Voto Modena, centrodestra in ritardo: un civico ora sarebbe un ripiego
Società Dolce: fare insieme
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
e-work Spa
articoliIl Punto

Voto Modena, centrodestra in ritardo: un civico ora sarebbe un ripiego

La Pressa
Logo LaPressa.it

Un candidato politico (Negrini, Rossini o Giacobazzi) avrebbe quantomeno il pregio di conoscere le dinamiche locali e sarebbe vaccinato rispetto agli ovvi attacchi che la gioiosa macchina Pd ha in serbo


Voto Modena, centrodestra in ritardo: un civico ora sarebbe un ripiego
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

I progetti non si costruiscono dal nulla e a quattro mesi dal voto di giugno, il centrodestra modenese non ha più il tempo per costruire una candidatura civica solida e in grado di allargare il consenso oltre il recinto dell'elettorato dei tre partiti di riferimento. 
Per mesi Fdi, al quale in virtù del peso elettorale spetta indicare il candidato, è rimasta appesa al profilo di Paolo Cavicchioli, ma - come ampiamente previsto - Godot non si è materializzato e l'ex presidente della Fondazione di Modena ha risposto picche all'appello del senatore Michele Barcaiuolo.

Ora il tentativo di cercare un profilo civico all'ultimo minuto, sondando alla cieca mondi imprenditoriali o delle professioni, ascoltando sirene più o meno interessate, allestendo tavoli improvvisati e caffè pre-pranzo, appare quantomeno velleitario.

 
Il centrosinistra, dopo mesi di caos, è riuscito a indicare un nome autorevole come quello di Massimo Mezzetti e intorno a lui si è compattata, chiamando a raccolta anche gli alleati, da Azione, alla Sinistra, passando probabilmente per i 5 Stelle.
Il centrodestra invece è in evidente ritardo. Sia chiaro, forse un civico si potrebbe individuare, qualche ambizioso personaggio desideroso di qualche mese di visibilità mettendo in conto la sconfitta probabilmente potrebbe apparire. Ma, onestamente, si tratterebbe di un ripiego, di una carta dell'ultimo minuto, distante dalle dinamiche dell'amministrazione modenese e totalmente a digiuno da approcci politici.

In un candidato avversario del genere, a questo punto, spera il centrosinistra per puntare a una vittoria facile facile al primo turno. Il centrodestra, viceversa, deve prendere atto del proprio ritardo, rimandare i mea culpa a dopo il voto (ma prima o poi bisognerà analizzare le colpe di mesi gettati alle ortiche tra progettazione mancata e assenza di lavoro su una rete sociale alternativa al Pd), e provare a salvare il salvabile.

Sei mesi fa un civico sarebbe stato auspicabile, anzi indispensabile, per provare a scardinare la roccaforte Dem, ma ora è diverso. Oggi un candidato politico avrebbe quantomeno il pregio di conoscere le dinamiche locali e sarebbe vaccinato rispetto agli ovvi attacchi che la gioiosa macchina Pd ha in serbo.

Stante la poca disponibilità di Michele Barcaiuolo di spendersi in prima persona (il suo, insieme a quello di Daniela Dondi, sarebbe per ovvi motivi il profilo più conosciuto e di livello), i nomi in campo al momento sono tre: Elisa Rossini e Luca Negrini per Fdi e Piergiulio Giacobazzi per Forza Italia. Lega non pervenuta e concentrata solo sul braccio di ferro con gli alleati a Mirandola e Sassuolo. Tre carte, ognuna delle quali con limiti e punti di forza, ma tutte in grado di arginare il ritardo accumulato da Fdi e quantomeno di provare a impensierire il Moloch Pd guidato da Massimo Mezzetti. O, almeno, di evitare una figuraccia che, peraltro, sarebbe tutta locale visto il vento in poppa dei meloniani a livello nazionale.
Giuseppe Leonelli

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Il Punto - Articoli Recenti
Modena: il Pd ha stravinto, ma Negrini non meritava di restare solo
A Negrini non avevano detto tutto e ora, all’apparir del vero, il rischio è quello di ..
10 Giugno 2024 - 19:48
Europee a Modena, il valzer preferenze: male Fdi e Cavedagna incassa meno del previsto
A Modena prende solo poco più della metà delle preferenze che Bignami avrebbe chiesto a ..
10 Giugno 2024 - 11:52
Modena, il Pd ostenta sicurezza ma il ballottaggio è possibile
Intanto Luca Negrini non alza il livello dello scontro e non reagisce personalmente alle ..
06 Giugno 2024 - 10:26
Voto a Modena, Mezzetti perde la 'gentilezza': la destra torna ad essere il 'nemico'
Addirittura una destra locale tratteggiata come colpevolmente e consapevolmente ..
04 Giugno 2024 - 07:51
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58