Voto a Modena, la retorica della 'parte giusta' calpesta la verità
e-work Spa
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
e-work Spa
articoliIl Punto

Voto a Modena, la retorica della 'parte giusta' calpesta la verità

La Pressa
Logo LaPressa.it

Sarebbe tempo di superare definitivamente questa falsa morale, di togliere la maschera di fango con la quale si camuffa la semplice ricerca del potere


Voto a Modena, la retorica della 'parte giusta' calpesta la verità
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

A meno di due mesi dal voto nella Modena che non cambia da quasi 80 anni, occorre almeno sgombrare il campo dal ritornello che vedrebbe la contrapposizione tra una 'parte politica giusta' e una 'parte sbagliata'. Ovviamente la parte autoproclamatasi giusta è quella che governa ininterrottamente il territorio da 8 decenni e che, in virtù di questa sorta di primato ontologico, si permette di dare bollini di democrazia e di agibilità politica. Si permette di etichettare ogni pensiero filosofico difforme come 'fascista' (lo fece Muzzarelli) e di attribuire a precisi mondi economici (quello cooperativo in primis) valenze etiche superiori.

La parte giusta è quella che fonda la sua identità nei valori della Resistenza, ma che nonostante il tempo passato nega con protervia gli orrori collegati alla Resistenza stessa.

E' la parte che vede nello spietato assassinio del seminarista Rolando Rivi di cui oggi ricorre il 79esimo anniversario, un semplice atto di delinquenza, e che si ostina a dire che l'omicidio di don Lenzini non c'entra con la lotta partigiana (qui).
E' la parte che dimentica gli stermini comunisti e che ha bisogno ancora della strumentalizzazione ideologica per cementare il consenso, non importa quanto gli aspetti positivi ed egualitari di quella ideologia siano stati consapevolmente calpestati.

Ecco, in vista del voto di giugno sarebbe tempo di superare definitivamente questa falsa morale, di togliere la maschera di fango con la quale si camuffa la semplice ricerca del potere. Per far questo, ovviamente, il centrodestra deve archiviare definitivamente ogni accenno nostalgico, ogni concessione a braccia alzate e strette di mano all'avambraccio, deve dire apertamente che il Ventennio è stata una dittatura di fatto, che le leggi razziali sono state l'introduzione dell'inferno nel nostro Paese e, fatto questo, deve puntare a una discussione di merito, progettuale e puntuale.

Insomma, in campo a Modena, il 9 giugno non vi è lo scontro titanico tra la corazzata dei principi della luce contro l'esercito delle tenebre. No, lo scontro è solo ed esclusivamente tra due progetti diversi, tra persone e sistemi di riferimento diverso. Nulla di personale, nulla contro i profili umani dei due principali candidati sindaci, ma la presa d'atto che da una parte vi è il conservatorismo rappresentato dalla coalizione guidata da Mezzetti e dall'altra vi è la faticosa ricerca di una credibile alternanza che Negrini, peraltro per nulla aiutato da buona parte dei vertici provinciali di Fdi, sta cercando di mettere in campo.

Da una parte vi è il solito rodato valzer di nomine, grottescamente sempre uguali a loro stesse finanche nei cognomi, vi è il legame interessato col mondo cattolico e con puntuali centri di potere, vi è la fusione inestricabile tra partito e istituzioni, dall'altra vi è la proposta di uno spoil system vero, in grado di scardinare incrostazioni talmente profonde da apparire indebitamente inevitabili. Non è quindi nemmeno uno scontro tra centrodestra e centrosinistra, non è un braccio di ferro tra partiti che viceversa, da Fdi al Pd passando per Forza Italia, sfruttano l'occasione per dirimire simili lotte intestine, ma è il confronto tra ripetizione e cambiamento.

E allora anche nelle piccole vicende modenesi si declina l'eterna ricerca onesta e inarrivabile della Verità. Una ricerca che non è legata a una 'parte giusta', ma alla presa d'atto che non vi è nulla di inevitabile, che la ripetizione di un Sistema divenuto a Modena sempre più arrogante, soffocante ed escludente (caratteristiche che fanno di questa provincia una enclave pressochè unica in Italia) non è scritto nel libro della Legge e che l'unico limite al 'pensiero differente' è la paura di non poterselo permettere.
Giuseppe Leonelli

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Il Punto - Articoli Recenti
Mail dipendenti usata per spot: Mezzetti ha avuto il coraggio di sfidare la macchina comunale
Il candidato Pd attacca: 'Necessità di definire un miglior equilibrio tra trasparenza ..
20 Maggio 2024 - 18:31
Voto a Carpi, il possibile flop di Azione inquieta Righi
Non solo, la campagna elettorale di Righi è saldamente nelle mani dei soliti noti, seppur ..
18 Maggio 2024 - 12:58
Modena, la campagna elettorale del fair play (forse troppo)
Mezzetti ha da guadagnare maggiormente da questa campagna elettorale 'soft'. Per questo, ..
15 Maggio 2024 - 07:03
Voto a Carpi: ecco come finirà. Non serve la sfera magica
Righi arriverà a sfiorare addirittura il 60% di voti potenziali. Annalisa Arletti si ..
14 Maggio 2024 - 14:07
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58