Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
articoliParola d'Autore

Covid, sanità modenese ed emiliana in tilt: folle burocrazia

La Pressa
Logo LaPressa.it

Un girone infernale del tampone insomma, una vera situazione di crisi e di emergenza sanitaria


Covid, sanità modenese ed emiliana in tilt: folle burocrazia

Nelle ultime settimane sembra di leggere sui giornali stampati o on-line cronache di guerra o reportage da paesi poveri di qualche parte degradata del mondo. Invece i titoli tutti allarmati e tutti preoccupati si riferivano e si riferiscono alla situazione dell'Ausl di Modena travolta dalla nuova ondata del Covid, con file chilometriche di persone in attesa per ore dentro le proprie auto al freddo del mattino (come si è visto in via Minutara o a Carpi in zona industriale) per potere fare un tampone o altre in attesa della terza dose del vaccino. Oppure le snervanti ore trascorse al telefono per potere parlare (invano) con gli uffici dell'Ausl che non rispondono perchè intasati, con disagi, ansie e frustrazione dei pazienti relegati in casa in attesa di qualche risposta non potendo andare né dal proprio medico di famiglia né in farmacia.
Un girone infernale del tampone insomma, una vera situazione di crisi e di emergenza sanitaria che ha come simbolo l'angosciato urlo di dolore e di richiesta di aiuto di una mamma che ha detto ai giornali “con quattro positivi in casa, dopo giorni di attesa, non ci ha ancora risposto nessuno dell'Ausl per sapere cosa dobbiamo fare”.

Una quarantena senza fine, insomma, di dantesca memoria, a causa spesso di norme tardive o contraddittorie tra di loro, coi medici di famiglia “sotto pressione e in difficoltà”, come ha denunciato il segretario della Federazione dei medici modenesi Dante Cintori “perchè chi è isolato in casa e non ha risposte dall'Ausl chiama noi che siamo però impotenti a muoverci. E se la comunicazione tra cittadino e sanità pubblica non camberà in meglio – ha aggiunto - la situazione andrà fuori controllo perchè la pazienza dei malati sofferenti, segregati in casa e privi di indicazioni su cosa fare, ha un limite”.

E tutto questo stride con le solite burocratiche retoriche assicurazioni (divenute proprio per questo odiose) dei dirigenti dell'Ausl e degli amministratori locali secondo le quali “nessuno resterà solo, nessuno sarà dimenticato”... che sarebbe bene eliminare per non innervosire ulteriormente i cittadini che si sentono giustamente presi in giro.

Poi c'è stato e c'è tuttora il grido d'allarme dei titolari delle aziende industriali, artigianali e del commercio che lamentato pubblicamente il fatto che molti dei loro dipendenti sono bloccati in casa, qualcuno da settimane, con gravi ripercussioni per l'economia delle imprese e per loro stessi, come ha affermato a più riprese il presidente di Confindustria Valter Caiumi.

Confcommercio e Confesercenti non sono state da meno. Tommaso Leone presidente di Confcommercio ha detto che: “Centinaia sono i dipendenti delle imprese del commercio e del turismo in attesa di notizie da parte dell' Ausl, che è andata il tilt, dopo avere fatto un tampone positivo: una situazione inaccettabile che ha messo in crisi le aziende per mancanza di personale”. E Mauro Rossi presidente di Confesercenti ha incalzato: “La situazione è insostenibile per le aziende che si trovano improvvisamente senza personale per responabilità dell'Ausl che ritarda nel comunicare l'esito dei tamponi. Bisogna allora uniformare le tempistiche delle quarantene alle circolari del ministro Speranza per cercare di uscire dall'impasse”. E sulle tempistiche di fine isolamento è intervenuto anche il consigliere regionale Michele Barcaiuolo chiedendo che “la Regione applichi la nuova norma del governo del 30 dicembre e non fermarsi ancora alla vecchia normativa”.

Una situazione di malessere, di disagio economico e sociale e di drammi umani e personali, questa, che si ripete nuovamente nonostante si fosse detto sin dallo scorso anno dagli scienziati, dai ministri, dai sindaci, dai dirigenti dell'ente sanitario che “la pandemia si batte non solo con la medicina e le vaccinazioni ma anche con la semplificazione burocratica, con norme semplici, comprensibili e coerenti tra loro, con un linguaggio univoco da parte delle autorità”.

Sembra invece di essere entrati in un nuovo lockdown 'non dichiarato' e per giunta senza ristori, con le Asl travolte perchè impreparate (nonostante i precedenti mesi di rodaggio) alle prese con ritardi organizzativi e di pianificazione degli interventi che non avrebbero dovuto verificarsi appunto perchè non nuovi e la Regione a sua volta dimostratasi incapace di affrontare con efficacia e immediatezza la nuova emergenza. Sperando che questa sia davvero l'ultima.

Cesare Pradella


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Cesare Pradella
Cesare Pradella

Giornalista pubblicista, è stato per dieci anni corrispondente da Modena del Giornale diretto da Indro Montanelli, per vent'anni corrispondente da Carpi del Resto del Carlino, per ..   Continua >>


 

Articoli Correlati
La pandemia globale di Coronavirus? Simulata nel 2019
Oltre Modena
03 Marzo 2020 - 09:43- Visite:103975
'Non ti vaccini? Fai morire'. La frase di Draghi che ha rotto l'argine
Politica
24 Luglio 2021 - 12:12- Visite:14810
In piena pandemia Muzzarelli a Modena aumenta le tasse
Politica
29 Marzo 2020 - 08:13- Visite:10410
Riaprire le scuole: dal sindaco di Modena un appello coraggioso
Il Punto
10 Marzo 2021 - 16:17- Visite:8993
'Gestione surreale pandemia: nel 2022 malati trattati come nel 1919'
Parola d'Autore
04 Gennaio 2022 - 15:08- Visite:3722

Parola d'Autore - Articoli Recenti
Ex primario Ps Modena: 'Tolgono ..
Giovanardi: 'Intanto la Pfizer ha comunicato ufficialmente che sta studiando un nuovo ..
06 Gennaio 2022 - 13:59- Visite:6491
'Gestione surreale pandemia: nel 2022..
L'allarme dell'ex primario Ps Modena: 'Il medico di famiglia non è disponibile? La guardia ..
04 Gennaio 2022 - 15:08- Visite:3722
'Il vaccino non rende immuni: questo ..
Giovanardi: 'Stupisce e sconforta che gli Ordini Professionali si accaniscano contro ..
29 Dicembre 2021 - 21:23- Visite:38648
Parola d'Autore - Articoli più letti
'Altro che Tachipirina, ecco come ..
L'ex primario del Pronto soccorso di Modena: 'Antinfiammatori ai primi sintomi e poi, se il ..
31 Gennaio 2021 - 14:37- Visite:312420
Obbligo vaccinale per insegnanti, ..
'A questo punto consiglio a tutti i bravi cittadini di offrire senza esitazione il braccio ..
25 Novembre 2021 - 19:40- Visite:90056
'Festa Unità: è il vuoto totale, a ..
Il Psi: 'Da Muzzarelli lettera piena di dignità e di passione ma anche di un inascoltato ..
31 Agosto 2018 - 11:38- Visite:47128
'Il vaccino non rende immuni: questo ..
Giovanardi: 'Stupisce e sconforta che gli Ordini Professionali si accaniscano contro ..
29 Dicembre 2021 - 21:23- Visite:38648