La Ghisi carburanti
Acof onoranze funebri
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Mivebo
articoliPolitica

Fuoco incrociato sul Governo Conte, si avvicina la tempesta perfetta?

La Pressa
Logo LaPressa.it

Da Travaglio a Cangini: 'Il Governo è sempre più debole, diviso al suo interno, indeciso su tutto e privo di una reale guida politica'


Fuoco incrociato sul Governo Conte, si avvicina la tempesta perfetta?

Nelle ultime ore le agenzie di stampa si sbizzarriscono in fosche previsioni per la sorte del Governo Conte. E lo fanno sulla base di un fuoco incrociato cui il premier è sottoposto da parte di tutte le categorie economiche e sociali con attacchi, proteste e lamentele che provengono anche dalla sua stessa maggioranza politica, da Pd, 5Stelle, Leu: insomma, dal fuoco amico.

E le stesse agenzie, ma anche taluni organi di stampa non organici al potere, citano una serie di episodi e circostanze che rendono difficoltoso il suo cammino.

A cominciare dall'attaco frontale mossogli dal presidente di Confindustria Bonomi che lo ha accusato di essere in 'stato confusionale piuttosto che decisionale', poi per le feroci critiche di Cna e Confartigianato che lamentano la mancanza di aiuti adeguati a sostegno del vasto e variegato mondo dell'artigianato italiano con la sua storia e il suo patrimonio di valori e di ricchezza creativa.

Ma anche Confesercenti e Confcommercio sono state severe per i danni economici subiti dal settore alberghiero, della ristorazione e del turismo anche montano (dove vi sarebbero già 90mila aziende chiuse e altre 500mila in pericolo) a causa della assoluta inadeguatezza dei cosiddetti 'ristori' compensativi per la chiusura dei locali e quindi della mancanza di reddito. Poi per la telenovela del rimpasto ministeriale di cui si parla da settimane, chiesto anche dal Pd, ma che Conte tarda ad effettuare e imporre temendo forse di essere travolto lui stesso dalla slavina che potrebbe generare, uno stato di incertezza che alla fine porta alla inconcludenza. Rimpasto che coinvolge i nomi della Azzolina (quella dei banchi a rotelle e del tira e molla sulla chiusura e l'apertura delle scuole), della De Micheli (che ha proposto l'apertura delle scuole anche di domenica, ma cui si rimprovera soprattutto di non essere riuscita a predisporre una struttura adeguata al trasporto degli studenti e dei pendolari), dei ministri Bonafede, Provenzano e Boccia, distintosi quest'ultimo più che altro per avere proposto di fare nascere in anticipo Gesù la notte di Natale. Ma anche due ukase lanciati contro di lui da sinistra (Travaglio) e dal centro berlusconiano (Cangini) che hanno scritto, il primo, che l'insofferenza del Pd per Conte e ogni giorno più evidente sia per l'incapacità di decidere sul Mes, poi per i ritardi nell'invio a Bruxelles delle ipotesi di spesa dei soldi del Recovery Fund, per il rocambolesco episodio della scelta del commissario per la Calabria, per l'ambiguità nella scelta del candidato sindaco di Roma (rivendicato dal Pd che non vuole più la Raggi), per l'assurdità di volere creare una task force di 300 'tecnici' con alla guida sei manager per gestire l'arrivo e la distribuzione in Italia del vaccino anti Covid quando, si osserva, Conte conta già su una 'truppa' di venti ministri e di 40 tra vice ministri e sottosegretari. “La pervicacia con cui Conte e i suoi ministri vogliono restare nelle stanze del potere ministeriale – ha aggiunto Travaglio - non giustifica questa sorta di attesa e inconcludenza che è deludente agli occhi degli elettori di sinistra”.

Dal canto suo l'ex direttore del Resto del Carlino Cangini sembra condividere le considerazioni di Travaglio, aggiungendo poi che “il Governo è sempre più debole, diviso al suo interno, indeciso su tutto e privo di una reale guida politica che, per giunta, vuole prescindere dal Parlamento pur essendo troppo debole per fare a meno del Parlamento”.

Cesare Pradella




Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 


Politica - Articoli Recenti
Di Maio in seggio emiliano blindato ..
Il video di allora: 'Io col partito che in Emilia Romagna toglieva i bambini alle famiglie ..
30 Luglio 2022 - 20:24
Pd regala collegio sicuro in Emilia a..
'Credo che Luigi Di Maio sia stata la persona che più ha compreso potenzialità e gli ..
30 Luglio 2022 - 19:51
Voto, Pd Modena fa la rosa dei ..
Fanno parte della lista l’ex direttrice sanitaria Ausl, appena andata in pensione, Silvana..
30 Luglio 2022 - 16:23
Dai 5 Stelle ad Articolo 1: la nuova ..
Porte aperte in Articolo 1 per Max Bugani e Marco Piazza, i due storici esponenti del ..
30 Luglio 2022 - 14:40
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58