Modena, tutti i fallimenti legati alla mancata alternanza politica
e-work Spa
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
e-work Spa
articoliIl Punto

Modena, tutti i fallimenti legati alla mancata alternanza politica

La Pressa
Logo LaPressa.it

Dal tema sicurezza alla cementifcazione, passando per la discutibile gestione dei rifiuti


Modena, tutti i fallimenti legati alla mancata alternanza politica
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Con sempre maggiore frequenza si leggono lettere inviate dai cittadini ai giornali che auspicano un cambiamento politico-amministrativo alla guida della città alle prossime elezioni comunali. Perchè, dicono i lettori,  dopo quasi 80 anni di monopolio pressochè assoluto dello stesso partito (prima Pci, poi divenuto Pds, poi Ds e ora Pd) si avverte l’esigenza di un cambio di passo e di una nuova classe dirigente che non provenga sempre dalle file dei funzionari del partito (sempre quello), di un diverso e più adeguato approccio culturale ai problemi vecchi e nuovi che si presentano alla città o che sono  rimasti rimasti insoluti per decenni, creando le situazioni di degrado e di abbandono sociale che i modenesi lamentano. Vengono in sostanza chieste idee, programmi, progetti e strategie nuove che l’attuale gruppo dirigente del Pd che amministra la città non sembra in grado di immaginare e proporre, al di là dei facili e a volte fumosi e futuristici interventi che vengono promessi  per gli anni a venire.

E qualcuno, a sostegno di questa necessità, ricorda una serie di fallimenti ‘storici’ dei programmi via via presentati e promessi dalle giunte comunali che si sono succedute in piazza Grande.

Tra questi, un ‘fallimento’ è dovuto alla progressiva distruzione del verde pubblico in larghe zone della città a causa di una cementificazione a volte selvaggia con spreco del suolo pubblico, a beneficio di grandi imprese edili e della grande distribuzione commerciale spesso legata a finanziarie estere, che ha aperto vasti supermercati che hanno danneggiato gravemente la rete  dei negozi storici del centro cittadino legati alle tradizioni e alla storia del territorio, un patrimonio di ricchezze e valori tramandato da  generazioni e ora in via di estinzione. E la progressiva distruzione del verde è stata qualche volta ricordata, seppure timidamente (forse per non perdere un assessorato in Comune) anche dai Verdi che si limitano tuttavia ad accennare a ‘suolo da difendere’, ammettendo a denti stretti l’esistenza del problema.

Anche se questa emergenza ambientale non è da addebitare solo al sindaco Muzzarelli (anche se è al governo da  quasi dieci anni) ma anche ai suoi predecessori, i sindaci Pighi e Barbolini, ai quali si deve l’inizio dell’epoca cementificatrice e della trasformazione del territorio, coi risultati che sono sotto gli occhi di tutti.

Un secondo ‘fallimento’ è legato alla tanto sbandierata integrazione degli immigrati di religione musulmana o di quelli provenienti dai paesi ex comunisti dell’est europeo con la popolazione modenese, fallimento dimostrato dalle crescenti difficoltà da essi incontrate ad integrarsi nella nostra realtà socio-culturale, di accettarne regole, leggi, usi e costumi, ma anche da parte delle nostre strutture amministrative locali e degli organismi ricettivi preposti, che non hanno evidentemente saputo raggiungere risultati soddisfacenti. I continui delitti e assassinii e i continui episodi di delinquenza che vedono coinvolti gli immigrati (furti, rapine, scippi, spaccio di droga, regolamento di conti, danneggiamenti, occupazione abusiva di capannoni o locali vuoti e abbandonati di cui il Comune si era dimenticato, violenze di ogni genere anche nei confronti di donne) sono fenomeni criminosi che non si è stati in grado di arginare. Ed è risibile che il sindaco Muzzarelli, di fronte all’efferato delitto in pieno giorno e davanti ai passanti di un giovane pakistano in piazza Novi Sad ad opera di connazionali, affermi candidamente che: “Ci sono troppi immigrati in città, impossibile accoglierli tutti e la sicurezza è a rischio”, accorgendosi solamente ora di una situazione nota a tutti, che cittadini e partiti di opposizione hanno capito e denunciato da anni, venendo per questo  accusati di ‘razzismo’ proprio da lui. Che, nel frattempo, ha perso  tempo con la narrazione di una città che non esiste, di “una città solidale, accogliente, ricettiva, inclusiva, multiculturale”. Tutti slogan consunti, elettoralistici e retorici, tesi a confondere i cittadini e a distrarli nel tentativo di nascondere la realtà dei fatti, ovvero le difficoltà incontrate dalla amministrazione comunale  di gestire l’accoglienza anche minorile di un numero sempre maggiore di immigrati, che sono poi quelli  che sbarcano sulle nostre coste. Accoglienza che ha mostrato ampie falle, gravi ritardi, disagio e problemi per gli interessati, preoccupazione e paura per i modenesi. 

Poi c’è il ’fallimento’ dell’obiettivo della sicurezza del cittadino e dell’altro retorico slogan di Modena “accogliente, sicura, ordinata e attrattiva”. Perchè Modena, città sede di una antica università, di una Accademia militare, di un Duomo e di un centro storico definiti dall’Unesco ‘patrimonio dell’umanità’, con un conseguente ricco patrimonio di storia, arte, cultura, di professioni e di insediamenti produttivi di alto livello tecnologico che la collocano tra le più avanzate, non può accettare e sopportare oltre le vergogne rappresentate dagli spettacoli quotidiani che offrono al visitatore il parco Novi Sad, off limits per tutti, soprattutto per mamme e bambini, la zona della stazione ferroviaria, della stazione piccola e della stazione delle autocorriere, di viale Crispi, dell’intero quartiere della Sacca e non solo del palazzo R-Nord (dal quale tutti vogliono andarsene come ha fatto il market della Coop prima e, ora, anche  For Modena), del gioiello rappresentato dal suo centro storico offeso, ferito e umiliato dalla microcriminalità che imperversa notte e giorno e che colpisce le attività commerciali, i loro titolari e i loro clienti, il degrado e la frequentazione poca gradita di tossico, sbandati, ubriachi, dei giardini ducali, dei giardini di viale Caduti, del parco XX Settembre. 

Senza dimenticare i clamorosi episodi di violenze tra studenti e tra questi e il corpo insegnante avvenuti all’interno dell’Istituto Corni, di cui si sono occupate anche emittenti televisive nazionali. Ma anche l’aumento dell’inquietante fenomeno del  riciclaggio di denaro sospetto che avviene nel nostro territorio (Modena è seconda dietro Bologna in questa poco invidiabile classifica), fenomeno questo denunciato anche di recente da una ricerca di Franco Zavatti per conto della Cgil.

E, di fronte a questi ‘fallimenti’ e a queste  emergenze sociali, il Comune che fa? L’ufficio stampa del sindaco informa che Muzzarelli ha scritto una lettera al presidente del consiglio Meloni (quella in carica da cinque mesi) per chiedere ‘aiuto’ sull’ordine pubblico e per dare maggiore sicurezza ai modenesi, dimenticandosi tuttavia di informare di cosa gli hanno risposto in precedenza i ministri del suo partito, il Pd, che sono stati al governo per dieci anni e fino a cinque mesi fa, cioè  i vari Letta, Gentiloni, De Micheli, Guerini, Provenzano, Boccia, Franceschini, Orlando e i ministri degli Interni Minniti e Lamorgese, ma anche altri uomini di sinistra come quello della sanità Speranza e una modenese, la senatrice Maria Cecilia Guerra, che è stata per anni e sino a sei mesi fa sottosegretario all’Economia nel governo Draghi.

Di fronte a questo stato di cose, è stata la qualità della vita che è peggiorata invece di migliorare, collocando Modena tra le città più inquinate d’Italia, che deve ricorrere continuamente alle giornate ecologiche (quella col blocco delle auto) per cercare di ridurre lo smog e migliorare la pessima qualità dell’aria. Modena  è anche una delle città più care della Regione e tra quelle col minore numero di alloggi disponibili per gli studenti universitari. Che ha un trasporto pubblico lacunoso e insufficiente, come lamentano i lavoratori pendolari, gli studenti e il personale viaggiante coi loro sindacati e  una circolazione automobilistica cittadina caotica, addirittura paralizzata in certe ore e in alcuni snodi, che aumenta lo smog.

Altro ‘fallimento’ che ha assunto, questo,  le caratteristiche  di una vera e propria emergenza sociale, è rappresentato dal nuovo sistema di raccolta dei rifiuti urbani condotto da Hera, che fa di Modena una città  sporca come mai si era visto in passato, coi cittadini infuriati per i rifiuti abbandonati per giorni nelle strade e nelle piazze. E per fortuna che non  fa ancora caldo...
E i quotidiani, come La Pressa, parlano giustamente di una situazione ‘fuori controllo’, di un sistema quello del ‘porta a porta’ che è una ‘vergogna’, mostrando foto della città che assomigliano a quelle di Roma.

Città ferma, dunque, ingessata, priva di slanci, senza progettualità e strategie vere e serie per il futuro, che non siano le solite promesse di futuristici vaghi interventi che non risolvono i problemi attuali che assillano la città, come è stato detto anche dalle minoranze in consiglio comunale nella  discussione sul bilancio del Comune, bilancio approvato dai soli partiti di maggioranza. 
“Pattume e criminalità”: questo il biglietto da visita di Modena, come ha scritto qualcuno.

C’è dunque una sempre maggiore consapevolezza della necessità di un cambio della classe politica che amministra il Comune ininterrottamente da quasi ottant’anni, della necessità di idee e mentalità nuove, adeguate ai mutamenti intervenuti nella società modenese, di nuovi amministratori non vincolati ad ideologie di partito, che provengano dalla società civile, dai mestieri e dalle professioni, meno autoreferenziali rispetto agli attuali, meno arroganti ed egocentrici, maggiormente disponibili all’ascolto dei cittadini e delle idee degli altri partiti.
Una città che torni ad essere virtuosa, protagonista e diversa dall’attuale che non è affatto “green, smart, sicura, pulita, ordinata, attrattiva ed attraente” come sostiene la retorica di piazza Grande.
Magari con una salutare (per la democrazia) alternanza al potere, come  invoca lo stesso Pd quando è in minoranza.

Cesare Pradella

Cesare Pradella
Cesare Pradella

Giornalista pubblicista, è stato per dieci anni corrispondente da Modena del Giornale diretto da Indro Montanelli, per vent'anni corrispondente da Carpi del Resto del Carlino, per cinque..   Continua >>


 

Mivebo

Il Punto - Articoli Recenti
Mail dipendenti usata per spot: Mezzetti ha avuto il coraggio di sfidare la macchina comunale
Il candidato Pd attacca: 'Necessità di definire un miglior equilibrio tra trasparenza ..
20 Maggio 2024 - 18:31
Voto a Carpi, il possibile flop di Azione inquieta Righi
Non solo, la campagna elettorale di Righi è saldamente nelle mani dei soliti noti, seppur ..
18 Maggio 2024 - 12:58
Modena, la campagna elettorale del fair play (forse troppo)
Mezzetti ha da guadagnare maggiormente da questa campagna elettorale 'soft'. Per questo, ..
15 Maggio 2024 - 07:03
Voto a Carpi: ecco come finirà. Non serve la sfera magica
Righi arriverà a sfiorare addirittura il 60% di voti potenziali. Annalisa Arletti si ..
14 Maggio 2024 - 14:07
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58