Voto Modena, da Negrini 'coraggio di cambiare la storia'. Ma Fdi gli ha lasciato meno di 3 mesi
Società Dolce: fare insieme
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
e-work Spa
articoliIl Punto

Voto Modena, da Negrini 'coraggio di cambiare la storia'. Ma Fdi gli ha lasciato meno di 3 mesi

La Pressa
Logo LaPressa.it

Il candidato di centrodestra non meritava di essere lasciato solo, novello Don Chisciotte contro i mulini a vento di un modello di potere che si ripropone identico a se stesso da 8 decenni


Voto Modena, da Negrini 'coraggio di cambiare la storia'. Ma Fdi gli ha lasciato meno di 3 mesi
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

'Il coraggio di cambiare la storia'. E' questo lo slogan scelto dal candidato di centrodestra a Modena, Luca Negrini, in vista del voto di giugno. Parole che riflettono lo spirito battagliero del candidato sindaco, ma che suonano quantomeno pompose rispetto alle vere aspettative dei leader locali di Fratelli d'Italia, partito traino della coalizione. 

Con un candidato scelto a meno di tre mesi dalle elezioni, senza avere costruito una rete imprenditoriale, civica e sociale in grado di supportare la lista, quella del centrodestra appare agli occhi dei modenesi una sfida impossibile contro la corrazzata guidata da Mezzetti, che unisce una coalizione che va dai 5 Stelle ad Azione.
Una responsabilità non di poco conto per chi, nel centrodestra, era chiamato a costruire una alternativa a 80 anni di Sistema di potere monocolore, decenni che hanno fatto di Modena un enclave nazionale del tutto anomala.

Una responsabilità non di poco conto nei confronti dei cittadini ma anche nei confronti di un candidato, Negrini stesso, che sta mettendo in campo tutto l'entusiasmo e l'ottimismo dettato dall'età e dal suo carattere.
Una responsabilità anche in vista delle elezioni Regionali che si terranno nei mesi prossimi, alle quali sta lavorando da tempo il leader regionale Galeazzo Bignami, e che esigeranno un territorio strutturato e pronto, anche grazie a una azione puntuale a queste amministrative.



Probabilmente Luca Negrini non meritava di essere buttato nella mischia così in ritardo, non meritava di non avere ancora una lista civica al suo fianco (lista che ovviamente sarà complicato formare e che, in appena due mesi di lavoro, non può riflettere un vero civismo), non meritava l'assenza di un mondo economico pronto a supportarne la corsa.

Ma questi sono i fatti e - visto la posta in campo - è giusto sottolinearli. Fatti ai quali si aggiunge l'evanescenza della Lega (il gruppo consigliare è passato in cinque anni da 7 a 3 consiglieri e al momento pare che in lista non corra neppure il segretario cittadino) e l'avere volutamente relegato Forza Italia ai margini della coalizione (al netto della decisione finale di Piergiulio Giacobazzi di restare fedele al partito), spostando il baricentro a destra e favorendo così le chance della lista, pensata in primis dall'avvocato Gianpiero Samorì, guidata dalla professoressa Modena.

Ecco, Negrini probabilmente non meritava di combattere una battaglia solitaria, ma oggi questa è la realtà, il cui ultimo tassello si è completato ieri con la candidatura di Tonelli per la sinistra di Modena Volta Pagina che così ha perso un'occasione per rappresentare un punto di riferimento per i delusi grillini, spostando ancor un po' più in là la possibilità di un ballottaggio. E allora, proprio per questo, davanti al suo 'coraggio di cambiare la storia', novello Don Chisciotte contro i mulini a vento di un modello di potere che si ripropone identico a se stesso da 8 decenni, di Luca Negrini occorre avere ancor più rispetto.
Giuseppe Leonelli

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Il Punto - Articoli Recenti
Barcaiuolo non ha perso: con le preferenze ha allontanato Dondi e Rossini
A Modena Pulitanò con oltre 800 preferenze doppia Daniela Dondi – candidata appositamente..
11 Giugno 2024 - 17:20
Sassuolo, Carpi, Modena: tracollo centrodestra, ma si fa finta di nulla
In Fdi nessun mea culpa sull'aver lasciato solo Negrini. La sua colpa? Averci creduto: grave..
11 Giugno 2024 - 12:18
Modena: il Pd ha stravinto, ma Negrini non meritava di restare solo
A Negrini non avevano detto tutto e ora, all’apparir del vero, il rischio è quello di ..
10 Giugno 2024 - 19:48
Europee a Modena, il valzer preferenze: male Fdi e Cavedagna incassa meno del previsto
A Modena prende solo poco più della metà delle preferenze che Bignami avrebbe chiesto a ..
10 Giugno 2024 - 11:52
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58