Rave street Modena: droga, alcol e sballo si fanno 'regola', nella giornata del paradosso
e-work Spa
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
e-work Spa
articoliIl Punto

Rave street Modena: droga, alcol e sballo si fanno 'regola', nella giornata del paradosso

La Pressa
Logo LaPressa.it

In una dimensione surreale si è concluso senza problemi di ordine pubblico, sfociando al Parco Ferrari, il lungo corteo da 6000 giovani organizzato a Modena. Un evento frutto di incontro, giocato quasi sul fronte del paradosso, tra le regole e la loro negazione. Oggi è nato un ibrido dove è difficile capire se il rave si è fatto legge o la legge si è fatta rave


  • Rave street Modena: droga, alcol e sballo si fanno 'regola', nella giornata del paradosso
  • Rave street Modena: droga, alcol e sballo si fanno 'regola', nella giornata del paradosso
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Alla domanda, sorta già dopo la fine del rave abusivo dello scorso anno, se ci fosse la possibilità di fare convivere, trovandone un punto di incontro, la logica fuori dalle regole (quella sintetizzata nell'acronimo  TAZ che identifica un evento estemporaneo, che esiste nel momento in cui improvvisamente si crea in un luogo fuori dai luoghi, fuori dal tempo e, appunto, dalle regole), e il rispetto delle regole stesse alla base del vivere civile, difficilmente avremmo potuto trovare una risposta teorica e tantomeno pratica. Quest'ultima però sembra essere arrivata oggi, nel lento e rumoroso svolgersi dello Street Rave Party, diventato nelle sue forme, e nel suo essere inserito in una cornice organizzata e istituzionalizzata, più party che rave. 

Un evento, illegale nella definizione letterale e nello spirito che, accettando di inserirsi nell'edizione del 28 ottobre, in quadro regole imposte dalle istituzioni, si è fatto altro.

In un luogo, altro. Dove gli opposti sembrano essersi incontrati. Al punto da rendere legittimato quello che nornalmente non lo è.
Dal passaggio di droga tra centinaia di mani, dal rullarsi decine di canne seduti o sdraiati sui muretti dei viali in un affollato sabato pomeriggio, davanti a decine di agenti bevendo fiumi di birra in bottiglie di vetro o spillata e somministrata liberamente e senza controllo anche da camion diesl euro 2 accesi per 6 ore in pieno centro e in movimento. Il tutto racchiuso per questo in una cornice sempre più sottile, quasi a rendersi invisibile, di legalità. Su un piano dove gli opposti si sono incontrati, dopo aver fatto un giro lungo come quello di 6 chilometri di viali percorsi dal corteo. Polizia e Anarchia.

Un luogo dove la strutturata organizzazione che dal piano nazionale ed internazionale ha avuto centro oggi, nel suo nucleo modenese nei volti e personaggi noti della galassia anarchica, ha incontrato la legge, le regole, quelle regole contro le quali ha preso senso il rave stesso di oggi. Con anarchici storici ad indossare pettorine arancioni o fluerescenti identificati come addetti alla sicurezza o operatori ecologici, capaci di pulire le strade attraversate meglio di Hera, lasciandole libere da rifiuti più di quanto lo erano prima del corteo.

Eppure oggi, in quel corteo, c'erano tanti, ma proprio tanti di coloro che avevano partecipato e condiviso le modalità senza spazio, senza tempo, senza regole, dell'evento di un anno fa, a Modena. Da mezza Italia. Un evento, quello di un anno fa, nel capannone a Modena Nord, a seguito del quale è generato il decreto Anti Rave, e a seguito del quale è generata la reazione contraria che ha portato, almeno ufficialmente e dichiaratamente, all'evento di oggi. Un cerchio che si chiude. Dove per contestare il decreto di un governo si scelgono le forme e le regole dettate da quello stesso governo e da quelle istituzioni che a voce si contestano. Dove gli opposti (oramai solo teorici), della legge, delle regole, e dell'anarchia, si incontrano e vanno a braccetto. Dove, come emerge l'immagine di un ragazzo steso a terra il cui corpo invade un marcipiede dove famiglie con bambini e disabili in carrozzina faticano a passare, è difficile distinguere se è la legalità che si è fatta rave o il rave che si è fatto legge. 

Certo è che dall'incontro regolato ed istituzionalizzato di un mondo teoricamente, anche se temporanemente, fuori dalle regole, e le istituzioni che quelle regole le sanciscono e le applicano, è nato qualcosa di diverso, forse di nuovo. Un ibrido, che non si sa se meglio o peggio. Sicuramente un qualcosa che costituisce un precedente. Un precedente che soddisfa tutti, oggi, quantomeno nell'esito finale, perché senza scontri e conseguenze in termini di decoro (anche se su questo punto ci serebbe da discutere), e ordine pubblico, ma sposta il confine definito da legge e regolamenti. Creandone, appunto, un precedente. Così come sposta, anzi traccia, confini per chi i confini non li ha mai voluti avere e che dopo oggi farà più fatica a contestare. Oggi quel confine si è spostato, per entrambi gli attori sulla scena, ed è difficile prevedere quanto l'equibrio che ne è nato potrà durare. A meno che di non dichiarare finita la stagione dei Rave. Quelli veri.

Gi.Ga.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Il Punto - Articoli Recenti
Barcaiuolo non ha perso: con le preferenze ha allontanato Dondi e Rossini
A Modena Pulitanò con oltre 800 preferenze doppia Daniela Dondi – candidata appositamente..
11 Giugno 2024 - 17:20
Sassuolo, Carpi, Modena: tracollo centrodestra, ma si fa finta di nulla
In Fdi nessun mea culpa sull'aver lasciato solo Negrini. La sua colpa? Averci creduto: grave..
11 Giugno 2024 - 12:18
Modena: il Pd ha stravinto, ma Negrini non meritava di restare solo
A Negrini non avevano detto tutto e ora, all’apparir del vero, il rischio è quello di ..
10 Giugno 2024 - 19:48
Europee a Modena, il valzer preferenze: male Fdi e Cavedagna incassa meno del previsto
A Modena prende solo poco più della metà delle preferenze che Bignami avrebbe chiesto a ..
10 Giugno 2024 - 11:52
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58