Modena, Muzzarelli tenta l'ultima nomina: che fatica lasciare il potere
Società Dolce: fare insieme
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
e-work Spa
articoliIl Punto

Modena, Muzzarelli tenta l'ultima nomina: che fatica lasciare il potere

La Pressa
Logo LaPressa.it

Mezzetti incassa, fa sapere che non ha gradito, muove i suoi luogotenenti per esternare il dissenso, ma non può fare molto altro. Deve aspettare


Modena, Muzzarelli tenta l'ultima nomina: che fatica lasciare il potere
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Che fatica dover lasciare il potere. Che travaglio e che guazzabuglio di sentimenti agitano i pensieri. Dopo anni di gestione capillare del cosiddetto 'sistema Modena', dopo aver vestito senza sosta i panni di 'uomo forte', di 'amministratore delegato' della città, dopo essere stato punto di riferimento non solo della giunta ma di tutto il Pd provinciale, il sindaco uscente di Modena Giancarlo Muzzarelli si trova davanti alla sfida politica più difficile: fare un passo indietro, lasciare il testimone al suo successore.
Ma, così come Fonzie non riusciva, per quanto si sforzasse, ad ammettere i suoi sbagli, così il sindaco di Modena non riesce proprio ad aprire la mano per far continuare la corsa all'erede designato, Massimo Mezzetti.

Forse non è nemmeno una questione di scarsa volontà o di cosciente desiderio, non è invidia nè brama irrefrenabile, semplicemente Muzzarelli non ce la fa a distendere le dita e aprire il palmo, non ce la fa a lasciare andare, ad alzare gli occhi ed accettare lo scorrere della politica.

Le luci della ribalta, i frenetici impegni, i tagli dei nastri, le conferenze, gli scontri con Bonaccini (l'allievo che ha avuto la colpa di superarlo), i sorrisi, le sfuriate pubbliche e private, gli abbracci sinceri e quelli meno sinceri, le riunioni di giunta, le sere a passeggiare per la città nella ricerca di altri saluti, di incontri e di altra vita. Abbandonare tutto questo è impossibile.
E allora gli ultimi mesi del suo decennale mandato si stanno trasformando in una sorta di sfida personale a Mezzetti. Prima le dichiarazioni pubbliche piccate, poi il fastidio nei confronti del tentativo del candidato Pd di smarcarsi un po' dal passato per seguire (giustamente) la propria strada, infine il tema delle nomine, ultimo modo per lasciare il proprio sigillo su Modena. 

Si spiega così il tentativo di Muzzarelli di imporre a meno di due mesi dal voto un nome a lui gradito per la vicepresidenza di Hera.

Senza concordare nulla con gli alleati, dai 5 Stelle passando per Azione, Muzzarelli ha chiamato il fedelissimo segretario cittadino Pd, Federica Venturelli, e ha preteso che sostenesse il nome di Tommaso Rotella. Ultima zampata del vecchio leone per dire di nuovo 'qui comando io', per dire, ancora una volta, che sul filo di acciaio che collega Hera e Comune di Modena, ci cammina Muzzarelli e sotto, tutti gli altri, non possono far altro che guardare le sue evoluzioni, col naso all'insù.
Mezzetti incassa, fa sapere che non ha gradito, muove i suoi luogotenenti per esternare il dissenso, ma non può fare molto altro. Deve aspettare. Salvo clamorose piroette Rotella andrà dove Muzzarelli ha pensato e voluto. Perchè finchè il sipario non si chiude, fino all'ultimo giorno, fino all'ultimo secondo, a Modena l'attore principale è Giancarlo. E chi vuole fischi, chi vuole applauda. L'unica cosa che il re prossimo a lasciare il trono non accetta è l'indifferenza. Glielo ha insegnato lo scorrere del tempo, le battaglie quotidiane, le gioie e i dolori affrontati col piglio dell'uomo della terra, della montagna. E, allora, quando dovrà per forza abbandonare il teatro della politica sarà lui a spegnere le luci, nessun altro. 
Giuseppe Leonelli

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Il Punto - Articoli Recenti
Modena, il Pd ostenta sicurezza ma il ballottaggio è possibile
Intanto Luca Negrini non alza il livello dello scontro e non reagisce personalmente alle ..
06 Giugno 2024 - 10:26
Voto a Modena, Mezzetti perde la 'gentilezza': la destra torna ad essere il 'nemico'
Addirittura una destra locale tratteggiata come colpevolmente e consapevolmente ..
04 Giugno 2024 - 07:51
Voto a Modena: rischio del cambiamento e certezza della conservazione
Conservare un sistema che si conosce o cambiarlo accettando il rischio. Questo è il bivio. ..
01 Giugno 2024 - 14:39
Carpi, dal presidente Aimag uscita scomposta contro la Medici
Dove sarebbe il 'danno patrimoniale, economico, reputazionale' nel sostenere, anche errando,..
30 Maggio 2024 - 17:09
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58