La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
articoliIl Punto

Tre morti di degrado e indifferenza, il non-controllo di vicinato che ci mette a nudo

La Pressa
Logo LaPressa.it

Dirimpettai che non sospettano della morte di madre e figlio, e confinanti con case abbandonate ed occupate che pur vedendo, non segnalano


Tre morti di degrado e indifferenza, il non-controllo di vicinato che ci mette a nudo
Si può, nella città che si fa (giustamente) vanto di avere istituito decine di gruppi per il controllo di vicinato, uno o più per ogni quartiere (in certi casi per vie o gruppi di vie), morire di degrado, solitudine ed abbandono, in aree residenziali e densamente popolate? Nell'indifferenza o nella distrazione dello stesso vicinato? Del proprio dirimpettaio? E' possibile sentirsi e dichiararsi partecipi, attivi, consapevoli, vedette e controllori della propria strada, del proprio condominio, del proprio isolato, di ciò che sta al di là del proprio cortile, stando attenti che nessuno abbandoni la cacca del cane sul nostro marciapiede, e poi non accorgerci che il nostro vicino, che più volte magari abbiamo riscontrato malcelare la sua difficoltà, è morto a pochi metri da noi? Non si sente più? Non si incrocia più? Da giorni? Magari da settimane? Non accorgersi che è morto? In solitudine? Nel degrado? Nell'abbandono? E' possibile vedere che dentro la casa non abitata della proprietà a fianco alla nostra, c'è qualcuno che entra, di nascosto, abusivamente, ogni notte. E ci vive, e non dire nulla? Non segnalare nulla? Non tendere una mano? Non interessarsene? Non chiamare chi, forse, è interessato a lui? Anche solo perchè pagato per farlo? La risposta è si.

Nella città che vanta record numerici nelle persone coinvolte nel cosiddetto 'controllo di vicinato', tre persone sono morte, in due giorni, in due diversi contesti urbani e densamente popolati. Senza che nessuno si accorgesse di nulla. Nulla. Morire di solitudine, di abbandono, di degrado, di depressione non capìta, non vista, o rimossa, anche dai parenti, se ci sono, che porta al lasciarsi andare fino allo sprofondare nella morte. Che non ha un perché e che allo stesso tempo ha tutti i perché del mondo. Morire, da soli, in un mondo affollato. Divisi da un muro, lo stesso dell'appartamento del vicino, magari una tramezza che ti fa ascoltare, anche se non lo vuoi, il fastidioso audio del suo televisore.  Dove scorre Sanremo, dove scorre la vita è bella. Tanto vicino fisicamente quanto lontano umanamente. Anni luce. Incolmabili anche se lunghi solo quanto due passi. Dove lui, il tuo vicino, ascolta tutto, tranne che il tuo silenzio.

Mamma e figlio morti, insieme, in via Tamburini, nel degrado, nel silenzio, ma soprattutto quel giovane uomo, ancora senza identità, che nessuno ha mai cercato e forse nessuno cercherà, trovato morto in via Lippi, nell'indifferenza. Anche di coloro che abbiamo visto però affacciarsi alla finestra, o dal cortile vicino, al nostro arrivo e a quallo dei Carabinieri. Morto nell'indifferenza che si riserva agli esseri invisibili, come un ombra sfumata che ci fa paura e voltare la testa dall'altra parte. Invisibile anche anche a chi lo aveva visto e minacciato con una scritta, sul muro, a fianco del suo povero giaciglio. Considerato solo per dirgli di andarsene. Perché scomodo, perché capace di rappresentare la nostra indifferenza. E comodo per sfogare il nostro egoismo, vigliaccamente, lasciandogli scritto 'te ne devi andare'. Sul muro. Quando lui non c'è, nella consapevolezza che tornerà. Fatti che indicano, senza retorica, che qualcosa, dentro di noi e nella rete di relazioni e di controlli che ci vantiamo di avere costruito, davvero non funziona. In essa qualcosa si è rotto. O forse ci raccontiamo si sia rotto per nascondere e rimuovere l'insostenibile consapevolezza di non averlo, quel ponte individuale, intimo ed umano verso l'altro, mai davvero costruito. E forse, nella sua bellezza, nemmeno immaginato.

Gi.Ga.

Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
'Nuova GLS, ascoltate i cittadini e spostatela di 100 metri'
Politica
25 Ottobre 2017 - 15:40- Visite:12289
R-nord e viale Gramsci senza pace
La Nera
05 Maggio 2017 - 14:47- Visite:11637
'Perché non costruire il polo GLS nell'Ex Pro-Latte?'
Pressa Tube
29 Ottobre 2017 - 09:00- Visite:11176
Stazione dei treni, viaggio nel degrado
La Nera
09 Settembre 2017 - 09:51- Visite:11138
Modena, boom forno crematorio: accoglie un defunto su due
Che Cultura
26 Ottobre 2017 - 18:47- Visite:10925
R-Nord, i cittadini scendono in strada e rispondono a Rai 3: 'Servizio..
Politica
17 Ottobre 2017 - 23:50- Visite:10899
Il Punto - Articoli Recenti
Conte estende l'emergenza al 31 ..
Il premier ha confermato la sua intenzione: 'Lo stato di emergenza serve per tenere sotto ..
10 Luglio 2020 - 16:27- Visite:1504
Zingaretti, il segretario che non è ..
Alla cena a Ponte Alto molti i tavoli vuoti, soprattutto i riservati PD. Zingaretti non ..
04 Luglio 2020 - 02:40- Visite:1585
Strage nelle cra, un mese fa ..
Ieri in consiglio, a un mese di distanza, Muzzarelli ha smentito i numeri da lui stesso dati..
26 Giugno 2020 - 16:45- Visite:1757
Bibbiano, la giustizia avanza la ..
Le 24 proposte della commissione di inchiesta sulle criticità del sistema affidi sparite ..
24 Giugno 2020 - 13:00- Visite:895

Onoranze funebri Gibellini

Il Punto - Articoli più letti


Coop Alleanza 3.0 aggrappata alla ..
La Coop utilizza l’intero patrimonio dei soci più una parte del debito per investire in ..
15 Agosto 2018 - 10:36- Visite:61020
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi ..
I conti in rosso e il dispetto rappresentato dal via libera ad Esselunga, Trc potrebbe non ..
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:53851
Voragine nei conti Coop Alleanza 3.0:..
'Serve una risposta inequivocabile sulla sicurezza dei 3,6 miliardi dei 400.000 soci ..
01 Maggio 2019 - 08:38- Visite:31190
Decreto antivirus demolito in 12 ore:..
Nessun limite agli spostamenti, treni regolari in ingresso e uscita, deroga dopo le 18 per i..
08 Marzo 2020 - 22:41- Visite:28361