Sala negata, ma davvero Muzzarelli può farlo? Il Comune non è giudice
e-work Spa
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
e-work Spa
articoliIl Punto

Sala negata, ma davvero Muzzarelli può farlo? Il Comune non è giudice

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il Comune non è un giudice né un censore e da nessuna parte sta scritto che le sale non possano essere affittate in base alle opinioni personali delle persone


Sala negata, ma davvero Muzzarelli può farlo? Il Comune non è giudice
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Ha fatto molto discutere la decisione del Comune di Modena di concedere e poi (forse) revocare la sala pubblica all’iniziativa filo-russa sulla ricostruzione di Mariupol. Ma andando oltre le questioni prettamente politiche, la legittimità tecnica della revoca è tutta da verificare.

Il disciplinare di utilizzo delle sale di quartiere del Comune, infatti, dispone all’articolo 3 che “Al momento della presentazione della domanda i richiedenti devono sottoscrivere la condivisione dei valori sanciti dalla Costituzione e tra questi segnatamente il divieto di professare e/o praticare ideologie o comportamenti fascisti e razzisti”. Prescrizione che vale per la specifica occasione. Nulla dispone il regolamento riguardo la storia dei relatori né quanto abbiano sostenuto in passato né le loro intenzioni per il futuro.

Sostenere quindi, come si legge sul sito istituzionale del Comune, che “dopo la presentazione della domanda” sia emerso che 'il profilo di alcuni dei relatori non è sempre coerente con l’impegno sottoscritto a rispettare i valori sanciti dalla Costituzione e dalla Repubblica Italiana e, segnatamente, il divieto di professare e/o praticare ideologie e comportamenti fascisti e razzisti' non può essere di certo una motivazione per revocare la sala: il Comune non è un giudice né un censore e da nessuna parte sta scritto che le sale non possano essere affittate in base alle opinioni personali delle persone – né potrebbe essere altrimenti.

Ancora meno legittima, dal punto di vista regolamentare, pare l’affermazione secondo la quale “l’iniziativa si presta a diventare una manifestazione di aperto sostegno alla guerra d’invasione della Russia e quindi in contrasto con l’articolo 3 dello Statuto comunale che, invece, si pone come obiettivo la promozione della piena affermazione dei valori di giustizia, di libertà, di democrazia e di pace'.

Sarebbe facile fare il paragone con il carro armato con la bandiera israeliana - quello sì patrocinato dal Comune - che non pare proprio uno strumento di pace. Nonché osservare la necessità di una revisione di uno statuto che ancora oggi fa riferimento, proprio allo stesso articolo, alla “maternità” e alla “paternità”, invece che alla “genitorialità”, nonché alla “persona handicappata”, vergognoso anglicismo giustamente in disuso da secoli.

Ma restando alle questioni tecniche, anche in questo caso viene fatto un processo alle intenzioni dei relatori e alle loro opinioni, che non è di certo una prerogativa dell’Amministrazione. Mentre a termini di regolamento il dirigente preposto alle assegnazioni, secondo l’articolo 10 del disciplinare, può solo escludere da assegnazioni successive i soggetti che avessero violato gli accordi, una volta violati, previa contestazione degli addebiti. E lo stesso sindaco Gian Carlo Muzzarelli, inizialmente, ha dichiarato che “l'associazione ha sottoscritto l'impegno previsto dal regolamento comunale a condividere i valori sanciti dalla Costituzione e dalla Repubblica Italiana e, segnatamente, il divieto di professare e/o praticare ideologie e comportamenti fascisti e razzisti. Un impegno che auspichiamo venga rispettato pienamente”. Sottintendendo la legittimità dell’assegnazione.

Per questo la scelta di andare verso una revoca, più che tecnica, pare politica. E allora è tutta da valutare la competenza del Sindaco e della Giunta Comunale in merito all’assegnazione e revoca delle sale pubbliche, scavalcando quartieri e dirigenti. Ma in ogni caso il problema politico non si porrà: perché anche FDI s’è prontamente pronunciata contro la concessione della sala – non tanto per le questioni legate al fascismo e al razzismo, stranamente, ma solo perché uno dei relatori una volta ha detto qualcosa di traverso alla Meloni.

Magath

Magath Ing
Magath Ing

Dietro allo pseudonimo Magath un noto personaggio modenese che racconterà una Modena senza filtri. La responsabilità di quanto pubblicato da Magath ricade solo sul direttore della te..   Continua >>


Mivebo

Il Punto - Articoli Recenti
Europee a Modena, il valzer preferenze: male Fdi e Cavedagna incassa meno del previsto
A Modena prende solo poco più della metà delle preferenze che Bignami avrebbe chiesto a ..
10 Giugno 2024 - 11:52
Modena, il Pd ostenta sicurezza ma il ballottaggio è possibile
Intanto Luca Negrini non alza il livello dello scontro e non reagisce personalmente alle ..
06 Giugno 2024 - 10:26
Voto a Modena, Mezzetti perde la 'gentilezza': la destra torna ad essere il 'nemico'
Addirittura una destra locale tratteggiata come colpevolmente e consapevolmente ..
04 Giugno 2024 - 07:51
Voto a Modena: rischio del cambiamento e certezza della conservazione
Conservare un sistema che si conosce o cambiarlo accettando il rischio. Questo è il bivio. ..
01 Giugno 2024 - 14:39
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58