Voto Modena, braccio di ferro Muzzarelli-Bonaccini: Baruffi potrebbe essere la sintesi
Società Dolce: fare insieme
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
e-work Spa
articoliIl Punto

Voto Modena, braccio di ferro Muzzarelli-Bonaccini: Baruffi potrebbe essere la sintesi

La Pressa
Logo LaPressa.it

Intanto nel centrodestra, considerata l'assenza di una strategia costruita in anticipo da Fdi per creare una alternativa credibile agli elettori e al mondo dell'impresa, il nome di Giacobazzi, non schiacciato sul desiderio identitario della destra, sarebbe quello migliore per tentare di strappare il Comune al centrosinistra


Voto Modena, braccio di ferro Muzzarelli-Bonaccini: Baruffi potrebbe essere la sintesi
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Ormai è evidente, in casa Pd, in vista del voto a Modena la prossima primavera, tutto ruota intorno alla sfida tra i due cosiddetti big del partito: Stefano Bonaccini da una parte e Giancarlo Muzzarelli dall'altra. Il sindaco di Modena vorrebbe candidare il suo capo di gabinetto, Giulio Guerzoni, mentre il presidente della Regione vorrebbe candidare il suo storico braccio destro, Andrea Bortolamasi.
Tutto gli altri candidati, da Lenzini alla Arletti, dalla Maletti alla Ferrari, servono a camuffare la vera sfida. Compreso l'outsider Andrea Bosi, unico nome fuori dagli schemi del centrosinistra, che proprio perchè fuori dagli schemi non troverà posto e dovrà accontentarsi (si fa per dire) in una candidatura altrove, magari in Regione.

Guerzoni contro Bortolamasi dunque, ma per evitare un muro contro muro i due contendenti, Giancarlo e Stefano, potrebbero cercare una sintesi.

Ecco allora che il punto di caduta che rimbalza con sempre più insistenza da qualche giorno, risponde al nome di Davide Baruffi. Ex sindaco di Soliera, ex parlamentare, ex segretario provinciale Pd, oggi Baruffi è sottosegretario alla presidenza della Regione. Di fatto è lui che guida la macchina regionale. Uomo intelligente, organizzatore, con un profilo da solido amministratore, Baruffi è certamente più vicino a Bonaccini che a Muzzarelli, ma differenza di Bortolamasi avrebbe il pregio di garantire una autonomia vera, frutto del suo spessore e della sua esperienza. Non sarebbe il sindaco di nessuno Baruffi e questo potrebbe essere il punto di forza.
D'altra parte non è forse un politico che scalda i cuori l'ex parlamentare, ma in fin dei conti l'essere refrettario alla retorica e puntare sulla concretezza potrebbe piacere all'elettorato.

Intanto nel centrodestra si continua a vivere sugli allori nazionali e sul locale al momento la definizione di una candidatura condivisa è tutt'altro che vicina. Il pallino è in mano a Fdi e al senatore Michele Barcaiuolo in particolare. Tra i nomi emersi sinora quello più solido non è però meloniano. Piergiulio Giacobazzi, coordinatore provinciale di Forza Italia, piace alla Lega e piace alla fetta meno radicale di Fratelli d'Italia. A questo punto, probabilmente, nella totale assenza di una strategia costruita in anticipo da parte dei meloniani, nella incapacità di creare una rete che consenta anche al mondo dell'imprenditoria modenese di immaginare una alternanza che non sia un salto nel buio, il nome di Giacobazzi, non schiacciato sul desiderio identitario della destra, sarebbe quello migliore per tentare di strappare il Comune al centrosinistra. Soprattutto se si considera l'ormai scontato appoggio dei 5 Stelle al Pd, almeno al ballottaggio. Ma la scelta migliore per ottenere un risultato collettivo è raramente la migliore per rispondere alle esigenze dei leader locali.
Giuseppe Leonelli

E' possibile seguire La Pressa anche su Whatsapp iscrivendosi al canale a questo link

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo
Articoli Correlati
La piazza di Massimo
Politica
11 Giugno 2024 - 02:39
Modena, ecco i nomi del nuovo Consiglio comunale
Politica
10 Giugno 2024 - 23:06
I sindaci eletti in provincia di Modena
Politica
10 Giugno 2024 - 21:00

Il Punto - Articoli Recenti
Sassuolo, Carpi, Modena: tracollo centrodestra, ma si fa finta di nulla
In Fdi nessun mea culpa sull'aver lasciato solo Negrini. La sua colpa? Averci creduto: grave..
11 Giugno 2024 - 12:18
Modena: il Pd ha stravinto, ma Negrini non meritava di restare solo
A Negrini non avevano detto tutto e ora, all’apparir del vero, il rischio è quello di ..
10 Giugno 2024 - 19:48
Europee a Modena, il valzer preferenze: male Fdi e Cavedagna incassa meno del previsto
A Modena prende solo poco più della metà delle preferenze che Bignami avrebbe chiesto a ..
10 Giugno 2024 - 11:52
Modena, il Pd ostenta sicurezza ma il ballottaggio è possibile
Intanto Luca Negrini non alza il livello dello scontro e non reagisce personalmente alle ..
06 Giugno 2024 - 10:26
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58