GIFFI NOLEGGI
Onoranze funebri Simoni
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
GIFFI NOLEGGI
notiziarioLa Nera

Mafie, confiscato il patrimonio di Antonio Muto

La Pressa
Logo LaPressa.it

Tolti al 67enne - arrestato nel gennaio 2015 nell'ambito dell'operazione Aemilia contro la 'ndrangheta e attualmente in carcere - beni per 8,5 milioni


Mafie, confiscato il patrimonio di Antonio Muto
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Una settimana dopo quello della famiglia Sarcone, ora passa allo Stato anche il patrimonio di Antonio Muto, imprenditore originario di Cutro ma residente a Reggio Emilia, condannato in via definitiva a 10 anni e otto mesi per associazione mafiosa nel maggio dell'anno scorso. In seguito alla richiesta firmata dal Procuratore generale Lucia Musti (nella foto) sono così tolti al 67enne - arrestato nel gennaio 2015 nell'ambito dell'operazione Aemilia contro la 'ndrangheta e attualmente detenuto in carcere - beni per un valore di 8,5 milioni, già posti sotto sequestro nel 2019 e disseminati tra le province di Reggio, Parma, Modena e Piacenza.

Si tratta nello specifico di 50 immobili (tra cui una villetta di pregio a Reggio) capannoni industriali, terreni, una società immobiliare, 12 rapporti bancari e un automezzo.

Stando alle sentenze passate in giudicato la figura del condannato 'è quella di partecipe molto attivo del sodalizio 'ndranghetista emiliano, osservante delle gerarchie e regole dettate dai capi, fedele alle direttive ricevute condivise ed attuate e raccordo tra la cosca mafiosa ed esponenti delle istituzioni locali', allo scopo di favorire 'il rafforzamento e l'espansione economica del sodalizio, di chiara matrice imprenditoriale'.

Nel processo Aemilia Muto si è sempre dichiarato innocente e il suo avvocato lo paragonò a Enzo Tortora. Gli accertamenti della Direzione investigativa antimafia hanno tuttavia dimostrato la sproporzione tra il valore del suo patrimonio e i redditi dichiarati.

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Onoranze funebri Simoni

Whatsapp
La Nera - Articoli Recenti
Scontro tra due auto sulla Canaletto,..
Grave un 97enne. Alle 12,15 all'altezza di Bastiglia
01 Aprile 2024 - 15:05
Modena, rogo in palestra nella notte
Nessuna persona coinvolta nel rogo scaturito nella struttura In stradello San Marone all'una..
01 Aprile 2024 - 11:20
Aggredisce commessa col martello: in ..
Barcaiuolo: 'Trovandosi in campagna elettorale, non riceverà il riconoscimento che ..
29 Marzo 2024 - 09:10
Fermati con 90 kg di hashish in auto:..
Due trafficanti di origine marocchina nascondevano la droga in due diverse auto fermate ..
29 Marzo 2024 - 01:45
La Nera - Articoli più letti
L'orrore di Reggio: bambini affidati ..
Dall'inchiesta condotta dai Carabinieri emerge una realtà inquietante, da film horror. Due ..
28 Giugno 2019 - 09:33
Orrore Bibbiano, la Bolognini e gli ..
Ed ecco il video integrale del convegno, patrocinato dalla Regione, 'Quando la notte abita ..
29 Luglio 2019 - 07:00
Bibbiano, minore usata come 'cavia' ..
La lettura della ordinanza del Gip. Il caso della ragazza che mai risulta essere stata ..
04 Agosto 2019 - 15:14
Da Pavullo a Sassuolo, partorisce in ..
E' successo nella notte, protagonista una donna residente nell'alto Frignano. Dopo il ..
18 Febbraio 2018 - 22:39