Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
Società Dolce: fare insieme
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
articoliIl Punto

Scuole: ora la politica dimostri i presupposti per aprire

La Pressa
Logo LaPressa.it

In tale dimostrazione potremmo forse finalmente avere la risposta sul perché sono state chiuse. Risposta che fino ad ora la politica non ha saputo (e forse voluto), dare


Scuole: ora la politica dimostri i presupposti per aprire

Così come non è mai stata fornita una spiegazione scientifica, supportata da dati oggettivi, su percentuali di contagi e rischi potenziali legati a certe attività, per motivarne la chiusura rispetto ad altre (negozi di abbigliamento, teatri, palestre, parrucchieri ancora chiusi), tale evidenza non è mai stata data nemmeno per le scuole. Nemmeno quando si disponeva la didattica a distanza al 50%, nemmeno quando si disponeva, a livello istituzionale, la chiusura. O lo stop un giorno rispetto ad un altro, una settimana prima o una settimana dopo. Così come quando si disponeva l'apertura con le misure di sicurezza indicate dagli organismi tecnici e di governo a livello nazionale. Misure che funzionavano, che contenevano il virus. Ma subito dopo indirettamente sconfessate dalla scelta di chiudere le scuole, anche in quel caso senza presupposti chiari sui contagi. O almeno tali da motivare una chiusura totale e generalizzata di tutti gli istituti, a fronte magari di sole alcune classi o sezioni di scuole con focolai, veri o presunti tali.

Ricordiamo che anche in provincia di Modena, così come in tutte le province d'Italia, si sono chiuse scuole senza casi, senza positivi e senza considerare gli effetti ed i limiti della Dad, dello stare a casa sempre, ma soprattutto della contestuale apertura di aree e luoghi pubblici (e la possibilità sacrosanta di usufruirne anche solo per un gioco all'aperto), in maniera non certo controllata e sicura come a scuola. E continuando, appunto, a non fornire spiegazioni supportate da dati, evidenze. Ne sulle aperture, né sulle chiusure, tanto più se selettive, per non dire ingiustificatamente ed inspiegabilmente discriminanti per una attività rispetto ad un altra.

Nulla di scientifico e trasparente a supporto di scelte comunque che un presupposto forte lo richiedevano, visto la forza del loro impatto sociale, economico e di salute fisica e mentale. Senza presupposti oggettivi, senza chiare spiegazioni e troppo spesso senza trasparenza. E che sia stato così, senza spiegazioni e senza evidenze sufficienti, lo hanno confermato due Tar: prima quello dell'Emilia-Romagna, che per mancanza di presupposti sulla scelta di prolungare la chiusura delle scuole fino al 25 gennaio, ha annullato l'ordinanza del Presidente della Regione Bonaccini, e poi il tribunale amministrativo del Lazio che ha, rispetto alla chiusura delle scuole in zona rossa ed arancione, indicato al Presidente del Consiglio di rivedere i termini e contenuti del DPCM in scadenza il 2 aprile e di cui il Premier Draghi dovrebbe tenere conto nel nuovo decreto che sarà varato venerdì. A quel punto saranno anche più chiare, almeno come indirizzo politico e, speriamo, anche sul fronte dei dati, le indicazioni sulle scuole. Sarebbe auspicabile, come sarebbe stato opportuno ieri, supportare domani, con dati ed evidenze, il perché riaprire. E quali, dopo Pasqua, se si deciderà per la riapertura, come indicato da Draghi ed in cascata condiviso anche dal Presidente della Regione Bonaccini, saranno le condizioni per aprire in sicurezza. E' importante saperlo, perché in quei dati ed in quelle evidenze ed in quelle risposte che supporteranno la decisione di aprire o meno le scuole potremmo avere anche quelle risposte che fino ad ora non sono state date a supporto delle chiusure. E soprattutto per capire o farci una ragione di quello che potrebbe apparire come un ennesimo inspiegabile paradosso: la riapertura delle scuole fino alla prima media.

Gi.Ga.


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

Società Dolce: fare insieme
Articoli Correlati
Castelfranco Emilia, 10 nuove aule per il polo scolastico 'Guinizelli'
La Provincia
12 Agosto 2017 - 10:19- Visite:11849
Scuole ghetto: il sindaco scopre l'acqua calda
Parola d'Autore
27 Ottobre 2017 - 12:02- Visite:11803
Primo giorno di scuola
Le Vignette di Paride
15 Settembre 2017 - 10:48- Visite:11778
Obbligo vaccinale e bimbi esclusi dalle lezioni, i dubbi motivati di ..
La Provincia
17 Ottobre 2017 - 18:51- Visite:11736
Una nuova scuola media per Spilamberto: promessa o minaccia?
La Provincia
06 Settembre 2017 - 16:16- Visite:11727
Muffa alla mensa delle scuole di Spilamberto
La Provincia
16 Settembre 2017 - 22:35- Visite:11598
Il Punto - Articoli Recenti
Code infinite e disservizi, ma in ..
Siamo in un periodo di difficoltà e anche noi come il resto d'Italia, come in Lombardia, ..
23 Marzo 2021 - 11:58- Visite:8353
Perché Modena non ha celebrato Marco..
Nella città dove insegnava quando venne ucciso, la città della Fondazione e della ..
19 Marzo 2021 - 16:30- Visite:2349
Ospedali al collasso, fallimento ..
La conferenza sfogo del Direttore dell'Azienda Ospedaliera ha dato l'immagine di un sistema ..
14 Marzo 2021 - 00:38- Visite:18923

Onoranze funebri Gibellini

Il Punto - Articoli più letti


Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla ..
La Coop utilizza l’intero patrimonio dei soci più una parte del debito per investire in ..
15 Agosto 2018 - 10:36- Visite:63742
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi ..
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, Trc potrebbe non ..
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:61235
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0:..
'Serve una risposta inequivocabile sulla sicurezza dei 3,6 miliardi dei 400.000 soci ..
01 Maggio 2019 - 08:38- Visite:33723
Decreto antivirus demolito in 12 ore:..
Nessun limite agli spostamenti, treni regolari in ingresso e uscita, deroga dopo le 18 per i..
08 Marzo 2020 - 22:41- Visite:29424