La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram
articoliParola d'Autore

Decreto liquidità, ennesimo regalo a Fiat che di italiano non ha nulla

La Pressa
Logo LaPressa.it

La multinazionale guidata da John Elkann ha buttato tramite Intesa San Paolo a Gualtieri la richiesta di prestito, minacciando in caso di niet di delocalizzare


Decreto liquidità, ennesimo regalo a Fiat che di italiano non ha nulla
La richiesta di 6,3 miliardi avanzata da Fca ha più di un retroscena inquietante.
L'ex Fiat ormai è straniera in patria, tra sede legale olandese e quella fiscale inglese, francese è l'attuale AD dopo il canadese/italo Marchionne, e sta per fare una redditizia fusione con la Peugeot dei cugini d'oltralpe.
Le maglie larghe del Decreto Liquidità di 55 miliardi di euro di debiti, che graveranno sulle future generazioni, consente prestiti alle imprese per la ripartenza post Covid con la garanzia dello Stato. La multinazionale guidata da John Elkann ha buttato tramite Intesa San Paolo sul tavolo del ministro Gualtieri la richiesta del prestito, minacciando in caso di un niet di non investire e di delocalizzare le briciole italiche del lingotto d'acciaio.
Gli Agnelli/Elkann riceveranno il denaro con la garanzia dello Stato che in teoria dovrebbe essere restituito fra tre anni, ebbene sia chiaro che si tratta di una operazione a fondo perduto.
L'industria delle quattro ruote è in crisi marcia aumentata dal Covid, la Fca è molto in ritardo sia sull'elettrico che sull'ibrido e in profondo rosso si trovano proprio le sue aziende italiane, ancora in attesa di quei 5 miliardi di euro promessi nel 2018 dal defunto Sergio Marchionne, per le quali intende utilizzare per l'appunto i 6,3 miliardi chiesti allo Stato. In questo modo è il solito pantalone che paga l'ennesima fusione di questi torinesi 'falsi e cortesi' come recita il famoso detto.
In caso di una probabile e rinviata dismissione aziendale in Italia, o di un futuro fallimento, a quale sede europea della ex Fiat si andrà a bussare per recuperare il prestito? Diciamo chiaramente che si tratta di un regalone, che a fronte delle minacce di cui sopra, abbiamo al solito chinato la testa.
Si grida al lupo dentro il Pd animato e diviso come e di più di prima, quando ormai si è mangiato la nonna e cappuccetto rosso, consapevoli che la rapina legale non la mettiamo in sicurezza chiedendo alla Fca di presentare piani industriali con la promessa solenne di utilizzare il prestito per le aziende nostrane e illudendosi che poi siano di parola. Ricordiamoci come è finita la vicenda dell'ex Ilva/Mittal,  oppure rendendo più appetibile il nostro ordinamento giuridico e fiscale per un ipotetico 'ritorno a casa Lassie'. La questione dei paradisi fiscali europei, una pagliuzza nella Unione europea, tutta o quasi ancora da realizzare, va posta a Bruxelles.
Franca Giordano

Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Franca Giordano
Franca Giordano

Attenta, curiosa e frequentatrice del mondo artistico e culturale della città, lo seguo attivamente e con molto interesse nell’evoluzione dei suoi grandi progetti culturali.<..   Continua >>



Articoli Correlati
Soffiatori a motore e foglie cadenti: si moltiplica l'inquinamento
Lettere al Direttore
03 Novembre 2017 - 17:42- Visite:18123
CGIA, Decreto liquidità: flop mini prestiti fino a 25.000 euro
Economia
03 Maggio 2020 - 18:26- Visite:10486
A Modena Decreto liquidità non funziona: peggior provincia in regione
Economia
18 Maggio 2020 - 17:18- Visite:2363
Marchionne in condizioni drammatiche: lascia ruoli in Ferrari e Fca
Economia
21 Luglio 2018 - 23:04- Visite:1639
'Marchionne non è un santo. E' un manager e in questo è bravo'
Parola d'Autore
22 Luglio 2018 - 21:05- Visite:1459
Parola d'Autore - Articoli Recenti
Mario Del Monte, un sindaco concreto ..
Fu voluto presidente di Legacoop dai vecchi presidenti fedeli alla linea e io lessi la sua ..
07 Settembre 2020 - 12:54- Visite:889
Associazioni antimafia, è tempo di ..
Da sentinelle vive e vitali, i nuovi leader dell'antimafia sono divenuti giudici severi e ..
06 Settembre 2020 - 19:38- Visite:460
Buon anno scolastico all'insegna ..
Statalizzare le scuole d'infanzia di Modena? Una necessità e una scelta, non un ripiego
01 Settembre 2020 - 19:54- Visite:1116
Covid, residenze protette per anziani..
Il silenzio da parte delle istituzioni e mondo politico, dimostra per l’ennesima volta la ..
31 Agosto 2020 - 08:03- Visite:1305


Parola d'Autore - Articoli più letti


'Festa Unità: è il vuoto totale, a ..
Il Psi: 'Da Muzzarelli lettera piena di dignità e di passione ma anche di un inascoltato ..
31 Agosto 2018 - 11:38- Visite:43842
E dopo il Modena calcio toccherà al ..
In difesa di Stoytchev. Ngapeth non è un bell’esempio per i giovani della pallavolo che ..
18 Aprile 2018 - 14:41- Visite:26025
Crisi Coop Alleanza 3.0, ex leader ..
Vezzelli: 'Ricordiamo che Alleanza 3.0 ha la proprietà della più grande rete televisiva ..
13 Gennaio 2019 - 18:31- Visite:22943
Nidi e infanzia, dibattito surreale: ..
Qualcuno pensa, senza dichiararlo pubblicamente, che la scuola statale faccia schifo? Se ..
11 Maggio 2020 - 10:09- Visite:19176