittime di questo immobilismo dei vertici


Modena, Mezzetti prepara vittoria al primo turno: centrodestra al palo
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Che dietro ai modi gentili di Massimo Mezzetti (proprio oggi ha lanciato la sua campagna elettorale) e al suo approccio diametralmente opposto alla aggressività di Giancarlo Muzzarelli, vi sia il solito sistema di potere che fa capo a un preciso mondo economico di riferimento (cooperativo e non) non c'è alcun dubbio. Il centrosinistra a Modena ha candidato il miglior profilo possibile per riproporre se stesso, le sue solite dinamiche, le sue nomine e le spartizioni che caratterizzano 80 anni di potere incontrastato, dal quale anche il mondo della informazione è purtroppo in larga parte condizionato.

Sapendo l'importanza della posta in palio, il Pd nazionale con un inedito asse Schlein-Bonaccini, ha commissariato il Pd locale, impantanato nelle secche delle 8 giovani o differentemente giovani candidature, e ha imposto un cavallo di razza come Mezzetti. 
Fin qui la fotografia ormai chiara della realtà.


Facile comunque prevedere l'immediato futuro.
Mezzetti unirà attorno a sè una coalizione che va da Calenda ai 5 Stelle, passando per Verdi e sinistra.
Una volta eletto continuerà coi suoi modi gentili, farà meglio sul piano culturale (del resto ci vuole poco rispetto agli ultimi 10 anni), ma nella sostanza risponderà a meccanismi noti. Nominerà in giunta alcuni dei bocciati alle mancate primarie (Ludovica Carla Ferrari, Andrea Bosi, Andrea Bortolamasi e Giulio Guerzoni su tutti) e tutto procederà come sempre. Insomma, una garanzia assoluta per i mondi economici che guardano al voto di giugno sotto la Ghirlandina.

Perchè che Mezzetti venga eletto vi sono pochi dubbi. L'unico punto di domanda è su una vittoria al primo o al secondo turno. Coi 5 Stelle proni fin da subito è più probabile il primo scenario, ma una possibilità di arrivare al ballottaggio esiste comunque.


Il problema è che questa possibilità non dipende dal centrodestra, quanto dalla forza e dalla credibilità dell'asse che si è formato a sinistra di Mezzetti. L'asse che va da Modena Volta Pagina a Possibile e Unione Popolare, gli unici esclusi dal campo larghissimo che sostiene l'ex assessore regionale. Se i civici e le forze della sinistra dovessero trovare un candidato credibile (come fu con l'indimenticata Adriana Querzè nel 2014), allora il ballottaggio sarebbe una possibilità.

Il centrodestra invece resta non pervenuto. Ancora lontano dall'individuare un candidato sindaco a tre mesi dal voto, l'asse a traino Fdi, non ha costruito nè una squadra nè una rete credibile agli occhi degli elettori. Non è stato aperto un discorso con le forze civiche o coi partiti di Centro, non è stato aperto un dibattito con la città, non sono stati organizzati incontri, non è stato minimamente pensato un progetto di ampio respiro, quella sorta di Stati generali dell'alternanza che avrebbero potuto regalare a Modena un respiro diverso dalla cappa monocolore nella quale è soffocata dal Dopoguerra. Non è stato fatto nulla, se non una ventilata ipotesi legata al nome di Paolo Cavicchioli e di un ipotetico asse con i centristi Pd, chimera e Godot che come largamente previsto non si sono concretizzati. Una rassegnazione che ha trovato le giustificazioni autoassolventi di sempre: tanto a Modena si perde, tanto il gap è incolmabile, tanto il Destino stesso ha voluto così per questa terra inquinata e ricca, arrogante e fintamente aperta.
Una rassegnazione che magari è utile a Fdi in miope chiave modenese per non creare rivali interni e personaggi in ascesa, ma che in vista delle Regionali del 2025 può risultare controproducente anche ai meloniani e penalizzare il progetto di conquista della Regione Emilia Romagna al quale Fdi, con Galeazzo Bignami in testa, sta lavorando, in questo caso sì, da tempo.

Tutto a Modena si è ridotto al dualismo tra Luca Negrini e Piergiulio Giacobazzi, entrambe persone serie e prime vere vittime di questo immobilismo dei vertici. Negrini e Giacobazzi che non avranno altre armi contro Mezzetti se non quella spuntata dell'accusarlo di essere di Roma... Come se fosse una colpa.
Perchè ora, per arrivare al ballottaggio, il centrodestra non può far altro che sperare in un buon risultato dei cosiddetti 'comunisti'. Questa è la realtà, come sempre. Oggi la reponsabilità è di Fdi, leader della coalizione, 5 anni fa fu della Lega, 10 anni fa di Forza Italia e via di questo passo.
Una sfida a perdere. Dove a perdere non sono ovviamente i leader locali della opposizione, ma sono sempre e solo i cittadini. I quali devono fare i conti coi loro problemi, con le loro sconfitte e le loro fragilità, ma che a Modena meriterebbero, al di là di come la si pensi politicamente, di immaginare un 'Noi' nuovo. Foss'anche per il tempo di un abbraccio.
Giuseppe Leonelli

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Il Punto - Articoli Recenti
Mail dipendenti usata per spot: Mezzetti ha avuto il coraggio di sfidare la macchina comunale
Il candidato Pd attacca: 'Necessità di definire un miglior equilibrio tra trasparenza ..
20 Maggio 2024 - 18:31
Voto a Carpi, il possibile flop di Azione inquieta Righi
Non solo, la campagna elettorale di Righi è saldamente nelle mani dei soliti noti, seppur ..
18 Maggio 2024 - 12:58
Modena, la campagna elettorale del fair play (forse troppo)
Mezzetti ha da guadagnare maggiormente da questa campagna elettorale 'soft'. Per questo, ..
15 Maggio 2024 - 07:03
Voto a Carpi: ecco come finirà. Non serve la sfera magica
Righi arriverà a sfiorare addirittura il 60% di voti potenziali. Annalisa Arletti si ..
14 Maggio 2024 - 14:07
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58