Modena, Muzzarelli a fine corsa: ecco la sua eredità (negativa)
e-work Spa
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
e-work Spa
articoliIl Punto

Modena, Muzzarelli a fine corsa: ecco la sua eredità (negativa)

La Pressa
Logo LaPressa.it

Lascia a Massimo Mezzetti le emergenze criminalità, rifiuti, Bretella, viabilità, inquinamento e… Tanto altro


Modena, Muzzarelli a fine corsa: ecco la sua eredità (negativa)
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

“L’ultimo giro di pista”, come lui stesso l’aveva definito, non gli sarà possibile farlo perchè il suo partito, il Pd, nei tanti anni che è stato al governo (anche con presidenti del consiglio) non è stato in grado di modificare le norme che disciplinano la elezione dei sindaci. Sfuma dunque la possibilità per il sindaco di Modena Giancarlo Muzzarelli di correre per il terzo mandato, come sperava.
 
Ed egli lascia una eredità assai pesante e gravosa al suo successore, a Massimo Mezzetti (se sarà votato dai modenesi). Lascia una città in difficoltà, con tanti problemi vecchi e nuovi non risolti a fronte di continue nuove promesse di interventi, a volte faraonici, proiettati al futuro e che ‘cadranno’ sulle spalle del nuovo sindaco.

Lascia una città con poche certezze e molte criticità ed emergenze, un esteso degrado ambientale e sociale, con comitati di protesta di cittadini sorti in tutti i quartieri, a cominciare da quello della Sacca per finire a quello del Centro storico. E, per non farci mancare nulla, siamo balzati in testa alla classifica delle città tra le più care e più inquinate d’Italia, dove si scommette tanto, dove si gioca tanto con lotterie e slot machine, con i conseguenti drammi personali e famigliari per stipendi andati in fumo. A farsi carico di questa ulteriore ‘piaga’ modenese sono state Federconsumatori, Acli e Arci. Così come sono preoccupanti le cifre del riciclaggio di denaro ‘sporco’ diffuse da Confesercenti che parla di “un incremento del 17 per cento rispetto alle cifre dello scorso anno”, dato questo confermato dalle ricerche di Franco Zavatti per conto della Cgil, che rileva come “Modena sia seconda in Emilia dopo Bologna in questa poco edificante classifica”.


 
In questo quadro impietoso ed inquietante si innesta la crisi economica che colpisce soprattutto il settore del commercio: Confcommercio afferma che si sono ‘perse’ negli ultimi due anni a Modena 280 imprese con 150 serrande di negozi ‘storici’ che si sono abbassate nel centro cittadino vittime dall’espansione senza limiti della grande distribuzione (in specie Coop e Conad) che fa loro una concorrenza spietata senza che l’amministrazione abbia individuato e promosso misure in difesa delle ‘botteghe’ storiche e dei ‘mestieri’ di una volta.
 
Modena si conferma pure tra le città col più alto indice di cementificazione del territorio e dunque con una maggiore distruzione del verde tolto ai cittadini (44 ettari) in una Regione, tra l’altro, tra le più cementificate d’Italia (635 ettari di suolo “bruciati” nel solo 2022), con un conseguente fragilissimo territorio dal punto di vista idrogeologico. Ma anche tra le città più care d’Italia, certamente la più cara dell’Emilia, quella con la maggiore mancanza di alloggi per studenti fuori sede (a Modena sette su dieci) ma anche per lavoratori giunti in città per motivi professionali, coi centri di ascolto della Caritas e delle parrocchie che funzionano a pieno regime per fare fronte al crescente aumento di richieste di aiuto economico per le utenze domestiche, ma anche per ottenere pasti caldi e borse settimanali con generi alimentari di prima necessità e questo per supplire alle carenze della assistenza dei Servizi sociali del Comune. Una città che è carente anche nel delicato settore della assistenza agli anziani con la mancanza di un numero sufficiente di posti letto per anziani, come sottolineato più volte dal Movimento Modena Volta Pagina.
 
Ma è soprattutto la malavita che preoccupa e inquieta i modenesi per una situazione dell’ordine pubblico da “far west”, come ha titolato un giornale o di “città allo sbando e fuori controllo” come hanno denunciato i gruppi consigliari di Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia. L’episodio dell’accoltellamento di un giovane studente su un bus di Seta alla Stazione delle autocorriere, che fa seguito agli altri avvenuti all’Istituto Corni, al Parco Novi Sad, alla Stazione ferroviaria, all’Rnord della Sacca, fa dire al genitore del ragazzo che “ciò che è accaduto è gravissimo e mi chiedo se sia normale che cose di questo genere succedano nella nostra realtà”. No, non è normale. E infatti la bigliettaia delle autocorriere ha detto che “qui si assiste di continuo ad episodi di criminalità”.
 
Un crescendo di preoccupazione e di malcontento di fronte al silenzio del sindaco e assessori che si girano dall’altra parte preferendo farsi fotografare impettiti per andare sui giornali ma mai visti sui luoghi dove avvengono questi crimini. A conferma, come si diceva, di una amministrazione, quella guidata da Muzzarelli, presuntuosa, arrogante, paternalista, che ha sempre cercato di distrarre i cittadini dai problemi veri e quotidiani con promesse di interventi straordinari per criticità sempre esistite ma mai risolte, nonostante che in Comune vi siano sin dal 1945 uomini politici sempre e solo dello stesso partito e con maggioranze assolute.
 
Oltre a tutto questo c’è il fallimento totale della raccolta differenziata dei rifiuti, testimoniata dalle mille proteste, dalle centinaia di petizioni dei cittadini e delle associazioni di categoria, dai partiti di minoranza (ma anche da qualche ‘coraggioso’ consigliere di maggioranza) che hanno chiesto di rivedere il progetto di Hera “che non funziona”. Progetto contestato anche dalla Cgil (è tutto dire) che lo ha definito “inattuabile” e che “fa acqua da tutte le parti”. A Modena a difendere Hera pare sia rimasto il solo assessore Filippi che evidentemente non vede (o non vuole vedere) i cumuli di rifiuti sparsi ovunque in città, topi compresi. Anche Federconsumatori è stata severa sull’argomento: “Si tratta di un progetto non meditato - ha scritto – che ha incontrato difficoltà e tensioni coi cittadini per cui c’è la necessità di cambiamenti e modifiche importanti”. Aggiungendo significativamente che “la crisi dei rifiuti è dovuta alla assenza di partecipazione, di nessun ascolto e di nessun confronto con la città e le sue rappresentanze”. Per molto meno in altre realtà il Pd chiede in casi del genere le dimissioni immediate degli amministratori coinvolti.
 
Infine, l’ultima patata bollente che Massimo Mezzetti si troverà sul tavolo di piazza Grande: il clamoroso dietro front del Pd sulla Bretella Campogalliano – Sassuolo, proposta per anni dal Pd stesso ma mai realizzata. Una mancanza di coerenza che ha insospettito i partiti di minoranza, Fratelli d’Italia, Forza Italia, Lega, Italia Viva ma anche Modena Volta Pagina che hanno visto nell’ordine del giorno votato dal Pd in consiglio un tentativo estremo e scopertamente strumentale di agganciare i partiti alla sinistra del Pd (da sempre contrari al manufatto, cosi come alla Cispadana) perchè senza i loro voti il Pd rischia davvero di perdere questa volta il Comune dopo 80 anni di potere assoluto.
 
“La paura fa davvero novanta, ma a perdere di credibilità di fronte all’elettorato - ha ammonito la consigliera regionale Giulia Pigoni – di voti se ne perdono ancora di più”.
 
Cesare Pradella

Cesare Pradella
Cesare Pradella

Giornalista pubblicista, è stato per dieci anni corrispondente da Modena del Giornale diretto da Indro Montanelli, per vent'anni corrispondente da Carpi del Resto del Carlino, per cinque..   Continua >>


 

Mivebo

Il Punto - Articoli Recenti
Barcaiuolo non ha perso: con le preferenze ha allontanato Dondi e Rossini
A Modena Pulitanò con oltre 800 preferenze doppia Daniela Dondi – candidata appositamente..
11 Giugno 2024 - 17:20
Sassuolo, Carpi, Modena: tracollo centrodestra, ma si fa finta di nulla
In Fdi nessun mea culpa sull'aver lasciato solo Negrini. La sua colpa? Averci creduto: grave..
11 Giugno 2024 - 12:18
Modena: il Pd ha stravinto, ma Negrini non meritava di restare solo
A Negrini non avevano detto tutto e ora, all’apparir del vero, il rischio è quello di ..
10 Giugno 2024 - 19:48
Europee a Modena, il valzer preferenze: male Fdi e Cavedagna incassa meno del previsto
A Modena prende solo poco più della metà delle preferenze che Bignami avrebbe chiesto a ..
10 Giugno 2024 - 11:52
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58