GIFFI NOLEGGI
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
GIFFI NOLEGGI
articoliIl Punto

Modena, Muzzarelli vs Bonaccini: scelta candidato sindaco è tutta qui

La Pressa
Logo LaPressa.it

Vi è una sola scheggia impazzita in questo quadretto ben architettato. L'assessore Andrea Bosi, non a caso emarginato dai nomi usciti dalle famose consultazioni


Modena, Muzzarelli vs Bonaccini: scelta candidato sindaco è tutta qui
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Il teatrino per la scelta del candidato sindaco di Modena si protrae da mesi. Un gioco delle parti a favor di giornali e commentatori nel quale ogni attore svolge diligentemente il proprio ruolo. Come da copione. C'è il giovane e ambizioso segretario cittadino, Federica Venturelli, che organizza consultazioni belle e democraticissime nei Circoli e fa trapelare più nomi che stelle nel cielo.
C'è l'ex assessore provinciale, Francesco Ori, che si esibisce in una fuga in avanti con mesi di anticipo, sostenuto dalla corrente cattolica del 'grande e silenzioso stratega' Emilio Sabattini.
C'è il segretario provinciale, Roberto Solomita, che (intelligentemente) osserva in silenzio, consapevole della assoluta irrilevanza del partito in quanto tale.
C'è il cattolico malettiano, Diego Lenzini, che appare bel bello e brizzolato come una meteora nell'elenco dei papabili.


C'è il profilo 'big', o presunto tale, che risponde al nome di Massimo Mezzetti o Davide Baruffi, o qualsiasi altro nome purchè abbia calcato il palcoscenico romano, foss'anche per un convegno di formazione.
C'è il candidato donna, in osservanza alle quote rosa, che si staglia perennemente all'orizzonte. Poco importa se la donna in questione sia Francesca Maletti o Simona Arletti. Quel che conta è il profilo femminile in quanto tale.
C'è anche un civico con simpatie a destra, come Paolo Cavicchioli, da usare come via per 'sparigliare le carte' come si suol dire nei caminetti Dem, sorseggiando prosecco e castagne.

Insomma, gli attori ci sono tutti. Ma in realtà i giochi sono decisi da mesi. La vera, unica partita, si gioca - come da anni a questa parte - sull'asse che separa piazza Grande da viale Aldo Moro. Da una parte Giancarlo Muzzarelli da Fanano, dall'altra Stefano Bonaccini da Campogalliano.

E' tutta qui la competizione, ultimo capitolo dell'eterna sfida che divide i due amici-non amici. Muzzarelli che 10 anni fa sognava di fare il presidente della Regione e Bonaccini che gli soffiò il posto, costringendolo a 'ripiegare' su Modena. Da allora il rapporto è sempre stato di amore-odio. Costretti a sorridersi e allearsi (come nel caso del congresso nazionale dove l'ha spuntata la Schlein) per reciproci interessi di carriera, ma perennemente l'uno contro l'altro politicamente armati.

Il 68enne Muzzarelli che appoggia il suo capo di gabinetto il 41enne figlio d'arte Giulio Guerzoni e il 56enne Bonaccini che appoggia il 40enne Andrea Bortolamasi, storico membro della sua segreteria particolare in Regione. I giochi iniziano e si chiudono qui, se avrà la meglio il fananese, Modena si troverà Guerzoni come sindaco, se vincerà la sifida l'uomo di Campogalliano, toccherà a Bortolamasi. Con tutti gli altri attori a fare da consapevoli comprimari, centrodestra compreso che nemmeno prova a infastidire il centrosinistra, quasi che il dominio Pd sia una regola incisa nelle tavole delle legge, tra il 'non nominare il nome di Dio invano' e il 'ricordati di santificare le feste'.
A onor del vero vi è una (e una sola) scheggia impazzita in questo quadretto ben architettato. L'assessore Andrea Bosi, non a caso emarginato dai nomi usciti dalle famose consultazioni nei circoli, pare non rispondere alle logiche precostituite e, in assenza, di primarie vere e di un dibattito aperto al di là dei recinti arruginiti del dualismo Giancarlo-Stefano, è pronto a correre da solo. Come il bimbo di Andersen potrebbe indicare a Modena che il re è nudo. O meglio che non c'è nessun re. Sta a lui volerlo fare.
Giuseppe Leonelli

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Il Punto - Articoli Recenti
Voto Modena, il vero avversario di ..
Il primo punto di debolezza del centrosinistra è rappresentato proprio dalla sua forza. Su ..
14 Febbraio 2024 - 15:28
Carpi, primo duello Righi-Taurasi: ai..
Taurasi ha pagato l’isolamento di fatto dall’amministrazione e dal PD che sta ..
13 Febbraio 2024 - 21:07
Centrodestra: Modena, Carpi, ..
I leader provinciali Michele Barcaiuolo, Antonio Platis e Guglielmo Golinelli impegnati in ..
12 Febbraio 2024 - 10:55
Voto a Modena, Fdi abbandona l'idea ..
A quattro mesi dal voto sta ora a Michele Barcaiuolo fare l'ultima scelta: dopo mesi di ..
11 Febbraio 2024 - 06:58
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58