Omnispower
Acof onoranze funebri
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Omnispower
progettiOltre Modena

Carpi ricorda Borsellino: le 13 domande della figlia

La Pressa
Logo LaPressa.it

Domani alle 10 presso il piazzale della Meridiana Carpi, davanti al Murales dedicato a Borsellino la cerimonia


Carpi ricorda Borsellino: le 13 domande della figlia

Domani alle 10 presso il piazzale della Meridiana Carpi, davanti al Murales dedicato a Borsellino, ricorderà il magistrato Paolo Borsellino e gli agenti della scorta Emanuela Loi, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. A 26 anni dalla strage di via D'Amelio.

Sarà presente il sindaco di Carpi Alberto Bellelli, monsignor Rino Bottecchi e l'imprenditrice Cinzia Franchini. Un momento di raccoglimento, organizzato dalla associazione culturale Il Mostardino, e ricordo per commemorare questi servitori dello Stato che diedero la propria vita per  il nostro Paese.

E proprio oggi, alla vigilia dell'anniversario, Fiammetta Borsellino, la figlia del giudice ucciso, scrive una lettera aperta. La figlia minore del magistrato pone tredici domande e dice: 'Basta con i misteri di Stato: diteci la verità'. Nella lettera, pubblicata da Repubblica, Fiammetta Borsellino scrive: 'Sono passati 26 anni e ancora aspettiamo delle risposte da uomini delle istituzioni e non solo.


Ci sono domande che non possono essere rimosse dall'indifferenza o da colpevoli disattenzioni'.
Tra le domande poste dalla figlia del giudice, che proprio oggi, alle 14 verrà ascoltata dalla Commissione regionale antimafia all'Ars, la richiesta del perché, dopo la strage di Capaci, 'le autorità locali non misero in atto le misure necessarie per proteggere mio padre'. Non solo. 'Perché per una strage di così ampia portata fu prescelta una procura composta da magistrati che non avevano competenze', chiede. 'Oppure: 'Perché via D'Amelio non fu preservata consentendo così la sottrazione dell'agenda rossa di mio padre?'. E ancora: 'Perché nei 57 giorni fra Capaci e via D'Amelio i pm di Caltanissetta non convocarono mai mio padre?'.
Poi domande anche sul pentito Scarantino ('perché i pm di Caltanissetta furono accomodanti con le continue ritrattazioni?'), sul mancato verbale di sopralluogo della Polizia con Scarantino 'nel garage dove diceva di avere rubato la 126 poi trasformata in autobomba?'.

Queste le 13 domande nella lettera aperta pubblicata da Repubblica:
1. Perché le autorità locali e nazionali preposte alla sicurezza non misero in atto tutte le misure necessarie per proteggere mio padre, che dopo la morte di Falcone era diventato l’obiettivo numero uno di Cosa nostra? 
2. Perché per una strage di così ampia portata fu prescelta una procura composta da magistrati che non avevano competenze in ambito di mafia? L’ufficio era composto dal procuratore capo Giovanni Tinebra, dai sostituti Carmelo Petralia, Annamaria Palma (dal luglio 1994) e Nino Di Matteo (dal novembre ’94).
3. Perché via D’Amelio, la scena della strage, non fu preservata consentendo così la sottrazione dell’agenda rossa di mio padre? E perché l’ex pm allora parlamentare Giuseppe Ayala, fra i primi a vedere la borsa, ha fornito versioni contraddittorie su quei momenti?
4. Perché i pm di Caltanissetta non ritennero mai di interrogare il procuratore capo di Palermo Pietro Giammanco, che non aveva informato mio padre della nota del Ros sul “tritolo arrivato in città” e gli aveva pure negato il coordinamento delle indagini su Palermo, cosa che concesse solo il giorno della strage, con una telefonata alle 7 del mattino?
5. Perché nei 57 giorni fra Capaci e via D’Amelio, i pm di Caltanissetta non convocarono mai mio padre, che aveva detto pubblicamente di avere cose importanti da riferire?
6. Cosa c’è ancora negli archivi del vecchio Sisde, il servizio segreto, sul falso pentito Scarantino (indicato dall’intelligence come vicino ad esponenti mafiosi) e sul suo suggeritore, l’ex capo della squadra mobile di Palermo Arnaldo La Barbera?
7. Perché i pm di Caltanissetta non depositarono nel primo processo il confronto fatto tre mesi prima fra il falso pentito Scarantino e i veri collaboratori di giustizia (Cancemi, Di Matteo e La Barbera) che lo smentivano? Il confronto fu depositato due anni più tardi, nel 1997, solo dopo una battaglia dei difensori degli imputati.
8. Perché i pm di Caltanissetta furono accomodanti con le continue ritrattazioni di Scarantino e non fecero mai il confronto tra i falsi pentiti dell’inchiesta (Scarantino, Candura e Andriotta), dai cui interrogatori si evinceva un progressivo aggiustamento delle dichiarazioni, in modo da farle convergere verso l’unica versione?
9. Perché la pm Ilda Boccassini (che partecipò alle prime indagini, fra il giugno e l’ottobre 1994), firmataria insieme al pm Sajeva di due durissime lettere nelle quali prendeva le distanze dai colleghi che continuavano a credere a Scarantino, autorizzò la polizia a fare dieci colloqui investigativi con Scarantino dopo l’inizio della sua collaborazione con la giustizia?
10. Perché non fu mai fatto un verbale del sopralluogo della polizia con Scarantino nel garage dove diceva di aver rubato la 126 poi trasformata in autobomba? Perché i pm non ne fecero mai richiesta? E perché nessun magistrato ritenne di presenziare al sopralluogo?
11. Chi è davvero responsabile dei verbali con a margine delle annotazioni a penna consegnati dall’ispettore Mattei a Scarantino? Il poliziotto ha dichiarato che l’unico scopo era quello di aiutarlo a ripassare: com’è possibile che fino alla Cassazione i giudici abbiano ritenuto plausibile questa giustificazione?
12. Il 26 luglio 1995 Scarantino ritrattava le sue dichiarazioni con un’intervista a Studio Aperto. Prima ancora che l’intervista andasse in onda, i pm Palma e Petralia annunciavano già alle agenzie di stampa la ritrattazione della ritrattazione di Scarantino, anticipando il contenuto del verbale fatto quella sera col falso pentito. Come facevano a prevederlo? 13. Perché Scarantino non venne affidato al servizio centrale di protezione, ma al gruppo diretto da La Barbera, senza alcuna richiesta e autorizzazione da parte della magistratura competente?



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Acof onoranze funebri

Oltre Modena - Articoli Recenti
Nordio: il 41bis non è in ..
Il Ministro in Aula alla Camera sulle polemiche degli ultimi giorni legate alle condizioni ..
01 Febbraio 2023 - 23:39
Gerusalemme, attentato in Sinagoga, ..
Un uomo armato di pistola avrebbe fatto fuoco all'interno del luogo di culto prima di essere..
28 Gennaio 2023 - 01:33
E' morta Gina Lollobrigida: una vita ..
Lutto nel mondo del cinema. L'attrice italiana, nastro d'argento alla carriera, aveva 95 ..
16 Gennaio 2023 - 13:12
Brasile, assalto al Parlamento: ..
Dopo l'azione dei sostenitori dell’ex presidente Jair Bolsonaro, le forze di sicurezza ..
09 Gennaio 2023 - 19:20
Oltre Modena - Articoli più letti
Covid, 4700 contagi al concerto per ..
A riportalo è l'edizione di lunedì del quotidiano The Guardian. Il Boardmasters si è ..
26 Agosto 2021 - 14:33
La pandemia globale di Coronavirus? ..
E' tutto ancora on line. Il John Hopkins Center for Health Security con il World Economic ..
03 Marzo 2020 - 09:43
Israele abbandona il Green Pass: con ..
Il boom dei contagi con Omicron ha reso del tutto evidente l'inefficacia dello strumento per..
05 Febbraio 2022 - 00:21
'Covid, chi si vaccina può sia ..
Parla Massimo Andreoni, direttore scientifico della Società italiana malattie infettive ..
10 Maggio 2021 - 15:09