Confesercenti Modena
GIFFI NOLEGGI
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Confesercenti Modena
articoliIl Punto

Rifiuti, il Pd lancia 'fase 2': strategia per nascondere il disastro

La Pressa
Logo LaPressa.it

Come fare una marcia indietro senza ammettere di fare marcia indietro? Basta chiamare la giravolta 'fase 2'


Rifiuti, il Pd lancia 'fase 2': strategia per nascondere il disastro
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

In fondo è tutta una questione di parole, di racconto e di capacità di narrazione. L'esempio del cambio di rotta della giunta di Modena sulla gestione dell'immondizia ne è l'esempio lampante.
I fatti sono questi: la raccolta porta a porta introdotta a Modena mesi fa è stata un fallimento totale. Da subito. I cittadini si sono ritrovati da un giorno all'altro con sacchi di rifiuti in strada, con cassonetti eliminati e mai rimpiazzati e con ratti e uccelli a banchettare in quella che doveva essere la 'raccolta differenziata'.
Hera parallelamente ha continuato a bruciare la stessa (anzi un po' di più) quantità di rifiuti nell'inceneritore di via Cavazza e le bollette della Tari non sono scese di una virgola. I cittadini, tutti, di destra, di sinistra, anarchici e pure quelli, incredibile a dirsi, innamorati della praticità di Calenda, si sono imbufaliti.

Segnalazioni a non finire ai giornali, ai partiti politici, al Rifiutologo di Hera e anche al postino. A Modena non si parlava d'altro. Addirittura si mormora che anche a una riunione dei Lions prima del suono della campanella e dell'Inno di Mameli si sia proposto un service per ripulire strade e coscienze. 

A fronte di questa debacle totale il Pd e la giunta che ne è espressione rappresentata dal tandem Muzzarelli-Filippi, ha provato a tenere il punto. Ha dato la colpa agli 'incivili', ha posizionato telecamere ovunque e ha minacciato multe anche a chi fosse stato sorpreso a gettare un piatto di simil plastica nel bidone della carta senza prima aver fatto analizzare il tutto da un ingegnere dei materiali. Pugno duro e fermezza. Per mesi questa è stata la strategia del Comune di Modena, di Hera e di tutta la maggioranza tutta.


Poi, come folgorato sulla via di Damasco, il Pd ha compreso che tra pochi mesi a Modena si vota. Anche Bologna ha fatto marcia indietro e ha riposizionato i vecchi cassonetti. Il dubbio è iniziato a insinuarsi in modo sottile tra le camicie con le maniche perennemente rimboccate (l'apparenza è tutto) dei dirigenti Pd: non è che sui rifiuti si rischia di perdere tutto? Non è che per 'sta mania di differenziare ogni cosa si perde tutto il pacchetto di potere che da 80 anni gravita su Modena?

E allora che fare? Come fare una marcia indietro senza ammettere di fare marcia indietro? L'illuminazione pare sia giunta una notte a un dirigente Pd di provincia. Dilaniato da incubi notturni si narra gli sia apparsa una visione inaspettata. Solo due parole: 'Fase due'. Ecco la soluzione. La mattina, con l'animosità dell'Innominato pronto a convertirsi davanti al Cardinale, questo dirigente ha chiamato il sindaco, i vertici di Hera e anche quel famoso postino col quale tutti si lamentavano. Nessun passo indietro, nessuna abiura del passato, nessun pentimento: solo Fase due. Fase due significa riposizionare i cassonetti (ovviamente senza chiamarli cassonetti, ma bensì 'sistemi di arredo urbano modulare per contenitori di rifiuti non domestici da utilizzare in contesti ad alta densità di attività'), mettere dei punti di raccolta in centro ('postazioni di arredo urbano per i contenitori delle utenze non domestiche'), più isole ecologiche e maggiore frequenza nei ritiri dei rifiuti. Insomma quello che chiedevano i cittadini, ma senza dire mai 'abbiamo sbagliato'. Come Fonzie.
Giuseppe Leonelli

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

GIFFI NOLEGGI

Il Punto - Articoli Recenti
Caso Aimag, la battaglia sacrosanta ..
Il dubbio è che il Pd non perdoni al sindaco di San Prospero non tanto le frasi sulle ..
02 Dicembre 2023 - 15:34
Modena, voto 2024: da Fdi ancora ..
Spunta il nome di Piergiulio Giacobazzi, ma per 'concedere' all'alleato-rivale il candidato ..
29 Novembre 2023 - 18:16
Modena, Muzzarelli vs Bonaccini: ..
Vi è una sola scheggia impazzita in questo quadretto ben architettato. L'assessore Andrea ..
26 Novembre 2023 - 13:48
Modena, con Guerzoni candidato Pd ..
Guerzoni, che di Muzzarelli è il capo di gabinetto, per età, indole e storia famigliare ..
22 Novembre 2023 - 12:08
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58