O Bonaccini commissario o muerte, Pd emiliano gioca il tutto per tutto
VLP Events
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
VLP Events
articoliIl Punto

O Bonaccini commissario o muerte, Pd emiliano gioca il tutto per tutto

La Pressa
Logo LaPressa.it

Ma che messaggio passerebbe ai cittadini, agli alluvionati, se si promuovesse Bonaccini? Che tutto è stato svolto perfettamente, che non si è sbagliato nulla e che quindi nulla si farà di meglio in futuro. Perchè questo è il migliore dei mondi possibili


O Bonaccini commissario o muerte, Pd emiliano gioca il tutto per tutto
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Non c'è un piano B. Il sistema Pd emiliano, sul nome di Stefano Bonaccini come commissario della ricostruzione post-alluvione, si gioca il tutto per tutto. Gli ultimi appelli a una promozione del governatore sono quelli del sindaco di Bologna Matteo Lepore, per il quale 'esiste un nome solo', e di Legacoop Romagna il cui presidente Paolo Lucchi ha detto che 'deve essere Bonaccini perchè conosce bene il territorio', ma in realtà le prese di posizione più o meno spontanee dell'universo Pd pro-Bonaccini sono state innumerevoli. Tutti a ripetere lo stesso ritornello a favore del presidente della Regione Emilia Romagna.

Ma dietro a questo 'o Bonaccini o muerte' è evidente che si cela ben altro rispetto alla necessità narrata di 'ricostruire in fretta'. L'Emilia Romagna rappresenta infatti l'ultimo vero baluardo per un centrosinistra in profonda crisi a livello nazionale e i capibastone del feudo emiliano sentono l'urgenza di difendere un sistema di potere ultra settantennale.

A tutti i costi. Una difesa che oggi passa dalla esigenza che il commissario chiamato a gestire i miliardi della ricostruzione sia anche un garante di un preciso modello di potere politico-economico. E chi meglio di Stefano Bonaccini, ex segretario regionale del Pd emiliano, presidente del Pd nazionale e con un cursus honorum incastonato in modo indissolubile nel centrosinistra, può rispondere a questa necessità? E del resto anche il diretto interessato si è detto ripetutamente 'pronto', anzi stupito di non essere stato ancora chiamato. Come fosse un atto dovuto.



Eppure, pur in una narrazione emiliana costruita meticolosamente per sorreggere le virtù dell'uomo partito da Campogalliano per raccogliere l'eredità di Berlinguer, il paradosso di volergli assegnare il compito della ricostruzione dal fango immondo, putrido e insano della alluvione è evidente.

Bonaccini è da otto anni alla guida della Regione e le sue responsabilità in termini di manutenzione e prevenzione idrogelogica sono sotto gli occhi di tutti. Oggi sono in pochi a non ammettere che sul fronte della realizzazione di nuove casse di espansione e su quello della manutenzione puntuale dei fiumi non si è fatto a sufficienza e solo la propaganda cieca (basata su un assurdo parallelismo terremoto-alluvione), non ammette che quanto è accaduto non può essere imputato solamente alle precipitazioni estreme e al cambiamento climatico. Non è solo colpa del Destino o di Dio se mezza Romagna è andata sott'acqua, perchè se si pensa questo allora significa ammettere che anche per il futuro non si hanno armi e che il territorio sarà costretto a rivivere drammi simili ogni anno con gli amministratori inermi e impossibilitati a fermare la furia della Natura.

No non è solo colpa del Fato crudele, le responsabilità politiche sul fronte della scarsa cura del territorio ci sono (vedremo se la magistratura, che ha aperto un fascicolo per disastro colposo contro ignoti, ne ravviserà anche di penali) e lo dimostrano, insieme alla tragedia della Romagna, le sette alluvioni avvenute in Emilia Romagna dal 2014. Ma se esistono responsabilità come è possibile immaginare politicamente di chiedere al primo amministratore chiamato a difendere il territorio dal punto di vista idrogeologico, di ricostruire il territorio stesso? Che messaggio passerebbe ai cittadini, agli alluvionati? Che tutto è stato svolto perfettamente, che non si è sbagliato nulla e che quindi nulla si farà di meglio in futuro. Perchè questo è il migliore dei mondi possibili.
Ma gli argomenti, per quanto razionali, non bastano: il Pd in Emilia Romagna gioca la partita della sopravvivenza. Un istinto primordiale che scavalca ogni logica e ogni ragionamento.
Giuseppe Leonelli

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Il Punto - Articoli Recenti
Modena: Azione sotto le aspettative, ma Zanca vince in strategia
Il commissario del partito di Calenda di meriti storici ne ha di certo, ma in queste ..
09 Luglio 2024 - 23:08
Modena, Solomita lascia: a lui non mancherà il Pd ma al Pd mancherà lui
Solomita nella sua gestione ha certamente usufruito dell’appoggio di Bonaccini e Baruffi, ..
07 Luglio 2024 - 19:59
Modena, virata a sinistra di Mezzetti: l'opposizione ringrazia
Ma per costruire le basi di qualcosa di nuovo occorre capire cosa si è sbagliato, ..
03 Luglio 2024 - 09:18
‘Mi si nota di più se non vengo?’ La sindrome dell’addio al potere di Muzzarelli
Quanto emerge chiaramente dalla prima uscita pubblica ufficiale di Mezzetti, è la distanza ..
02 Luglio 2024 - 21:47
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58