Italpizza
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Italpizza
articoliParola d'Autore

Ex presidente Provincia di Modena: 'Meno retorica, in Emilia ritardi e cementificazione'

La Pressa
Logo LaPressa.it

'La gente chiede meno parole e meno promesse ma più fatti concreti e interventi necessari'


Ex presidente Provincia di Modena: 'Meno retorica, in Emilia ritardi e cementificazione'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Caro Direttore,

meno male che c’è qualche 'coraggioso' che ammette ritardi e mancati interventi nella salvaguardia del suolo in Emilia-Romagna. E ciò a causa della continua cementificazione, asfaltatura e scarsa  manutenzione dei corsi d’acqua negli ultimi decenni sul nostro territorio che ora è sempre più a rischio idrogeologico e il poco che è stato fatto è stato spazzato via in un attimo.
In Emilia, e lo si sapeva da tempo,  si consuma sempre di più il suolo e lo si protegge sempre meno, come ha rilevato del resto l’Ispra, con costruzioni, cementificazioni e asfaltature anche a ridosso dei fiumi e in zone delicate e sensibili.   

E qualcuno ha aggiunto, come  il cardinale di Bologna Matteo Zuppi, presidente della Cei “che non ci siamo presi cura della nostra terra”.

Altri hanno detto che è necessario porre mano ai progetti non attuati , che gli investimenti pubblici sono stati finora insufficienti, che è mancata la indispensabile manutenzione dei fiumi col risultato di milioni di euro di danni per le continue alluvioni, esondazioni, allagamenti per cui c’è anche la responsabilità dell’uomo e non soltanto delle piogge eccezionali, delle bombe d’acqua o delle... nutrie. Insomma ritardi, errori, mancata salvaguardia del suolo se si considera che le  casse di espansione costruite sono poche (solo 12 delle 23 programmate) e che funzionano male e a volte nemmeno aperte.

Argomento questo trattato anche da Legambiente regionale che definisce le “scelte compiute negli ultimi anni dalla Regione Emilia talmente sbagliate che l’hanno portata ad essere tra le prime tre in Italia in quanto a consumo del suolo, per cui non  può dunque definirsi semplicemente una  fatalità quanto accaduto”.

  Concetto questo ribadito anche dal professor Paolo Pileri, ordinario al Politecnico di Milano, secondo il quale “l’Emilia da anni consuma suolo come se non ci fosse un domani…”, ma anche dal professor Franco Prodi, fratello di Romano, geologo all’Università di Ferrara, che ha avuto pure lui parole severe sui ritardi degli enti locali regionali e provinciali. 

Per finire con le dichiarazioni dell’ex assessore regionale, in carica dal 1995 al 2010, il cesenate Giovanni Bissoni: “La transizione ecologica procede lentamente, il territorio è abbandonato e  paghiamo ora i nostri errori perché non possiamo cavarcela dicendo che “per fortuna ci sono gli “angeli del fango” perchè ripeteremmo l’errore del Covid, quando gli operatori sanitari  erano diventati ‘eroi’, poi sono stati dimenticati. Questi giovani volonterosi più di tanto non possono fare ma hanno il diritto ad avere una ‘terra’ migliore ed è la politica a  dovere provvedere”. 

Allora meno dichiarazioni retoriche come quelle utilizzate dodici anni fa per il terremoto: “ci rialzeremo, nessuno sarò lasciato solo, ce la faremo anche questa volta”, perché  la gente chiede meno parole e meno promesse ma più fatti concreti e interventi necessari. 
E allo “sbigottimento” del Comitato Regionale sulla Autonomia Differenziata per l’assenza di autocritica da parte del presidente Bonaccini, ha fatto da contraltare il mea culpa del sindaco di Forlì che ha chiesto “scusa” ai suoi concittadini per i ritardi, le criticità e i disagi subiti e patiti dai  forlivesi. 

Dobbiamo dunque, per rispetto ai 15 morti che ci sono stati in Romagna, per le migliaia di sfollati e per le abitazioni distrutte e l’agricoltura devastata, che non ci si nasconda dietro il fatto eccezionale, che c’è stato, ma che ci si ricordi dei ritardi, delle lacune e delle mancanze dell’uomo, in particolare di chi aveva le competenze e dunque il dovere di farlo, a partire dalla Regione e dalle  Province, un ente, questo, che va ripristinato per intero per ridargli la funzione di governo del territorio che aveva un tempo, che la sciagurata legge del diessino Bassanini  ha eliminato. Perchè è indispensabile fare ripartire la rete di controlli e di interventi che le Province attuavano attraverso i Bacini Montani, i Consorzi di Bonifica e altri enti sul territorio ora scomparsi, perche è dalla montagna che è necessario cominciare il controllo preventivo dei fiumi e quindi delle esondazioni ma anche delle frane e degli smottamenti. La natura c’è, fa il suo corso ma va gestita e non è solo colpa del clima se succedono questi disastri e si vedono in televisione tonnellate di detriti e interi alberi fermi contro i piloni dei ponti che ostruiscono il flusso delle acque.

Le inchieste aperte dalle Procure di Ravenna e Forli per omicidio e disastro colposi (di cui pochi parlano) lo stanno a dimostrare.

Giorgio Baldini, già Presidente della Provincia di Modena

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


Feed RSS La Pressa
Parola d'Autore - Articoli Recenti
Mostra Carpi, Giovanardi: ‘Non è ..
‘Non è poi così chiaro chi tra i due litiganti nella Chiesa di Carpi sia dalla parte ..
07 Aprile 2024 - 15:17
'Confindustria, Orsini punto di forza..
Vogliamo svegliarci e far riprendere alla politica, con la maiuscola, la guida per tracciare..
03 Aprile 2024 - 17:41
Dopo l'astio di Muzzarelli, le ..
In città nulla cambierà se non in peggio. Continuerà a comandare la borghesia politica ..
03 Aprile 2024 - 08:01
Ramadan e scuola: l'anomalia della ..
Non sarebbe meglio darsi da fare per garantire agli islamici che già lavorano nelle nostre ..
20 Marzo 2024 - 22:59
Parola d'Autore - Articoli più letti
Obbligo vaccinale per insegnanti, ..
'A questo punto consiglio a tutti i bravi cittadini di offrire senza esitazione il braccio ..
25 Novembre 2021 - 19:40
Follia Green pass, i bambini prime ..
A questo punto davanti a questi adulti privi di cuore e di anima, non ci resta che sperare ..
08 Febbraio 2022 - 12:52
'Il vaccino non rende immuni: questo ..
Giovanardi: 'Stupisce e sconforta che gli Ordini Professionali si accaniscano contro ..
29 Dicembre 2021 - 21:23
'Festa Unità: è il vuoto totale, a ..
Il Psi: 'Da Muzzarelli lettera piena di dignità e di passione ma anche di un inascoltato ..
31 Agosto 2018 - 11:38