Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
Onoranze funebri Simoni
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
articoliIl Punto

Tracollo Pd, ma il centrodestra a Modena è all'anno zero

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il Pd a Modena (come in Italia) perde pezzi importanti (a partire da Bersani), registra il tutto (o quasi) deserto alla storica festa dell'Unità, è costretto a lasciare il timone ai democristiani... Ma il centrodestra in città non se la passa meglio: la lega è divisa in due, Forza Italia pure e Fratelli d'Italia sono di fatto legati all'unica figura di Barcaiuolo


Tracollo Pd, ma il centrodestra a Modena è all'anno zero

E' vero. Al di là delle dichiarazioni incredibilmente ottimiste della ormai ex segretario Lucia Bursi,  il Pd modenese è in grave e profonda crisi. La Festa dell'Unità ha fatto registrare un meno 30% per cento di incassi (se i numeri hanno un senso a dispetto di quelli creativi dati dalla segreteria Pd) e soprattutto gli appuntamenti politici hanno segnato un tutto deserto (clamoroso il caso della marea di sedie vuote che hanno accolto il ministro Giuliano Poletti). E ancora: dopo aver perso per strada i bersaniani, i 'compagni' sono costretti ora a subire lo smacco di consegnare le chiavi della Ditta (ah la Ditta...) agli ex democristiani (il cattolicissimo Fabio Poggi capogruppo e la Cislina Stefania Gasparini segretario).

Tutto vero. Il Pd, che pur a Modena ha il portavoce nazionale Matteo Richetti, è allo sbando.

Ma l'opposizione? Lasciando per un attimo perdere la inafferrabile galassia grillina (ma ci torneremo), se guardiamo al centrodestra la situazione non è meno deprimente rispetto a quella che vige in casa Pd.

Nonostante le recenti vittorie a Vignola (con Simone Pelloni), Pavullo (con Luciano Biolchini) e a Finale Emilia (con Sandro Palazzi), oltre a tanti successi in Comuni più piccoli, in vista del voto nel 2019 il centrodestra locale sembra davvero all'anno zero e incapace di puntare alla tanto sperata (ma davvero sperata?) vittoria in piazza Grande.

A Modena le tre gambe del centrodestra sono a dir poco malconce. Forza Italia è spaccata in due: da una parte la corrente che fa capo al consigliere regionale (ancora in attesa di essere giudicato per il caso spese-pazze) Enrico Aimi (con lui tra gli altri Piergiulio GiacobazziAdolfo MorandiAntonio Platis e Valentina Mazzacurati) e dall'altra quella guidata da Gianpiero Samorì (con lui Andrea Galli, Giuseppe Pellacani, Fabrizio Locatelli e molti degli eletti in provincia). Una spaccatura che regna identica anche nella Lega Nord dove il segretario Filippo Panini (nella foto dal suo profilo Facebook) gode di una maggioranza risicatissima in segreteria e deve fare i conti con l''altra Lega Nord' di Stefano Soranna, Luca Bagnoli e dello stesso consigliere regionale Stefano Bargi.  Ultima gamba quella di Fratelli d'Italia, partito di fatto 'sparito' dalla scena locale e che si affida solamente alla figura di Michele Barcaiuolo (sul cui nome peraltro si sono concentrate mesi fa voci, subito smentite, per una possibile candidatura 'unitaria' per il centrodestra).

Il centrodestra a Modena è questa roba qua, per dirla con Pierluigi Bersani. E allora - al di là delle corse dei singoli alle varie poltrone regionali e nazionali - è difficile immaginare si possa costruire una alternativa seria e credibile per il governo della città. A meno che non arrivi il famoso 'Papa straniero': un uomo, o una donna, che organizzi attorno a sè una lista civica sostenuta da tutto il centrodestra i cui tre partiti in questo modo rinuncerebbero a una fetta di identità in nome di un obiettivo più grande...

Insomma una pura utopia. 

Giuseppe Leonelli

 




Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Onoranze funebri Simoni

Il Punto - Articoli Recenti
Ucraina, tra Pd e Fdi è corsa a chi ..
Le parole di ieri di Giorgia Meloni hanno stupito per il loro estremismo e nascondono il ..
29 Luglio 2022 - 18:15
Elezioni, ora è impossibile ..
La sacrosanta esigenza di perdonare, di passare oltre non c'entra nulla. Tutto questo è ..
25 Luglio 2022 - 16:38
I danni di Reddito di cittadinanza e ..
I temi non risolti e le responsabilità che il Presidente del Consiglio ha provato a ..
22 Luglio 2022 - 11:45
Draghi cerca la delega in bianco: ..
'Votate risoluzione Casini'. L'ultimo atto di arroganza politica di un premier che ha sempre..
20 Luglio 2022 - 17:34
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58