La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
articoliIl Punto

Scrivere di mafia costa, anche in Emilia-Romagna: nel 2017 già 6 i giornalisti minacciati

La Pressa
Logo LaPressa.it

In tutti i casi si tratta di avvertimenti, nel 2016 registrate anche 3 aggressioni fisiche


Scrivere di mafia costa, anche in Emilia-Romagna: nel 2017 già 6 i giornalisti minacciati

Scrivere di mafia, o comunque contro il potere, costa, anche in Emilia-Romagna. I dati diffusi da Giuseppe Federico Mennella, docente di Etica del giornalismo all'Università di Tor Vergata e segretario dell'Associazione Ossigeno per l'informazione nel corso del seminario di formazione organizzato lunedì alla facoltà di giurisprudenza dell'Unimore, tratteggiano una realtà difficile da immaginare, anche in tempi come questi, dove la fotografia del radicamento mafioso sul territorio emiliano-romagnolo è emersa in tutta la sua drammaticità, prima nei dossier e poi nel processo Aemilia, in corso a Reggio Emilia.

Si è detto, ma è bene ripeterlo: anche la minaccia di querela (facile anche da notificare, con nessuna conseguenza per chi la produce anche se questa si dimostrerà infondata), può essere strumento potente per limitare la libertà di un giornalista, soprattutto quando si tratta di free-lance o pagati 'a pezzo'. Una forma di intimidazione che è sempre esistita ma che, con la moltiplicazione dei canali informativi, è sempre più diffusa. Oggi, soprattutto nelle realtà di provincia, dove i giornalisti sono più 'piccoli', perché legati a testate locali e indipendenti (ricordiamo che la più grave aggressione fisica Paolo Borrometi, giornalista sotto scorta, l'ha ricevuta a seguito degli articoli apparsi non su testate affermate, per le quali ha lavorato, ma sulla testata on-line personale laspia.it), e potenzialmente più soli e meno coperti nel caso di minacce ed intimidazioni.

Una realtà che ora non ha più confini e che in Emilia Romagna inquadra dati che fanno pensare: nel 2016 sono stati 20 (in aumento rispetto ai 12 nel 2015), i giornalisti minacciati, su un dato nazionale che ne conta 412. Ovvero, il 4,8% del totale. Di questi 20, sono 3 ad avere ricevuto aggressioni fisiche, 5 ad avere ricevuto avvertimenti e 12, la percentuale maggiore (pari al 60%), ad essere stati oggetto di denunce ed azioni legali. E l'assenza di danneggiamenti non è un dato positivo. Perché è indice e simbolo di una intimidazione che, come nelle azioni dei clan, si è spostata nelle zone del nor-Italia dal piano delle azioni ecclatanti e visibili in una dimensione pubblica (incendi e danneggiamenti appunto), ad un piano più sottile, psicologico e comunque in una dimensione personale. Capace di rimanere relegata al di fuori della sfera pubblica. Capace di generare quel senso di solitudine della persona oggetto di intimidazioni, anche solo a livello di avvertimento, che dà forza proprio a chi vuole colpire per zittire.

Gianni Galeotti

 

 

 


Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
La ‘libera stampa’ che si vende per un piatto di lenticchie
Quelli di Prima
01 Gennaio 2014 - 20:25- Visite:10853
Choc M5S: 'I giornalisti sono cattivi, siamo qui per proteggervi'
Il Punto
11 Marzo 2018 - 22:20- Visite:2150
Dimissioni Cavina, il primato del giornalismo rispetto agli anatemi
Il Punto
27 Giugno 2019 - 21:26- Visite:1941
Il Punto - Articoli Recenti
Open Arms: l'incoerenza messa a ..
Il Movimento vota compatto contro il 'proprio' ministro nel primo governo Conte e oggi, nel ..
31 Luglio 2020 - 08:40- Visite:783
Par Condicio, la Regione del fai ciò..
Dal 18 luglio la legge vieta alle amministrazioni pubbliche la comunicazione in forma ..
23 Luglio 2020 - 22:56- Visite:1110
L'uso politico delle istituzioni e la..
Il Presidente della Provincia lancia con tanto di simbolo e gonfalone dell'istituzione, e in..
22 Luglio 2020 - 15:33- Visite:617
Anniversario morte Borsellino, ..
Solo luci patinate con intitolazioni di piazze a Falcone e Borsellino, assessorati alla ..
18 Luglio 2020 - 15:42- Visite:2893

Onoranze funebri Gibellini

Il Punto - Articoli più letti


Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla ..
La Coop utilizza l’intero patrimonio dei soci più una parte del debito per investire in ..
15 Agosto 2018 - 10:36- Visite:61232
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi ..
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, Trc potrebbe non ..
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:54425
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0:..
'Serve una risposta inequivocabile sulla sicurezza dei 3,6 miliardi dei 400.000 soci ..
01 Maggio 2019 - 08:38- Visite:31362
Decreto antivirus demolito in 12 ore:..
Nessun limite agli spostamenti, treni regolari in ingresso e uscita, deroga dopo le 18 per i..
08 Marzo 2020 - 22:41- Visite:28482