Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
Onoranze funebri Simoni
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
articoliIl Punto

Ucraina, quando tutto sarà perduto ricordatevi di chi ha lavorato per evitare ogni mediazione

La Pressa
Logo LaPressa.it

Eppure con una spavalderia ingiustificata, guardiamo al futuro con positività e ottimismo poiché noi siamo l’Occidente…


Ucraina, quando tutto sarà perduto ricordatevi di chi ha lavorato per evitare ogni mediazione

Leggo sul quotidiano “la Repubblica” un articolo che informa su quali sarebbero le contromisure italiane nel caso in cui la Russia dovesse sospendere completamente la fornitura di gas. A quanto pare, l’interesse verso le battaglie e le eroiche resistenze va scemando, anche perché la procedura di guerra si ripete uguale: i soldati ucraini nascondono carri armati e batterie missilistiche tra le case delle zone residenziali, usano edifici come caserme e, di fatto, trasformano la popolazione in scudi umani. I russi iniziano a bombardare le periferie per far fuggire i civili e lasciare che lo scontro sia solo tra soldati; la battaglia va avanti fino a quando è rimasto qualcosa in piedi, dopodiché, i soldati ucraini si spostano nella cittadina successiva, i civili della precedente e che si sono salvati, vagano disperati tra le macerie della loro casa e tutta la sequenza riprende altrove.

Il presidente Zelensky chiede droni per individuare il nemico e obici di massima precisione e di lunga gittata per colpire le batterie russe: l’Armata di Mosca, con carri armati e soldati a piedi, non si avventura più tra le case a fare da bersaglio. Dal punto di vista giornalistico, lo scontro ha perso fascino, non è più così coinvolgente da suscitare romantiche narrazioni e al dramma si aggiunge un altro dramma: quello della morte che deve fare spettacolo, notizia, altrimenti può anche essere taciuta o appena accennata.

Si passa quindi a temi più pratici, le conseguenze economiche della guerra e si viene a sapere che abbiamo previsto tre livelli di allarme. Per il momento siamo fermi al primo, ma con ogni probabilità saremo costretti a passare presto ai successivi con interventi che vanno dal “razionamento” del gas alle industrie che producono energia, al maggior utilizzo delle centrali a carbone. In parallelo, dovremo seguire politiche di austerity dei consumi, come diminuire la temperatura per il riscaldamento delle abitazioni, degli uffici e risparmiare sull’illuminazione pubblica. Infatti, il piano di emergenza di Draghi prevede che le sei centrali ancora in attività (la cui chiusura era prevista per il 2025 e che si trovano in Sardegna, a Venezia, a Monfalcone, a Civitavecchia e Brindisi) aumentino la produzione di elettricità.

Siccome tutto necessità di energia per essere prodotto, il governo ha stanziato 30 miliardi per contenere gli effetti della crisi su famiglie e imprese, al fine di contenere il rincaro delle bollette e sostenere le imprese colpite da effetti collaterali come i maggiori costi per il trasporto. Tutto ciò non basterà e, anche quando riusciremo a sottoscrivere nuovi accordi con altri Stati per la fornitura di gas, i costi saranno come minimo raddoppiati ma, purtroppo, non saranno raddoppiate pensioni e stipendi.
Con una spavalderia ingiustificata, guardiamo al futuro con positività e ottimismo poiché noi siamo l’Occidente: siamo la parte migliore del mondo, la più ricca, quella democratica, alla quale nessun obiettivo è troppo arduo. Forse, ma a questo punto è giustificabile ascoltare una voce opposta e critica: quella di  Andrea Zhock (nella foto), Professore Associato dell'Università di Milano di Filosofia morale e con numerose pubblicazioni tra le quali ricordiamo: Il concetto di valore: dall’etica all’economia (2001), Lo spirito del denaro e la liquidazione del mondo (2006), Emergentismo (2011), La realtà e i suoi sensi (2012), Rappresentazione e realtà (2014), Libertà e natura (2017). Ecco le sue parole

'Quando l'Ucraina sarà un deserto di rovine, smembrato tra Russia e Polonia, con milioni di profughi, mentre la recessione distruggerà quel che resta del welfare europeo e la nuova cortina di ferro sul mar Baltico ci costringerà a tempo indefinito a spendere le ultime risorse in armamenti, quel giorno e in tutti gli anni a venire, per piacere, ricordatevi di tutta la compagine di politici, opinionisti e giornalisti che nel febbraio scorso vi spiegavano come fosse un affronto inaccettabile per l'Ucraina sovrana rinunciare all'adesione alla Nato e accettare gli accordi di Minsk, che aveva sottoscritto.
Ricordatevi di quelli che hanno lavorato indefessamente giorno dopo giorno per rendere ogni trattativa impossibile, che hanno nutrito ad arte un'ondata russofobica, che vi hanno descritto con tinte lugubri la pazzia / malattia di Putin, che vi hanno spiegato come l'Europa ne sarebbe uscita più forte di prima, che vi hanno raccontato che la via della pace passava attraverso la consegna di tutte le armi disponibili, che hanno incensato un servo di scena costruito in studio come un prode condottiero del suo popolo.
Se 5 mesi fa non avessero avuto la meglio queste voci miserabili, se l'Ucraina non fosse stata incoraggiata in ogni modo a 'tenere il punto' con la Russia (che tanto garantivamo noi, l'Occidente democratico), l'Ucraina oggi sarebbe un paese cuscinetto, neutrale, tra Nato e Russia - con tutti i vantaggi dei paesi neutrali che sono contesi commercialmente da tutte le direzioni - un paese pacifico dove si starebbe raccogliendo il grano, e che non piangerebbe decine di migliaia di morti (né piangerebbero i loro morti le madri russe).
Ma, mosso dal consueto amore per un bene superiore, dai propri celebri principi non negoziabili e incorruttibili, il blocco politico-mediatico occidentale ha condotto la popolazione ucraina al macello e i popoli europei all'immiserimento e ad una subordinazione terminale.
Non si pretende che reagiate, figuriamoci, ma almeno, per piacere, non dimenticate'.
Massimo Carpegna




Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Massimo Carpegna
Massimo Carpegna

Visiting Professor London Performing Academy of Music di Londra. Docente di Formazione Corale e del master in Musica e Cinema presso Istituto Superiore di Studi Musicali Vecchi Tonelli..   Continua >>


Onoranze funebri Simoni

Il Punto - Articoli Recenti
Ucraina, tra Pd e Fdi è corsa a chi ..
Le parole di ieri di Giorgia Meloni hanno stupito per il loro estremismo e nascondono il ..
29 Luglio 2022 - 18:15
Elezioni, ora è impossibile ..
La sacrosanta esigenza di perdonare, di passare oltre non c'entra nulla. Tutto questo è ..
25 Luglio 2022 - 16:38
I danni di Reddito di cittadinanza e ..
I temi non risolti e le responsabilità che il Presidente del Consiglio ha provato a ..
22 Luglio 2022 - 11:45
Draghi cerca la delega in bianco: ..
'Votate risoluzione Casini'. L'ultimo atto di arroganza politica di un premier che ha sempre..
20 Luglio 2022 - 17:34
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58