GIFFI NOLEGGI
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Udicon
articoliSocieta'

Richetti, gli alti e bassi di un grillino-scout alla corte di Renzi

La Pressa
Logo LaPressa.it

Dopo alterne vicende, il Matteo modenese oggi è di fatto il numero 2 del Pd a livello nazionale, subito dopo Renzi. Le sue posizioni di merito e il suo atteggiamento formale lo accomunano ai modi tipici dei 5 Stelle. La sua speranza? Che, per una volta, l'imitazione venga preferita all'originale



Warning: Undefined variable $expStr in /var/www/vhosts/lapressa.it/httpdocs/article.php on line 494

Warning: Trying to access array offset on value of type null in /var/www/vhosts/lapressa.it/httpdocs/article.php on line 494
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

La carriera politica di Matteo Richetti da Fiorano vive di alti e bassi. Da sempre. Almeno da quando ha deciso di legare a doppio filo il suo percorso politico a quello di Matteo Renzi. Renziano della prima ora, Richetti venne preso alla prima Leopolda da Renzi come l'esempio da imitare. Come il giovane, bello (bellissimo) e rampante presidente dell'assemblea legislativa emiliana che aveva tagliato i costi della politica. Un grillino in salsa cattolica, un grillino da parrocchia, da gruppi scout, da oratorio. Un grillino che predicava il taglio dei costi della macchina amministrativa, ma senza spaventare le nonne in cucina, con parolacce o urla.

Un amore quello con Renzi durato qualche anno e condiviso dai fan (e le fan) modenesi di Richetti, i quali (e le quali), da Fabio Braglia a Ludovica Ferrari, da Giulia Pigoni a Umberto Costantini, abbracciarono Renzi non in quanto Renzi, ma in quanto padrino del loro Richetti.

 

Poi le cose sono cambiate, improvvisamente. L'inchiesta spese pazze, qualche scivolone (non si sa bene di che tipo) a livello nazionale e il Matteo modenese diventa improvvisamente inviso al Matteo fiorentino. Stop alle apparizioni in tv, basta con i comizi alla Leopolda, superato alla presidenza della Regione dal convertito Stefano Bonaccini (che Richetti chiama simpaticamente Bonimba, ma che se potesse lo chiuderebbe in una stanza con Giuliano Ferrara, Bruno Vespa e Gianluigi Paragone), Richetti nel periodo di governo Renzi diventa un'ombra. Un fantasma, abbandonato anche da qualche suo storico sovvenzionatore modenese (uno dei quali egli accusò addirittura di voler fare il ras di quartiere).

In questa fase di 'disgrazia politica' (disgrazia si fa per dire perchè Richetti resta deputato a 10mila o circa euro al mese), il fioranese lancia segnali contrastanti. Ai suoi dice, giura e spergiura di volere abbandonare la politica per sempre.

Fa cene d'addio e abbraccia tutti. Intanto però, un po' come Gianni Morandi nella sua fase nera, scrive un libercolo (Harambee, poche pagine piene di buoni sentimenti), e ne utilizza la presentazione in tutta Italia (dalle feste della rana alla sagra della mortadella) come grimaldello per riapparire. Per tornare sulla scena (tanto è vero che il lungimirante Pd modenese targato grigiore-Bursi gli vieta di presentarlo ad Albareto. Come dire: il Pd è sempre avanti...)

Alto, basso e, improvvisamente, di nuovo alto. Alla vigilia del referendum (rivelatosi disastroso) del 4 dicembre, Renzi prova la mossa della disperazione e richiama i suoi fedelissimi della prima ora. Esiliati per motivi diversi: la Bonafè, Gori e, appunto, Richetti.

Il referendum va come tutti sanno, ma Richetti ormai è tornato comunque in sella.

A fianco di Renzi anche nel suo momento di dolore (per citare il leopoldino Ligabue), quando giura (proprio come fece egli stesso) di voler lasciare tutto (governo, partito, fors'anche l'Italia e la via lattea), Richetti viene scelto dall'ex premier come portavoce nazionale della sua mozione congressuale.

Ed è di nuovo amore: Richetti ora è al Tg1 delle 20 un giorno sì e uno no. E' lui il volto, la voce, i capelli (pochi ma non diciamoglielo) di Renzi. E quando Renzi trionfa, Richetti trionfa.

E adesso? Oggi Matteo Richetti è al fianco del segretario Pd e numero 2 (grillini permettendo) del futuro premier. E proprio i grillini, come ai bei tempi della presidenza dell'assemblea regionale, tornano ad essere il modello di Richetti. Il grillino da oratorio ora è il numero 2 del Pd. E torna a rilanciare i suoi temi. Primo fra tutti il taglio dei vitalizi. Proposta grillina nel merito e difesa da Richetti in modo altrettanto grillino: dopo l'attacco delle Iene, un bel video in perfetto stile Beppe Grillo. E non ci stupiremmo se scoprissimo che le maglie gialle dei Dem che puliscono Roma in chiave anti-Raggi  siano una pensata di Richetti. Anche negli scout del resto funziona così. Gli stessi scout che pur di pulire qualcosa qualche anno fa lavarono via con acqua e sapone un raro disegno preistorico di 15mila anni fa trovato in una grotta francese...

Con una speranza di fondo che anima l'agire di Matteo da Fiorano: che per una volta gli elettori preferiscano all'originale (Grillo), l'imitazione-cattolica (Richetti).

Giuseppe Leonelli

 


Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


Whatsapp
Societa' - Articoli Recenti
Piena del Po, a Piacenza media ..
'La piena va a interessare diverse aree golenali. Si invita a prestare attenzione e prudenza..
03 Aprile 2024 - 13:30
La ciclabile Modena-Maranello sarà ..
Identificabile da un nuovo logo e relativa segnaletica collegherà anche idealmente i musei ..
02 Aprile 2024 - 18:07
Acquisti online: comprano prodotti a ..
La denuncia del presidente regionale del Codacons Fabio Galli
02 Aprile 2024 - 13:53
Ex Mercato Bestiame: dopo 20 anni ..
Il Piano Periferie ha solo accellerato un processo che sconta errori di programmazione e ..
02 Aprile 2024 - 10:03
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto ..
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 ..
Il padre: 'Non credo il vaccino abbia influito. In ogni caso non mi importa il motivo, farei..
09 Settembre 2021 - 20:11
Il sindacato dei carabinieri: 'Green ..
'Al carabiniere non vaccinato è vietato mangiare in mensa con i vaccinati, però può ..
03 Ottobre 2021 - 23:39
'Trombosi cerebrale dopo la seconda ..
La storia di una ragazza 24enne residente nel milanese. Si chiama Valentina Affinito e vive ..
11 Febbraio 2022 - 14:24