La Ghisi carburanti
Acof onoranze funebri
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
articoliOltre Modena

Governo Conte, un regalo di Natale che scontenta tutti

La Pressa
Logo LaPressa.it

I suoi annunci suadenti, diffusi col consueto garbo ed eleganza espositiva, tra retorica e demagogia, affiancato dal fido Casalino, non hanno incantato nessuno


Governo Conte, un regalo di Natale che scontenta tutti

Solo la grande stampa allineata al potere politico e ai grandi gruppi economici e finanziari e, naturalmente, al Capo dello Stato, ha difeso, seppure con qualche imbarazzo, l'ultimo show del premier Conte di venerdi 4 dicembre all'ora di cena (quando l'audience sulle reti Rai è maggiore) costringendo i tg alla sospensione per dare spazio a Palazzo Chigi.

I giornali e le emittenti 'indipendenti', non servili e succubi al pensiero dominante e dunque anticonformiste, hanno viceversa mosso severe critiche alla conferenza stampa di Conte che ha illustrato (prima alla stampa che al Parlamento, hanno fatto osservare con puntiglio i partiti di opposizione) l'ennesimo decreto del presidente del consiglio, il ventesimo in due mesi, cosa mai vista prima d'ora nell'Italia repubblicana.

Ma i suoi annunci suadenti, diffusi col consueto garbo ed eleganza espositiva, tra retorica e demagogia, affiancato dal fido Casalino, non hanno incantato nessuno delle categorie economiche, che sono l'ossatura del Paese, colpite dalle nuove misure restrittive ma nemmeno i cittadini che sono rimasti meravigliati dalla notizia di non potere quest'anno festeggiare con la famiglia allargata le festività natalizie, sacre da sempre alla nostra gente.

Insomma sono scontenti tutti. A cominciare dagli albergatori e da tutto il mondo che vive del e col turismo legato alla neve: migliaia di famigle del nostro Appennino modenese costrette a tenere fermi gli impianti di risalita fino al 6 gennaio. Tra i più delusi il presidente del Consorzio del Cimone Magnani, il presidente della Federfuni Quattrini, che facevano affidamento sulle promesse di un sostegno concreto dell'Appennino modenese fatte loro da Bonaccini. E che ora parlano di “catastrofe totale e di regole assurde perchè alberghi aperti e piste chiuse sino al 6 gennaio significa che alla fine in montagna non verrà nessuno”.

Non meno allarmanti le considerazioni della Coldiretti di Modena per quanto riguarda gli Agriturismo disseminati sul territorio che si tradurranno in una minore entrata di 500-600 milioni, con la perdita del posto di lavoro da parte di centinaia di dipendenti a tempo determinato. Così come è stato categorico Gianfranco Zinani capo della Federazione degli esercenti pubblici che paventa la chiusura definitiva di molti bar e ristoranti a partire da gennaio perchè è impossibile per i titolari pagare tasse, affitti e personale senza gli incassi dei clienti, a fronte di ristori che sono una semplice mancia che non risolve il loro problema ma, soprattutto senza nessun piano di rilancio del settore da parte del governo come hanno fatto invece altri Stati europei. Sconforto anche da parte di Amedeo Faenza presidente della Federalberghi: “Tutte le autorità parlano di bell'Italia, ma quando c'è da aiutarci, spariscono tutti e con la batosta conseguente a queste norme più il lockdown di primavera, ci vorranno anni perchè il settore alberghiero possa riprendersi e molti chiuderanno anche perchè mancano idee su come aiutare il settore a ripartire se vogliamo mantenere il richiamo turistico dell'Italia all'estero”. Pure deluso lo chef pluristellato Bottura che un mese fa aveva indirizzato una lettera aperta a Bonaccini per chiedergli di intervenire su Conte per scongiurare la chiusura serale dei ristoiranti. Mentre la Cgia di Mestre fa defintivamente chiarezza sull'ammontare effettivo dei promessi ma non ancora erogati 'ristori' governativi: copriranno mediamente il 25 per cento delle perdite del fatturato di commercianti, artigiani, ristoratori, albergatori per cui almeno 350mila piccole e medie aziende chiuderanno definitivamente entro dicembre lasciando senza lavoro un milione di dipendenti. Considerazione questa che fa dire a Claudio Medici della Cna, presidente di Rete Imprese Italia di Modena, che l'ultimo decreto di Conte è altamente penalizzante sul piano economico e sociale con gravi incongruenze come quella del consuno della cena nelle stanze degli alberghi o di limitare gli spostamenti famigliari nelle giornate festive del 24, del 25 e del 1° gennaio.

Ma in questo quadro fosco dal punto di vista delle conseguenze economiche delle misure adottate, vi è anche chi reagisce annunciando addirittura una 'class action' nei confronti del governo per i danni provocati al settore della ristorazione. E' Biagio Passaro, brand manager del franchising Regina Margherita, una catena di pizzerie in Italia e nel mondo, ad annunciarlo e che ha già provocatoriamente tenuto aperte le pizzerie all'ora di cena sia a Castelfranco che a Bologna e che, adesso, minaccia una misura più clamorosa come la 'class action'.

Ma è scontento anche il personale scolastico perchè molti presidi e insegnanti hanno chiesto, inascoltati, alla ministra Azzolina di potere riprendere le lezioni già in dicembre come è avvenuto in altri paesi europei e non aspettare il 7 gennaio, promuovendo provocatoriamente lezioni in piazza in segno di protesta per il lungo periodo di lezioni a casa “che danneggia – hanno sottolineato - in primis gli stessi studenti privati dei necessari confronti personali con altri ragazzi e insegnanti”.

Scontenti anche i gestori dei cinema, dei teatri e i direttori dei Musei che hanno lamentato una pericolosa inutile penalizzazione della cultura, rivolgendo per questo accuse al ministro Franceschini.

Per non parlare dei Governatori delle Regioni che, seppure a denti stretti, hanno confermato di avere dovuto alzare la voce nelle videoconferenze con Conte, Boccia e Speranza per rivendicare il loro diritto di fare controproposte (inascoltate) a quelle loro imposte.

Insomma, tutti scontenti a tal punto che qualche rappresentante di categoria o degli stessi cittadini che si sentono impotenti, si è rivolto esasperato al Capo dello Stato. E anche questo non ha precedenti nella storia recente della Repubblica italiana.

Cesare Pradella




Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 

Acof onoranze funebri

Oltre Modena - Articoli Recenti
Guerra in Ucraina, Zelensky: ..
'Quando il nostro popolo combatte per l’indipendenza, abbiamo il nostro diritto in tutti i..
18 Luglio 2022 - 10:53
Reggio Emilia: allevamento ..
Carenze igienico sanitarie nel sistema di mungitura, nella sala della raccolta latte e ..
16 Luglio 2022 - 09:37
La conclusione dei Ministri UE: 'Meno..
Con la riduzione di un un ulteriore 'terzo' imposto da Putin, UE costretta a rivedere ancora..
12 Luglio 2022 - 08:44
Zelensky: 'Non cederemo nessuna terra..
'Restiamo fermi sul fatto che nessuna concessione del territorio ucraino farà parte del ..
08 Luglio 2022 - 17:46
Oltre Modena - Articoli più letti
Covid, 4700 contagi al concerto per ..
A riportalo è l'edizione di lunedì del quotidiano The Guardian. Il Boardmasters si è ..
26 Agosto 2021 - 14:33
La pandemia globale di Coronavirus? ..
E' tutto ancora on line. Il John Hopkins Center for Health Security con il World Economic ..
03 Marzo 2020 - 09:43
Israele abbandona il Green Pass: con ..
Il boom dei contagi con Omicron ha reso del tutto evidente l'inefficacia dello strumento per..
05 Febbraio 2022 - 00:21
'Covid, chi si vaccina può sia ..
Parla Massimo Andreoni, direttore scientifico della Società italiana malattie infettive ..
10 Maggio 2021 - 15:09