Voto Modena, l'aritmetica di Mezzetti contro l'entusiasmo di Negrini
e-work Spa
Mivebo
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
e-work Spa
articoliIl Punto

Voto Modena, l'aritmetica di Mezzetti contro l'entusiasmo di Negrini

La Pressa
Logo LaPressa.it

E venerdì il deputato Daniela Dondi, la donna che alle politiche ha battuto il Pd nel seggio di Modena, ufficializzerà la sua candidatura nella lista Fdi


Voto Modena, l'aritmetica di Mezzetti contro l'entusiasmo di Negrini
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

La politica è anche aritmetica, ma è altrettanto vero che l'aritmetica non basta a spiegare la politica. In vista delle elezioni di giugno il candidato Pd Massimo Mezzetti può certamente contare sul favore dei pronostici.
Il campo larghissimo che Mezzetti ha costruito per preservare l'attuale e ottuogenario sistema di potere, un campo che va dal partito di Calenda al M5S, appare quantomeno eterogeneo e potenzialmente rissoso, ma sulla carta ha i numeri per vincere anche al primo turno. Almeno stando all'ultimo sondaggio commissionato dal sindaco Pd di Spilamberto Umberto Costantini (qui).
Eppure i numeri non sono tutto.

Mentre Mezzetti dorme sonni tranquilli, dopo aver torturato ripetutamente i tasti della sua calcolatrice sommando partiti e sigle, il candidato di centrodestra Luca Negrini veleggia sulle ali di un entusiasmo tanto ingenuo nell'apparenza, quanto inusuale in un centrodestra modenese da sempre, al di là delle dichiarazioni di facciata, rassegnato all'inevitabile.


Nelle riunioni col suo comitato elettorale, Negrini ripete con ossessione che i numeri e i sondaggi per il momento non contano, che quello che conta è convincere la larga fetta di elettori che non votano, parlare coi più giovani e fare tutto il possibile nei tre mesi che lo separano dal voto, cercando di mettere a frutto nel migliore dei modi il pochissimo tempo che i vertici Fdi hanno colpevolmente concesso alla sua campagna elettorale. 'Scendere in campo è l'unico modo che conosco per vincere, chi sta in panchina è sicuro di perdere' - ripete spesso a chi gli ricorda il gap che separa il centrodestra dal centrosinistra, chiedendo in modo ripetuto e quasi maniacale di uscire dalla dicotomia centrodestra contro centrosinistra, ma di adottare il dualismo conservazione contro alternanza. Al di là delle ideologie.

E così alla dittatura della matematica di Mezzetti si oppone la scommessa della fantasia del 33enne imprenditore modenese. 
Una fantasia, quella di Negrini, che al momento poggia le sue fondamenta in una squadra di collaboratori del tutto slegati a Fratelli d'Italia, nella ritrovata convergenza con la Lega e la Forza Italia di Piergiulio Giacobazzi e che si innesta, per quanto riguarda le esperienze all'interno del partito della Meloni, prevalentemente su due figure. La prima è quella del capogruppo in Consiglio comunale, Elisa Rossini, per gli aggiornamenti di merito sui principali dossier aperti e la seconda è quella della deputata Daniela Dondi.
Proprio Daniela Dondi rivestirà infatti un ruolo centrale nella campagna elettorale di Fdi. Venerdì verrà ufficializzata la sua candidatura nella lista di Fratelli d'Italia alle comunali. Un sostegno non scontato sia in termini di consensi, sia in termini simbolici. Inutile ricordare, infatti, che la Dondi è la donna che è riuscita nella storica impresa di battere il centrosinistra nel collegio di Modena, venendo così eletta a sorpresa in Parlamento.
g.leo.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Mivebo

Il Punto - Articoli Recenti
Modena: il Pd ha stravinto, ma Negrini non meritava di restare solo
A Negrini non avevano detto tutto e ora, all’apparir del vero, il rischio è quello di ..
10 Giugno 2024 - 19:48
Europee a Modena, il valzer preferenze: male Fdi e Cavedagna incassa meno del previsto
A Modena prende solo poco più della metà delle preferenze che Bignami avrebbe chiesto a ..
10 Giugno 2024 - 11:52
Modena, il Pd ostenta sicurezza ma il ballottaggio è possibile
Intanto Luca Negrini non alza il livello dello scontro e non reagisce personalmente alle ..
06 Giugno 2024 - 10:26
Voto a Modena, Mezzetti perde la 'gentilezza': la destra torna ad essere il 'nemico'
Addirittura una destra locale tratteggiata come colpevolmente e consapevolmente ..
04 Giugno 2024 - 07:51
Il Punto - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58