Tutti con Renzi, ma in Emilia l'affluenza è flop
e-work Spa
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
e-work Spa
articoliIl Punto

Tutti con Renzi, ma in Emilia l'affluenza è flop

La Pressa
Logo LaPressa.it

Da Bonaccini a Richetti, da Muzzarelli alla Maletti: gli eterni rivali uniti ipocritamente nell'abbraccio al leader


Tutti con Renzi, ma in Emilia l'affluenza è flop
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

La foto piazzata su facebook dal compulsivo dei social Stefano Bonaccini (o dal suo ghostwriter Stefano Aurighi poco importa) è l'immagine plastica di quello che significa 'Unità' all'interno del Pd. Del Pd che esce in queste ore dalla primarie che incoronano di nuovo Matteo Renzi come leader. 

Intanto il voto di oggi: a livello nazionale l'affluenza va oltre le aspettative (circa 2 milioni al voto, che non saranno i 3 milioni del 2013 ma sono comunque tantissimi e va detto, soprattutto se rapportati ai tre gatti che scelgono sul web i candidati grillini). Una affluenza che si traduce in un consenso per Renzi oltre il 72%: se non è plebiscito poco ci manca.

A livello regionale e modenese le cose non vanno così bene. Sì, percentualmente Renzi ottiene addirittura più consensi (75%), ma è l'affluenza a preoccupare i Dem: sia a Modena che in Regione è infatti dimezzata rispetto al 2013.

Meno di 36mila votanti nel modenese contro gli oltre 70mila di 4 anni fa. Un disastro in vista del voto. Quello vero, quello che contrapporrà il Pd ai 5 Stelle e alla Lega-Forza Italia.

Ma nonostante il crollo la foto resta, così come la soddisfazione espressa in questi minuti da Bonaccini (complimenti Renzi e grazie Emiliano e Orlando dice l'ecumenico Stefano da Campogalliano). In Emilia stanno tutti con Renzi. O quasi. E quelli che stanno con Orlando presto si convertiranno. Un po' come ha fatto Bonaccini qualche mese fa e Muzzarelli qualche giorno fa.

Il problema è che questi renziani-tutti renziani si odiano a vicenda come non ci fosse un domani. E non lo dimostrano solo le parole odierne  di Giancarlo Muzzarelli contro la sua assessora renziana Ludovica Carla Ferrari rea di avere attaccato i bersaniani (Muzzarelli ha rimproverato duramente la sua 'Ludo' per aver dato dei traditori a Paolo Trande e compagnia, ma nulla ha detto contro Trande che ha dato della 'pappagalla' alla Ludo).

Dicevamo non solo quelle parole del sindaco-duca lo dimostrano.

L'odio vicendevole che si cela dietro a questa bella foto rottamatrice è così palese per chi conosce un minimo le dinamiche interne al Pd da far rabbrividire. Forse la ministro Boschi non sa di quanto la Maletti odi Muzzarelli (e viceversa), i due che stanno così vicini vicini alla sua destra. E non sa neppure quanto Richetti odi Bonaccini (e viceversa), i due che stanno alla sua sinistra (questo forse lo sa, ma fa lo stesso). Ma a Modena lo sanno proprio tutti. Tutti sanno le parole pesantissime che la Maletti scagliò contro il sindaco all'indomani delle primarie 'filippine' e tutti sanno quanto Richetti non abbia digerito la vicenda dell'inchiesta archiviata in pochi giorni per Bonaccini e in qualche anno per lui. Una inchiesta spese pazze che gli impedì di correre per la presidenza della Regione. A Modena lo sanno tutti.

Ma si fa finta di nulla. E ci si finge renziani uniti. In attesa che gli ultimi superstiti si aggreghino. Facendo di tutto per non pensare a quella affluenza in costante calo. Facendo finta di non ricordare che proprio Bonaccini meno di tre anni fa venne eletto governatore con appena il 18% dei consensi degli aventi diritto e con una affluenza di appena il 37%. Facendo finta che i 5 stelle (soluzione peggiore del problema) non esistano. 

Giuseppe Leonelli


Giuseppe Leonelli
Giuseppe Leonelli

Direttore responsabile della Pressa.it.
Nato a Pavullo nel 1980, ha collaborato alla Gazzetta di Modena e lavorato al Resto del Carlino nelle redazioni di Modena e Rimini. E' stato ..   Continua >>


 
 

Mivebo

Il Punto - Articoli Recenti
Voto a Carpi, il possibile flop di Azione inquieta Righi
Non solo, la campagna elettorale di Righi è saldamente nelle mani dei soliti noti, seppur ..
18 Maggio 2024 - 12:58
Modena, la campagna elettorale del fair play (forse troppo)
Mezzetti ha da guadagnare maggiormente da questa campagna elettorale 'soft'. Per questo, ..
15 Maggio 2024 - 07:03
Voto a Carpi: ecco come finirà. Non serve la sfera magica
Righi arriverà a sfiorare addirittura il 60% di voti potenziali. Annalisa Arletti si ..
14 Maggio 2024 - 14:07
Voto Modena, Negrini: da ragazzo di bottega a traino della coalizione
Un atteggiamento che ha iniziato a preoccupare anche il centrosinistra che a Modena in ..
06 Maggio 2024 - 07:26
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58