Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
Onoranze funebri Simoni
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Lega - Referendum giustizia
articoliSocieta'

'Via D'Amelio, dopo 29 anni non può esserci né giustizia né verità'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Cinzia Franchini: 'La zona grigia, la sfiducia nello Stato, gli ormai inutili riti dell’antimafia da salotto, non impongano né parole diverse né silenzi arrendevoli, ma occorre riprendere una battaglia di legalità rendendola patrimonio comune di un Paese'


'Via D'Amelio, dopo 29 anni non può esserci né giustizia né verità'
A 29 anni dall’attentato di via D’Amelio il ricordo di quella strage si unisce alla consapevolezza delle tante parole tristemente rituali che ogni anno vengono spese per ricordare il martirio di Paolo Borsellino e Giovanni Falcone. E ogni anno paradossalmente si rafforza il desiderio di fare silenzio. Un silenzio che nasce dalla amara consapevolezza di una verità sulla strage falsamente cercata, ancora nascosta tra depistaggi, agende e ricostruzioni, e allo stesso tempo celebrata, spesso in un ipocrita esercizio di retorica. Con un dibattito fossilizzato sulla ricerca di una verità storica che comunque, a tre decenni dalle stragi, non restituirebbe giustizia, forse nemmeno alle vittime. Perché quella verità è e sarà eternamente importante per la sua famiglia, per i figli Fiammetta, Manfredi e Lucia, ma a distanza di 29 anni qualsiasi svolta nelle indagini non può cambiare la realtà di oggi o intaccare i tentacoli che attanagliano il futuro del Paese. Una verità che in fondo - al di là dei nomi - era già nota prima di quel 19 luglio '92 e che Borsellino stesso aveva spiegato, descritto, denunciato in più occasioni, in particolare nelle ultime interviste in quei 57 giorni di via crucis che separarono la morte di Falcone dalla sua.

Tutto questo mentre intorno, oggi, la sfiducia nelle istruzioni, ancora una volta denunciata dallo stesso Borsellino, come testimonia un audio inedito di questi giorni, è aumentata rendendo il confine tra Stato e cancro mafioso una linea sfumata, sullo sfondo di una sempre più vasta zona grigia, dominata dagli interessi economici, talmente pervasiva da esigere raramente l'uso della violenza. E, ancora, il caso Palamara, con le incredibili rivelazioni collegate, negli ultimi anni ci ha mostrato tutti i limiti di una magistratura nella quale Paolo Borsellino e Giovanni Falcone hanno creduto, fino al punto di dare tutto ciò che avevano.
Così quel desiderio di fare silenzio, di togliere parole alle celebrazioni invece di aggiungerne, di evitare almeno di partecipare al vuoto circo delle sterili omelie, aumenta.

Ma forse questo silenzio potrebbe essere confuso con una resa, con una disillusione talmente profonda da sfociare nel cinismo. E allora, fosse solo per evitare questo scenario, è giusto e doveroso sfidare questa voglia di inerzia e correre il rischio della ripetizione e del già detto. Sperando che le parole di sempre, possano essere riempite di un significato rinnovato, nella consapevolezza che la necessità di porre un argine deciso alla criminalità organizzata è cresciuta. E' cresciuta ovunque e in particolare nel mondo dell'autotrasporto che rappresento da oltre 15 anni, oggi attraverso il raggruppamento di piccoli imprenditori Ruote Libere. Un settore nel quale le infiltrazioni trovano sempre più terreno fertile interessate come sono ai vantaggi legati alle sue caratteristiche specifiche: dall'essere un’ottima lavanderia per ripulire i proventi dei traffici illeciti al rappresentare un veicolo per gestire i traffici stessi (in particolare armi e di droga), dal fungere da mezzo per entrare nel circuito degli appalti e per godere di finanziamenti pubblici alla possibilità di un controllo capillare del territorio. Un settore peraltro oggi sempre più vulnerabile e per questo più facilmente aggredibile.
Tutto questo nella certezza che la zona grigia, la sfiducia nello Stato, gli ormai inutili riti dell’antimafia da salotto, non impongano né parole diverse né silenzi arrendevoli, ma che occorre riprendere una battaglia di legalità rendendola patrimonio comune di un Paese che ancora non ha fatto i conti con le pagine più vergognose della propria Storia e che, per questo, non è in grado di costruire quel futuro di libertà lontano dalle mafie, immaginato dai propri martiri.

Cinzia Franchini


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

ACCADDE OGGI
Articoli Correlati
E' morto Riina: manifesto funebre (anonimo) per festeggiare
Oltre Modena
17 Novembre 2017 - 17:37- Visite:32314
Schianto col capriolo in autostrada: morta la 48enne Enrica Franchini
La Provincia
18 Maggio 2021 - 17:25- Visite:16985
Libera, le consulenze di Enza Rando
Quelli di Prima
02 Gennaio 2014 - 19:36- Visite:16266
Capitano Ultimo, dalla parte dell'Ultimo modello
Oltre Modena
17 Settembre 2017 - 08:43- Visite:14600
Il pentito della 'Ndrangheta sulla dirigente del Comune di Modena: 'I ..
La Nera
27 Settembre 2017 - 12:00- Visite:14339
Francesco Cagliari: 'Quando Giovanardi difendeva Bianchini'
Politica
29 Settembre 2017 - 09:48- Visite:13799

Societa' - Articoli Recenti
‘Vaccino, io difendo semplicemente ..
‘Non si capisce come possa essere informato un consenso che esalta i vantaggi e minimizza ..
18 Luglio 2021 - 23:13- Visite:600
Covid, a Modena 31 contagi: nessun ..
21 hanno eseguito il tampone per presenza di sintomi; 5 sono stati individuati in quanto ..
18 Luglio 2021 - 15:27- Visite:1605
Covid in Emilia Romagna, 266 contagi...
I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 13 (-1 rispetto a ieri), 141 quelli negli ..
18 Luglio 2021 - 14:56- Visite:826
Societa' - Articoli più letti
Reazioni avverse e morti: confronto ..
I morti sono stati sinora 223, 27 eventi gravi ogni 100.000 dosi. Nel periodo considerato ..
31 Maggio 2021 - 13:40- Visite:280157
'Altro che Tachipirina, ecco come ..
L'ex primario del Pronto soccorso di Modena: 'Antinfiammatori ai primi sintomi e poi, se il ..
31 Gennaio 2021 - 14:37- Visite:228528
Morti nelle Rsa per Covid, in Emilia ..
Lo riporta l'Istituto superiore di sanità nell'ultimo report del 14 aprile sul contagio da ..
19 Aprile 2020 - 18:05- Visite:136030
Effetti indesiderati vaccino: ..
Con Astrazeneca 1 persona su 10.000 mostra coaguli di sangue spesso in siti insoliti come ..
30 Aprile 2021 - 09:45- Visite:120420