Voto Modena, con Mezzetti si apre la 'gentilezza' della conservazione
e-work Spa
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
e-work Spa
articoliIl Punto

Voto Modena, con Mezzetti si apre la 'gentilezza' della conservazione

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il concetto di 'pace' utile al manovratore espresso 50 anni fa è attuale. Oggi più che mai


Voto Modena, con Mezzetti si apre la 'gentilezza' della conservazione
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

'Voi gente perbene che pace cercate, la pace per far quello che voi volete...' Le indimenticate note di Contessa, inno rivoluzionario sessantottino, rimbalzano nella mente ancora una volta alla vigilia del voto a Modena.
Perchè oggi, dopo 80 anni di governo monocolore, a Modena la conservazione perbenista è rappresentata senza dubbio da chi rappresenta il Sistema di potere. Nell'enclave modenese, anomalia assoluta a livello nazionale, le ideologie, la destra e la sinistra, non c'entrano nulla: c'entra la gestione del potere. Null'altro.
In vista delle elezioni di giugno il volto di questo potere è incarnato dal candidato sindaco Massimo Mezzetti. Ovviamente occorre depurare quel canto liberatorio del '68 da ogni accenno di violenza, nessuno - a differenza di quel che cantava Pietrangeli - vuole la guerra, tutti condannano ogni tipo di atto violento, ci mancherebbe, eppure il concetto di 'pace' utile al manovratore espresso 50 anni fa è attuale.

Oggi più che mai.

Perchè Mezzetti si presenta proprio in questo modo. Come il pacificatore dopo gli anni della politica muscolare e aggressiva di Muzzarelli. Dopo l'amministratore delegato della giunta, dopo l'uomo forte circondato da assessori deboli, arriva Massimo Mezzetti col suo slogan 'della forza gentile'.
'Sono contrario a una politica muscolare e urlata, c'è bisogno di ascoltare e fare silenzio, di qui l'idea della politica gentile' - ha detto recentemente il candidato sindaco di centrosinistra in una intervista a Trc marcando volutamente una discontinuità col suo predecessore.

Tutto bello. Peccato che dietro a questa gentilezza si nasconda sempre lo stesso modello di potere. Un modello autoreferenziale, che esclude il diverso, che impedisce il ricambio, che stronca ogni impulso creativo che non si allinei al pensiero dominante. Un pensiero sostenuto da una importante fetta di economia, in uno dei territori (Modena) più ricchi d'Italia e d'Europa.


Cosa serve essere 'gentile' se poi nei nodi centrali di comando si alternano sempre le stesse persone, se il valzer delle nomine pubbliche vede sempre gli identici volti (qui un recente resoconto), se i risultati degli appalti pubblici sono spesso già scritti, se al Festival Filosofia i filosofi non allineati vengono definiti 'fascisti', se l'appartenere al centrosinistra di governo spalanca porte ed essere fuori (poco importa se fuori a destra o a sinistra) le chiude ermeticamente.

Ecco allora che, al di là della indubbia preparazione culturale e del profilo personale di livello di Mezzetti (che nessuno mette in discussione sul piano umano), la discontinuità politica rispetto a Muzzarelli non esiste. Anzi, viene usata, la 'pace gentile' solo per continuare a perpetrare un sistema, per continuare a fare, come gridava Pietrangeli, 'quello che si vuole'. Con la benedizione dei nuovi compagni di viaggio del sistema di potere, oggi rappresentati dalle stampelle interessate che Azione e M5S offrono al Pd e con il centrodestra che - ancora una volta - ha deciso coi propri vertici provinciali (Michele Barcaiuolo in testa), a dispetto dell'attivismo del leader regionale Galeazzo Bignami e dell'entusiasmo ingenuo e puro del candidato Luca Negrini, di fare ancora una volta da semplice spettatore.
Giuseppe Leonelli

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Il Punto - Articoli Recenti
Voto a Carpi, il possibile flop di Azione inquieta Righi
Non solo, la campagna elettorale di Righi è saldamente nelle mani dei soliti noti, seppur ..
18 Maggio 2024 - 12:58
Modena, la campagna elettorale del fair play (forse troppo)
Mezzetti ha da guadagnare maggiormente da questa campagna elettorale 'soft'. Per questo, ..
15 Maggio 2024 - 07:03
Voto a Carpi: ecco come finirà. Non serve la sfera magica
Righi arriverà a sfiorare addirittura il 60% di voti potenziali. Annalisa Arletti si ..
14 Maggio 2024 - 14:07
Voto Modena, Negrini: da ragazzo di bottega a traino della coalizione
Un atteggiamento che ha iniziato a preoccupare anche il centrosinistra che a Modena in ..
06 Maggio 2024 - 07:26
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58