La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Google+ Linkedin Instagram
articoliOltre Modena

La riforma costituzionale dei 5 Stelle? Propaganda populista

La Pressa
Logo LaPressa.it

Attualmente, la riforma costituzionale sembra essere uno dei pochissimi dossier su cui i partner di governo vanno d'accordo


La riforma costituzionale dei 5 Stelle? Propaganda populista

Nell'indifferenza generale dei mezzi d'informazione e quindi dell'opinione pubblica, la maggioranza giallo-verde è vicina a portare a casa una riforma che meriterebbe tantissime attenzioni e discussioni per il solo fatto che è costituzionale. A maggior ragione, tale riforma dovrebbe essere al centro del dibattito perché modifica la composizione del parlamento, alterando quindi il livello di rappresentanza dei cittadini nell'istituzione cardine della democrazia rappresentativa.

L'impostazione della riforma è di chiara matrice pentastellata ma anche la Lega la approva. Attualmente, la riforma costituzionale sembra essere uno dei pochissimi dossier su cui i partner di governo vanno d'accordo. Ma cosa prevede questa riforma? Essenzialmente quattro cose: la riduzione del numero di parlamentari da 945 a 600 – di cui 400 deputati e 200 senatori – l'introduzione del referendum propositivo (attualmente il referendum è solo abrogativo) l'imposizione di un tetto massimo di cinque senatori a vita in carica e la riduzione da 25 a 18 anni dell'età per eleggere il Senato. Comunque, il nocciolo della riforma è rappresentato dalla riduzione del numero dei parlamentari.

Il Movimento 5 Stelle – in quanto partito populista che ha poggiato la sua ascesa su una narrazione votata all'anti-politica – è il padre della riforma. Al grido di “tagliamo le poltrone!” i pentastellati puntano a raggiungere due obiettivi: ridurre i costi della politica e rendere più efficienti i lavori parlamentari. Essi prevedono un risparmio di 500 milioni di euro a legislatura mentre il nesso tra meno parlamentari e più efficienza è tutto da dimostrare. Tale modifica costituzionale porta con sé un'altra certezza volutamente taciuta dai suoi promotori, ovvero l'indebolimento della democrazia rappresentativa, siccome si va a ridurre considerevolmente il rapporto tra elettori e numero di eletti.

In sostanza, se passa la riforma pentastellata, i cittadini italiani saranno meno rappresentati.

D'altro canto, considerando gli ideali che stanno alla base dei Cinque Stelle, ciò non deve sorprendere. Il partito di Grillo e Casaleggio considera la democrazia rappresentativa un polveroso reperto storico, novecentesco, inadatto a fronteggiare le sfide del nuovo millennio. I Cinque Stelle credono nella democrazia diretta dove ciascun cittadino decide per sé attraverso un clic su un sito internet e non ha bisogno di rappresentanti. La piattaforma Rousseau, prototipo della democrazia diretta pentastellata, palesò i suoi imbarazzanti limiti in occasione del voto sul caso Diciotti-Salvini mentre l'imparzialità degli amministratori del sito rimane un'incognita. Meglio tornare alle assemblee cittadine dell'antica Atene piuttosto.

In ogni caso, l'aspetto cruciale su cui si vuole porre l'attenzione è che i Cinque Stelle vogliono mettere mano alla Costituzione solo per, in fin dei conti, ridurre il numero dei parlamentari. Ecco emergere la vera natura populista di questa riforma. La durata media dei governi della Repubblica Italiana è di poco superiore a dodici mesi e ciò in parte è dovuto all'assetto istituzionale definito dalla Costituzione. Redatta subito dopo i drammi della Seconda Guerra Mondiale e della dittatura fascista, l'obiettivo dei padri costituenti era evitare che succedesse nuovamente quanto accaduto negli anni Venti, ovvero che il potere esecutivo prendesse il sopravvento imponendo un regime autoritario al paese. Sebbene il benestare della monarchia fu cruciale per l'avvento e il consolidamento del fascismo, l'attuale Costituzione vede un parlamento forte e un governo debole proprio per evitare che il secondo prevalga sul primo.

Tutto ciò per dire che l'instabilità politica che caratterizza da sempre la nostra Repubblica è, in parte, conseguenza della Costituzione. Sebbene la Costituzione abbia palesato nel corso di questi settant'anni tutti i suoi limiti, i Cinque Stelle decidono di mettervi mano solo per ridurre il numero dei parlamentari. A parte il fatto che una tale riforma dovrebbe come minimo essere accompagnata da una legge elettorale ad hoc, l'Italia ha bisogno di una riforma costituzionale che cerchi di rafforzare la stabilità governativa e non di pseudo-riforme finalizzate a consolidare la base elettorale di una fazione politica.

In sostanza, con questa riforma, i Cinque Stelle non si sono preoccupati nemmeno per un secondo di porre rimedio a quello che probabilmente è il più grande difetto della nostra Costituzione.

Siccome la Repubblica Italiana si caratterizza da sempre per l'instabilità governativa – tenendo bene a mente le conseguenze negative che ciò comporta per lo sviluppo del paese e la sua credibilità internazionale – e siccome il procedimento di revisione costituzionale è lungo e articolato, non era forse più sensato, già che si stava modificando il parlamento, revisionare i rapporti di forza tra esecutivo e legislativo?

Dal punto di vista politico, evidentemente no. I rischi politici di un'ampia riforma costituzionale si sono manifestati in tutta la loro negatività nel caso della riforma Renzi-Boschi del 2016.

In ogni caso, per un partito populista anti-establishment che considera la democrazia rappresentativa superata, tutti questi problemi non si pongono. Ignorando la drammaticità e la lunghezza dei processi storici che hanno portato l'Europa dall'Ancien Regime alla democrazia rappresentativa, i Cinque Stelle credono che l'utopia della democrazia diretta possa diventare realtà per decreto.

Alla fine, con questa riforma i Cinque Stelle si dimostrano uguali ai partiti tradizionali che hanno per tanto tempo vituperato energicamente. Si preoccupano di portare acqua al proprio mulino ignorando una delle grandi questioni che da settant'anni azzoppa lo sviluppo del paese.

Massimiliano Palladini



Massimiliano Palladini
Massimiliano Palladini

Laureato in Scienze politiche, sociali, internazionali all'università di Bologna, studia Relazioni internazionali ed Europee all'università di Parma. Aspirante giornalist..   Continua >>


Articoli Correlati
'Commissione Bibbiano, M5S inizia opera di insabbiamento'
Politica
07 Agosto 2019 - 14:23- Visite:72021
Autostrade, la concessione resta: la De Micheli 'passa sul cadavere' ..
Trasporti e dintorni
08 Settembre 2019 - 11:50- Visite:66604
Così il M5S appena un mese fa donava soldi alla onlus Hansel e Gretel
Politica
28 Giugno 2019 - 22:51- Visite:50352
Sanità, svolta in Emilia-Romagna: la regione apre ai privati
Politica
10 Luglio 2018 - 14:14- Visite:47577
'Crisi Coop Alleanza 3.0: il modello degli ipermercati ha fallito'
Politica
01 Febbraio 2019 - 13:33- Visite:36918
M5S: 'Lavoro festivo, ridare diritti ai lavoratori del commercio'
Politica
27 Marzo 2018 - 15:08- Visite:32987
Oltre Modena - Articoli Recenti
I 5 atti con cui Morales si è ..
Attualmente la situazione rimane tesa e, al di là degli errori di Morales, la congressista ..
14 Novembre 2019 - 21:40- Visite:416
La fuga di Morales in Messico ha ..
Una delle nuovi voci di questa destra organizzata è Luis Fernando Camacho che il 10 ..
13 Novembre 2019 - 17:53- Visite:314
Morte e paura a Venezia per l'acqua ..
La marea si è fermata 187 centimetri, a 7 dalla storica del novembre '66
13 Novembre 2019 - 17:17- Visite:185
Le cinque cause del nascere dei ..
Per i populisti, le istituzioni non elette e i controlli incrociati tra le istituzioni sono ..
11 Novembre 2019 - 23:36- Visite:495


Oltre Modena - Articoli più letti


E' morto Riina: manifesto funebre ..
Il manifesto funebre è apparso tra le strade del centro di Ercolano
17 Novembre 2017 - 17:37- Visite:297682
Orrore a Reggio, lavaggi cervello per..
Anche il sindaco di Bibbiano, Andrea Carletti, è agli arresti domiciliari. I minori ..
27 Giugno 2019 - 10:43- Visite:19764
Edicola La Rotonda, l'appello del ..
Petizione per Domenico Di Maiolo, 'Sono disperato, introiti crollati da quando Conad vende i..
01 Novembre 2017 - 19:22- Visite:19220
Andrea Galli e l'età delle donne...
Il capogruppo di Forza Italia attacca la moglie di Macron: l'anagrafe nelle coppie a senso ..
10 Maggio 2017 - 18:42- Visite:13447