La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
notiziarioLettere al Direttore

Medici di base, servizio in via d'estinzione. E conseguenze sono gravi

La Pressa
Logo LaPressa.it

Un ulteriore paradosso è dato dall'obbligo del rinnovo delle ricette anche per medicinali di prassi


Medici di base, servizio in via d'estinzione. E conseguenze sono gravi
I medici di base sono un servizio in via di estinzione? Sembrerebbe di sì. Secondo la Fimmg entro 5 anni ne spariranno 15mila e di conseguenza circa 14 milioni di italiani resteranno senza medico di famiglia. Quelli attuali sono ormai tutti massimalisti (fino a 1.500 assistiti), possono aprire lo studio per sole tre ore al giorno per cinque giorni per ricevere i pazienti e gli informatori medico scientifici. Una disponibilità di 15 ore settimanali, delle quali gli under 50 faticano ad usufruire perché trovano gli studi stracolmi di anziani, presenti spesso più volte la settimana.

Gli studi, specie d'inverno, si trasformano così in incubatori di virus, veicolati da tosse e sternuti degli influenzati. La soluzione? Sembra allo studio un aumento facoltativo del numero degli assistiti, fino a 1.800 ed il rientro in servizio dei medici settantenni già in pensione, ma quest'ultima sembra campata in aria viste le fughe anticipate grazie alla quota 100.

Un ulteriore paradosso è dato dall'obbligo del rinnovo delle ricette anche per medicinali di prassi, tipo per malattie coronariche conclamate: basterebbe una ricetta a scadenza annuale, con il controllo delle quantità prescritte da parte della farmacia, ma tant'è, invece bisogna passare sotto la forca caudina della ricetta medica, senza la quale le solerti farmaciste non ti concedono a pagamento nemmeno un banale protettore gastrico come il Pantoprazolo o un antibiotico intestinale per fronteggiare alla svelta una diarrea virale.

Con la ricetta paghi solo il ticket, vero, ma chiunque segue una terapia sa che al banco paga spesso decine di euro per il 'caro ticket', inoltre per un professionista o artigiano fare la fila per un'ora dal medico comporta una perdita maggiore del costo dei medicinali stessi. E poi i mass media si allarmano denunciando che sempre più persone rinunciano a curarsi? Tutto questo, infine,  ricade inevitabilmente sull'affollamento nei Pronto Soccorso: se una persona accusa malore o dolori che fa consulta l'orario del medico e se è chiuso  rimanda al giorno dopo? No, corre al Pronto Soccorso e si mette in coda al semaforo, che ora va dal bianco, al verde, al giallo al rosso. Chissà se avremo, a breve, innovamenti in materia sanitaria e assistenziale, visto il costante aumento del numero degli over 65 e la corsa dei Medici alla meritata pensione? Dobbiamo affidarci alla speranza.

Massimo Guerrini, Modena

Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
 

Articoli Correlati
'Vaccini, ecco il rapporto tra la Lorenzin e le case farmaceutiche'
Politica
27 Febbraio 2018 - 15:12- Visite:144931
Segretario Pd: ‘Votare Lega significa essere idioti’
Politica
04 Agosto 2018 - 11:35- Visite:103247
Coop Alleanza 3.0 fulcro della crisi del Sistema. E Muzzarelli trema
Il Punto
13 Gennaio 2019 - 08:41- Visite:55612
Il Sulpl risponde: Posso accompagnare mia moglie a fare la spesa?
Societa'
17 Marzo 2020 - 11:24- Visite:51238
'Festa Unità: è il vuoto totale, a Modena non esiste centrosinistra'
Parola d'Autore
31 Agosto 2018 - 11:38- Visite:43950
'Lo Ius Soli sarà per noi il primo punto nella nuova legislatura'
Pressa Tube
01 Febbraio 2018 - 01:00- Visite:43294
Lettere al Direttore - Articoli Recenti
Castelfranco, multato in centro ..
Caro sindaco, nella democratica e rispettosa delle difficoltà dei disabili Castelfranco,  ..
18 Settembre 2020 - 11:33- Visite:795
L'Odissea della scuola
La ministra Azzolina dice commossa che siamo arrivati a Itaca. La ministra ha letto ..
18 Settembre 2020 - 11:24- Visite:276
Scuola al via, tutto bene! A parte ..
L'amaro sfogo di una insegnante precaria: 'E intanto quelli di ruolo fanno partire la scuola..
16 Settembre 2020 - 14:01- Visite:667
Aule sottratte al Barozzi, ma al ..
'Si potrebbe sapere tutte queste aule sottratte a cosa servirebbero se i ragazzi si ..
14 Settembre 2020 - 11:42- Visite:1162


Lettere al Direttore - Articoli più letti


Basta cazzeggio? Caro Venturi per ..
Quel basta cazzeggio... avremmo potuto dirlo noi al dottor Venturi quando fino al 21 ..
19 Marzo 2020 - 11:32- Visite:20404
Corsette e bici sì, passeggiate no: ..
La risposta a una nostra lettrice: Venturi ovviamente sa perfettamente cosa dice e sta ..
17 Marzo 2020 - 19:01- Visite:18680
Soffiatori a motore e foglie cadenti:..
Basti pensare che ogni soffione a motore sposta, in un ora di servizio, un volume d'aria ..
03 Novembre 2017 - 17:42- Visite:18144
Muzzarelli aumenta le tasse senza ..
La richiesta di ulteriori denari dai propri cittadini, quanto si hanno le casse piene, ..
27 Marzo 2020 - 19:22- Visite:17436