Coronavirus, la linea di Bonaccini non fa che legalizzare l'esistente
Italpizza
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Vota Bruno Rinaldi  Forza Italia
articoliPolitica

Coronavirus, la linea di Bonaccini non fa che legalizzare l'esistente

La Pressa
Logo LaPressa.it

Istituzionalizzazione di comportamenti ai quali, come nel caso dell'industria ceramica, del comparto tessile e dell'automotive, non si poteva più dire no


Coronavirus, la linea di Bonaccini non fa che legalizzare l'esistente
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

C’è qualcosa che non torna nell’ordinanza che grazie a Dio, allenta finalmente il lockdown, con misure meno stringenti rispetto a quelle del governo.

Tralasciamo il fatto che l’andare oltre all’esecutivo in Emilia-Romagna, seconda regione per contagi e per morti, faccia meno rumore rispetto alla Calabria, regione nella quale l’emergenza è stata più che contenuta, fingiamo per un attimo che la polemica, soprattutto giornalistica, non sia alimentata dai diversi orientamenti politici delle due giunte rispetto al governo centrale.

Il punto è che l’ordinanza regionale, nei fatti, legalizza una situazione di fatto esistente da un po’ di giorni, ma non stiamo puntando il dito sui controlli che comunque sono stati fatti, semmai ce la prendiamo con una certa narrazione.

L’apertura delle seconde case ad esempio è qualcosa di grottesco.

Abbiamo tutti in mente la foto col blocco dei carabinieri sulla Fondovalle Panaro, ma la realtà dei fatti è che la gente alle seconde case c’è andata e ne ha pure approfittato per fare delle manutenzioni. In Appennino, bastava guardare sui social, le segnalazioni correvano, alcuni comuni hanno adottato la linea dura, altri sono stati più indulgenti, ma i lavori pur se clandestinamente, sono stati fatti, anche perché, soprattutto per gli artigiani che si sono mossi violando i divieti, occorre dire che non vivono d’aria e se aspettano lo Stato, campa cavallo.

L’aspetto relativo ai mercati alimentari, anche qui, comune per comune le maglie si sono riaperte, e già si è detto tutto quel che si poteva dire già alla riapertura del mercato Albinelli di Modena.

Sulle attività all’aperto si è parlato all’infinito, ma in provincia, laddove i controlli erano più blandi alcuni temerari hanno sfidato i divieti.

L’obbligo delle mascherine poi, altro non è che istituzionalizzare una misura di buon senso dei cittadini, i quali, mossi da senso di responsabilità, si sono mossi nella quasi totalità sempre e comunque attrezzati, spesso anche con i guanti monouso abbinati, a certificare il senso civico di questi italiani, troppo spesso dipinti dalla stampa come bamboccioni.

Insomma la “linea Bonaccini” dipinta da una certa stampa compiacente, di fatto non è altro che l’istituzionalizzazione di comportamenti tutto sommato responsabili ai quali, come nel caso dell’industria ceramica, del comparto tessile e dell’automotive, non si poteva più dire di no. E non tanto perché si ragiona coi soldi, ma perché queste realtà hanno “solo” dovuto adeguare dei protocolli di sicurezza, e convincere i pool di esperti sanitari, anche a fronte dei dati del contagio, che si poteva lavorare in sicurezza.

Diciamo quindi concludendo, che il Presidentissimo può solo apparentemente brillare dei risultati ottenuti o delle decisioni prese, perché pur senza andare a scovare l’ago nel pagliaio, le apparenze crollano di un soffio.

Probabilmente, ma siamo alle mere supposizioni, quando questa emergenza sarà finita, si aprirà una sfida con un altro noto presidente di regione per la guida di un noto partito progressista in apparente risalita nei sondaggi ma in oggettiva difficoltà. Ma questa è una supposizione e noi sappiamo, quanto Bonaccini non abbia tempo per questo tipo di argomenti.

Stefano Bonacorsi


Stefano Bonacorsi
Stefano Bonacorsi

Modenese nel senso di montanaro, laureato in giurisprudenza, imprenditore artigiano, corrispondente, blogger e, più raramente, performer. Di fede cristiana, mi piace dire che sono ..   Continua >>


 


e-work Spa
Politica - Articoli Recenti
Modena, festa della polizia locale. Mezzetti: 'Vicinanza agli agenti'
'La sola repressione non è sufficiente a garantire livelli accettabili di sicurezza'
26 Maggio 2024 - 22:59
'CAU Castelfranco in un cantiere aperto con operatori precari, si torni al Punto di Primo Intervento'
Le immagini e l'affondo del candidato sindaco Rosanna Righini: 'Dopo gli annunci iniziali è..
26 Maggio 2024 - 11:25
Modena Pride, Mezzetti: ‘Grande festa sulla libertà di amare’
‘Stare insieme, conoscersi e capirsi: oggi ho visto una parte di città che mi piace ..
25 Maggio 2024 - 19:41
'Modena: Unimore partecipa attivamente al Gay pride, che errore'
Le parole di Mirko De Carli, candidato al Parlamento Europeo per la lista Libertà e ..
25 Maggio 2024 - 16:35
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in Italia fa davvero paura
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i 50enni l'Articolo 1 non vale più
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non dimenticheremo e non vi perdoneremo
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super Green Pass: lo specchio del Male
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58