La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Google+ Linkedin Instagram
articoliOltre Modena

Bombardamenti turchi contro i curdi: rischi e silenzio dell'Europa

La Pressa
Logo LaPressa.it

La conseguenza di questa azione potrebbe anche essere una rinascita dello Stato Islamico


Bombardamenti turchi contro i curdi: rischi e silenzio dell'Europa

Mentre sto scrivendo, leggo nelle notizie Ansa dell’ultima ora che sono iniziati i bombardamenti turchi contro postazioni curdo siriane. Ci sono dei popoli che paiono segnati dal destino, spinti a scomparire nell’indifferenza di tutti. E tra questi popoli vi è sicuramente quello curdo.

La Turchia di Erdogan vuole eliminarli, perché considerati terroristi e collegati al PKK: il Partito dei Lavoratori del Kurdistan che rappresenta un pericolo per l’egemonia del Presidente turco con la richiesta curda d’indipendenza da Ankara. Quindi, l’invasione dell’esercito turco nel nord della Siria è imminente, procederà quando l’artiglieria a terra e il fuoco dal cielo avranno reso inoffensiva la resistenza.

L’Europa, nella sua pochezza politica, guarda da un’altra parte e gli Stati Uniti non si è capito cosa vogliano fare: prima accendono il semaforo verde all’attacco e poi cambiano direzione e vanno in senso opposto, addirittura minacciando Erdogan di ripercussioni sulla già debole economia turca. Gli eroi Curdi di un tempo, preziosi alleati degli USA nella guerra contro l’ISIS, che hanno versato un tributo di sangue enorme, non servono più. Devono togliersi dai piedi. Perché?

Il piano di Erdogan è chiaro da tanto tempo e volge a creare una “zona cuscinetto” al confine meridionale. Per avere le mani libere, ricatta l’Europa: se mi ostacolate, si riapre la via dei Balcani e vi fate invadere da 3,5 milioni di siriani rifugiati. Come vi dicevo, l’Europa dell’accoglienza, del “siamo tutti cittadini del mondo” e del “bisogna aprire le braccia a chi fugge dalle guerre...” ha inviato immediatamente un messaggio inequivocabile: fate pure!

Le intenzioni della Turchia sono quelle di occupare un’area di circa 30 chilometri dentro la Siria, una striscia di territorio lunga 480 chilometri che deve estendersi fino all'Iraq. L’obiettivo è quello di contenere le milizie dell’YPG (Unità di Protezione popolare Curda), che Erdogan giudica estensione del PKK, da anni in lotta per l’indipendenza da Ankara.

È bene ricordare che le milizie dell'YPG sono state protagoniste per la liberazione di Kobane e di Raqqa dagli estremisti dello Stato Islamico. Per questi “eroi di un giorno” è stata una pugnalata alle spalle la decisione di Trump di ritirare il contingente americano dal nord-est della Siria, ma Erdogan fa più comodo a tutti che non il destino di 3 milioni e mezzo di Curdi.

 

La seconda ragione di questa azione di guerra è consentire il ritorno in patria di circa 2 milioni di rifugiati siriani. Queste le parole del portavoce turco Ibrahim Kalin: “Dobbiamo prenderci cura della sicurezza delle nostre frontiere e assicurarci che i rifugiati siriani tornino alle loro case in modo sicuro e volontario”.

Naturalmente, i Curdi hanno già dichiarato che lotteranno con le unghie e con i denti per difendere quello che considerano il loro territorio e la loro aspirazione: l’indipendenza. “Risponderemo a qualsiasi tipo di attacco”, ha detto Dalbr Issa, comandante delle YPG. “Le forze democratiche curde sono nate per difendere il nostro popolo. Come abbiamo risposto all’ ISISI sarebbe lo stesso anche contro un attacco dello Stato turco”.

La conseguenza di tutto ciò sarà che, comodamente seduti davanti ad un televisore, assisteremo ad una carneficina, perché la qualità e la quantità delle forza in campo non ha paragone: droni di ultima generazione, caccia di provenienza americana, carri armati tedeschi contro il coraggio e poco più.

In queste ore è in corso una mobilitazione di civili nelle città di Ras al-Ain, Tal Abyad e Kobane lungo il confine. “Saranno scudi umani per impedire l’avanzata turca”, ha dichiarato Arin Sheikhmous, attivista curdo di Qamishli.

La conseguenza di questa azione potrebbe anche essere una rinascita dello Stato Islamico: un’invasione da parte delle forze turche creerà circostanze che permetteranno all’ISIS di rifiatare e di riorganizzarsi. C’è da attendersi altri attentati. Da quando l’ISIS è stato sconfitto, migliaia di ex combattenti sono diventati prigionieri delle forze delle SDF (Syrian Democratic Forces) di cui i curdi sono una parte rilevante. Con l’attacco della Turchia, circa 12mila estremisti islamici non saranno più guardati a vista come ieri. “Molti dei nostri soldati provengono dalle città di confine e lascerebbero il loro posto nei centri di detenzione per andare a difendere i loro familiari” ha affermato il generale delle SDF Mazloum Kobani Abd. E le Nazioni Unite che fanno? Hanno espresso un inutile allarme per l’intervento militare della Turchia e stanno preparando piani di emergenza per assistere le persone che potrebbero fuggire verso sud. Applausi.

 

Massimo Carpegna



Massimo Carpegna
Massimo Carpegna

Docente di Formazione Corale e del master in Musica e Cinema presso Istituto Superiore di Studi Musicali Vecchi Tonelli di Modena e Carpi. Direttore d'orchestra compositore con partitu..   Continua >>


Articoli Correlati
'Manifestare per i curdi? Si dica che l'unico governo legittimo è ..
Politica
16 Ottobre 2019 - 10:36- Visite:1428
Modena, in via Divisione Acqui striscione contro Erdogan
Societa'
16 Ottobre 2019 - 21:14- Visite:1423
I Curdi traditi: la banalizzazione della realtà
Oltre Modena
12 Ottobre 2019 - 08:55- Visite:1348
Volontari modenesi al confine della Turchia, tra gli sfollati siriani
Societa'
09 Novembre 2019 - 16:37- Visite:1028
Vandali nella notte all'Unimore: ferma condanna
La Nera
15 Marzo 2018 - 09:41- Visite:854
Modena, la sinistra sostiene i curdi e il centrodestra latita
Politica
13 Ottobre 2019 - 15:01- Visite:836
Oltre Modena - Articoli Recenti
La Consulta boccia il referendum su ..
Oggetto della richiesta referendaria erano, in primo luogo, le due leggi elettorali di ..
17 Gennaio 2020 - 00:11- Visite:170
Giornalismo in lutto: è morto ..
Figura chiave del giornalismo italiano, con i suoi libri storiografici è divenuto un vero e..
12 Gennaio 2020 - 23:46- Visite:367
Libia, cessate il fuoco entra in ..
L'Italia parla sia con Haftar che con al-Serraj ma concretamente non offre alcun aiuto ..
12 Gennaio 2020 - 14:20- Visite:400
Sondaggio Dire-Tecnè: il partito ..
Disposti a votarlo in particolare gli elettori di Partito Democratico e Movimento 5 Stelle, ..
10 Gennaio 2020 - 14:43- Visite:552


Oltre Modena - Articoli più letti


E' morto Riina: manifesto funebre ..
Il manifesto funebre è apparso tra le strade del centro di Ercolano
17 Novembre 2017 - 17:37- Visite:298090
Orrore a Reggio, lavaggi cervello per..
Anche il sindaco di Bibbiano, Andrea Carletti, è agli arresti domiciliari. I minori ..
27 Giugno 2019 - 10:43- Visite:20162
Edicola La Rotonda, l'appello del ..
Petizione per Domenico Di Maiolo, 'Sono disperato, introiti crollati da quando Conad vende i..
01 Novembre 2017 - 19:22- Visite:19499
Andrea Galli e l'età delle donne...
Il capogruppo di Forza Italia attacca la moglie di Macron: l'anagrafe nelle coppie a senso ..
10 Maggio 2017 - 18:42- Visite:13651