Ecco perchè punire un'orsa è insensato e da pervertiti
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
articoliParola d'Autore

Ecco perchè punire un'orsa è insensato e da pervertiti

La Pressa
Logo LaPressa.it

Siamo arrivati al livello orrorifico e raccapricciante di attendere da un giudice una sentenza di eutanasia per uccidere un’orsa che ha difeso i propri cuccioli


Ecco perchè punire un'orsa è insensato e da pervertiti
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Le nostre società post-preistoriche, altrimenti dette “civilizzate”, si basano essenzialmente, oltre che su altri principi, sull’orrenda pratica del “punire” (termine collegato alla radice indoeuropea PU- “purificare”, e che significa in origine “rendere puro”, così come “castigare” significa in origine “rendere casto”). Ora, se può in certi casi avere un senso “punire” un membro della società che nuoce consapevolmente alla società stessa, non ha alcun senso applicare questa visione del mondo (cioè del proprio mondo di esseri che si considerano superiori ed eletti) a entità che non hanno a che fare con la nostra evoluzione perversa. Punire un’orsa perché ha ucciso un uomo per difendere i propri cuccioli (o per altre ragioni che saprà lei) è insensato e da pervertiti come sarebbe insensato e da pervertiti punire una slavina o le correnti del mare perché “hanno ucciso” degli alpinisti o dei marinai.

L’uomo uccide un altro uomo: l’uomo viene punito dalla legge. L’uomo costruisce un macchinario senza farne manutenzione e cioè senza occuparsi del fatto che chi ha a che fare col macchinario possa essere in pericolo: un uomo è ucciso dal macchinario, e l’uomo che lo ha voluto e non controllato viene punito dalla legge. L’uomo ripopola - con fondi della comunità europea e con grandi conferenze di politici che elogiano l’operazione “green” - con orsi selvatici un territorio che ne era privo da secoli, senza occuparsi del fatto che essi possano vivere decentemente e senza occuparsi della sicurezza degli umani che vivono in quel territorio: un uomo viene ucciso da un’orsa che ha appena partorito dei cuccioli, e per la legge l’orsa deve essere prelevata e segregata in un ambiente asettico in cui impazzisce e dove successivamente verrà uccisa con un siero letale (in questo caso non si tratta del vaccino).

C‘è qualcosa che non torna. E quello che non torna è il non-senso della civilizzazione. Tanto varrebbe che la legge tutelasse i parenti delle vittime del Ponte Morandi prima prelevando e poi distruggendo con la sentenza di un giudice i frammenti di cemento armato del ponte crollato; o che a pagare per un omicidio sulle strade fosse l’automobile, con una rottamazione di piazza che soddisfacesse la sensibilità della popolazione indignata.
 
Nel delirio di onnipotenza della specie umana (d’altronde sancito anche dalla Bibbia: “popolate e dominate gli altri animali”) siamo arrivati al livello orrorifico e raccapricciante di attendere da un giudice una sentenza di eutanasia per uccidere un’orsa che ha difeso i propri cuccioli. Almeno uccidetela nel suo bosco, miserabili! Qui non si tratta affatto di una lotta di animalisti contro leggi inique: si tratta di prendere atto che Homo Sapiens è diventato una mostruosa caricatura della vita sulla terra, e che ciò che chiamiamo “civiltà” è da sempre il vero nemico che ci sta distruggendo. Mi auguro che l’Orsa antenata, che per milioni di anni abbiamo venerato come progenitrice sacra, riservi a noi un destino altrettanto crudele nel regno sciamanico delle anime.

Francesco Benozzo

Francesco Benozzo
Francesco Benozzo
Professore di Filologia e linguistica all’Università di Bologna. Direttore di tre riviste scientifiche internazionali e di numerosi gruppi di ricerca interuniversitari, coordina il Dottor..   Continua >>



Contattaci
Parola d'Autore - Articoli Recenti
'Il futuro di Modena passa per il sostegno alla maternità'
L'intervento di Grazia Ruini e Andrea Mazzi, candidati consiglieri comunali Lista civica ..
06 Giugno 2024 - 15:45
Voto, come sarebbe bello fare di Modena una città normale...
In cui centrodestra e centrosinistra si alternano al governo come in qualunque altra città ..
05 Giugno 2024 - 10:07
'Caro Mezzetti, dividersi sulla lotta alla mafia è un favore alla criminalità'
Cinzia Franchini: 'Nel nostro territorio la legalità viene intesa come un valore ad ..
04 Giugno 2024 - 16:04
Formigine, 25 aprile: ancora una agiografia della resistenza
Apoteosi di parallelismi forzati tra libertà e uguaglianza frutto della fine della seconda ..
25 Aprile 2024 - 20:54
Parola d'Autore - Articoli più letti
Obbligo vaccinale per insegnanti, agenti e medici? Bene, ma allora non si chieda il consenso
'A questo punto consiglio a tutti i bravi cittadini di offrire senza esitazione il braccio ..
25 Novembre 2021 - 19:40
Follia Green pass, i bambini prime vittime di una società disumana
A questo punto davanti a questi adulti privi di cuore e di anima, non ci resta che sperare ..
08 Febbraio 2022 - 12:52
'Il vaccino non rende immuni: questo fa decadere ogni obbligo'
Giovanardi: 'Stupisce e sconforta che gli Ordini Professionali si accaniscano contro ..
29 Dicembre 2021 - 21:23
'Festa Unità: è il vuoto totale, a Modena non esiste centrosinistra'
Il Psi: 'Da Muzzarelli lettera piena di dignità e di passione ma anche di un inascoltato ..
31 Agosto 2018 - 11:38