Post alluvione, la strategia di Bonaccini: dare ogni colpa al Governo
e-work Spa
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
e-work Spa
articoliIl Punto

Post alluvione, la strategia di Bonaccini: dare ogni colpa al Governo

La Pressa
Logo LaPressa.it

Eppure le relazioni tecniche che certificano la responsabilità politica di chi aveva il dovere di gestire la rete idrogeologica regionale non mancano


Post alluvione, la strategia di Bonaccini: dare ogni colpa al Governo
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

'A tre mesi dall’alluvione in Emilia-Romagna, continuano a non venire stanziati i fondi per gli indennizzi a cittadini e imprese. Ma invece di dare risposte, il Governo taglia dal Pnrr le risorse per la difesa del suolo'. La stroncatura rispetto all'operato del Governo nel post alluvione arriva ancora una volta da Stefano Bonaccini. Concetti poi ripresi ieri durante la visita di Francesco Paolo Figliuolo nel bolognese e nell'imolese (foto sopra).
'Abbiamo il dovere di assicurare alle persone che hanno perso tutto che riavranno quello che hanno perso, al 100%, così come il Governo si è impegnato a fare - ha detto Bonaccini -. Lo stesso alle imprese. Il problema è che a oggi non ci sono le risorse per farlo. Ci sono quelle per fare alcuni cantieri, vanno erogate perché chi li realizza deve avere la certezza di poter lavorare.

Abbiamo Comuni che hanno usato tutto l’avanzo che avevano per gli interventi urgenti. Abbiamo bisogno dello Stato, del Governo. Quello che possiamo garantire è la forza d’animo, la capacità di rimboccarci le maniche, di lamentarci poco e di collaborare molto'.

Ma accanto a questa ripetuta disponibilità a collaborare, Bonaccini non perde occasione per lanciare critiche al Governo tentando di scaricare ogni responsabilità su Roma, dimenticando e mai affrontando il tema della genesi del disastro dell'alluvione in Romagna.
Eppure le relazioni tecniche che certificano la responsabilità politica di chi aveva il dovere di gestire la rete idrogeologica regionale non mancano.
'La ricorrenza dell'evento compreso tra il 16 e il 18 maggio in Romagna è di 20 anni, massimo 50, ben al di sotto di quanto un sistema territoriale potrebbe e dovrebbe reggere - ha detto recentemente a Lugo, riferendosi al bacino idrografico romagnolo e poi ribadito per il bacino bolognese, il professor Stefano Orlandini, ordinario di Costruzioni idrauliche e marittime e Idrologia presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Università di Modena e Reggio Emilia -.

I sistemi fluviali se ben dimensionati e mantenuti hanno la possibilità di gestire eventi di questo tipo ma non è successo. Il territorio romagnolo si è dimostrato incapace di gestire le precipitazioni. I 781 milioni di metri cubi di acqua caduti e misurati dai 95 pluviometri ci dicono che siamo di fronte ad un evento grande, raro, ma non ci si può fermare a questo dato. Se relazionato alla durata delle 36 ore e ad un tempo di corrivazione dei bacini maggiori del territorio romagnolo di 12 ore, emerge come evento con tempo di ritorno 20 anni nella maggior parte dei casi e in alcuni casi 50, comunque non superiori a quelle che sono le possibilità di controllo'.

Bonaccini dal canto non ha mai minimamente sfiorato il tema delle responsabilità in termini di manutenzione e potenziamento infrastrutturale rispetto all'alluvione in Romagna e l'unico ritornello che si leva dalla sede della Regione è l'attacco al Governo, debitamente sostenuto dalla rete politica, associativa e culturale di riferimento. Prima sulla mancata nomina di Bonaccini stesso a commissario (Figliuolo gli ha dato comunque i gradi di subcommissario) e poi sulla mancanza di risorse immediate per procedere coi lavori. Del resto le elezioni locali sono vicine ed è evidente che il tema della sicurezza idraulica sarà centrale in campagna elettorale. Così come sarà centrale il nodo della sicurezza, terreno di scontro all'interno del quale il Pd locale, a Modena in particolare, si muove in modo speculare attaccando il Governo ed evitando ogni autocritica.
Giuseppe Leonelli

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Il Punto - Articoli Recenti
Voto a Carpi, il possibile flop di Azione inquieta Righi
Non solo, la campagna elettorale di Righi è saldamente nelle mani dei soliti noti, seppur ..
18 Maggio 2024 - 12:58
Modena, la campagna elettorale del fair play (forse troppo)
Mezzetti ha da guadagnare maggiormente da questa campagna elettorale 'soft'. Per questo, ..
15 Maggio 2024 - 07:03
Voto a Carpi: ecco come finirà. Non serve la sfera magica
Righi arriverà a sfiorare addirittura il 60% di voti potenziali. Annalisa Arletti si ..
14 Maggio 2024 - 14:07
Voto Modena, Negrini: da ragazzo di bottega a traino della coalizione
Un atteggiamento che ha iniziato a preoccupare anche il centrosinistra che a Modena in ..
06 Maggio 2024 - 07:26
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58