Francamente. Ciao Cesar Brie e... grazie
App
Società Dolce: fare insieme
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Mivebo
articoliChe Cultura

Francamente. Ciao Cesar Brie e... grazie

La Pressa
Logo LaPressa.it

Dal 2010 era in Italia, dove ha scritto, prodotto ed interpretato diversi spettacoli che hanno emozionato gli spettatori. Prima della sua ultima rappresentazione, a Modena, lo abbiamo intervistato


Francamente. Ciao Cesar Brie e... grazie
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

E così, nel silenzio totale, lo scorso 25 aprile, Cesar Brie se ne andato dall’ Italia. Ma chi è Cesar Brie?

E’ un autore, regista, e attore teatrale. Nato in Argentina, ben presto, dovette lasciare il paese a causa delle persecuzioni, dopo il colpo di stato dei generali e la seguente dittatura; successivamente, soggiornò lungamente in Europa, in particolare in Italia e Danimarca, ma poi riprese la via dell’ America Latina per arrivare in Bolivia dove allestì un nuovo teatro sperimentale.

A seguito di nuove minacce di morte da parte di oppositori di Evo Morales, fu poi costretto a lasciare il paese.

Dal 2010 era in Italia, dove ha scritto, prodotto ed interpretato diversi spettacoli che hanno emozionato gli spettatori.

Prima della sua ultima rappresentazione, a Modena, lo abbiamo intervistato anche per capire i motivi di questo suo allontanamento.

Ecco una sintesi.

Questo per te, è un addio o un arrivederci dall’Italia?

Dal punto di vista personale è certamente un arrivederci, visto che qui vivono le mie figlie; dal punto di vista artistico, il mio futuro sarà in America Latina, anche se verrò in Italia se mi inviteranno.

Quali sono i motivi che ti hanno spinto a prendere questa decisione, che immagino, non sia stata facile?

Penso di non entrarci niente col mondo organizzativo del teatro italiano. Questo è un paese dove non si premia il merito, dove per esistere devi bussare alle porte di chi decide cosa si fa o non si fa; sono i teatri che gestiscono e quindi funziona moltissimo lo scambio tra i grandi teatri.; si tratta di un rapporto non di stima, ma di convenienza che mediocrizza tutto. E quindi gli artisti che non sono ammanicati, che producono in modo indipendente, in questo schema non entrano.

Io lavoro in modo indipendente. Negli anni ’70, in questo paese, si riusciva a vivere in modo indipendente, ora non più.. Io ho montato quattro spettacoli dei Fratelli Karamazov che, tranne uno, hanno trovato grandi difficoltà a sopravvivere, non perché sono brutti, ma perché non rientrano nello scambio. Con l’ultimo spettacolo (n.r.quello su Simone Veil), in due anni abbiamo fatto pochissimo. Trenta date, di cui dodici a Milano e una vicino a Vignola, perché a Modena non mi chiamavano; poi Pietro Valenti, col quale non mi parlo più, ma che devo ringraziare ogni giorno, in uno dei suoi ultimi atti, mi ha chiamato qui. Sembra che disturbi tutti ricordare quanto miserabile sia questa struttura gestionale e invece io lo dico senza peli sulla lingua, perché è la verità. Ormai si fanno solo piccoli spettacoli, in poco tempo, con poche persone o con molte persone molto mal pagate, utilizzando spesso le scuole di teatro. Lo stato mettendo tante regole per lavorare, di fatto impedisce di lavorare. E’ su questa miseria che si fonda adesso il teatro e questo per me è inaccettabile. Il teatro è il luogo dove tutta l’inquietudine e il disagio vivono e trovano forza. A Buenos Aires, ci sono, ogni giorno circa seicento spettacoli; se il pubblico c’è e ti sostiene, sono pochi soldi, maledetti, ma subito.

Ma è l’Italia che è così, in declino, mentre l’Argentina ha più spinta?

L’Italia è un paese vecchio, con un sistema vecchio. La finta opulenza del primo mondo è una miseria. Qui il tempo è denaro. Ma il teatro ha bisogno di tempo.

Un ricordo bello dell’Italia?

L’ Italia è un paese accogliente: Io sono sfuggito dalla mia terra e so cosa vuol dire essere rifugiato. E poi all’ Italia sono particolarmente legato perché sono nate le mie figlie. E… anche il cibo non è male; la cucina italiana è grande perchè è una cucina povera che si è raffinata, al contrario di quella francese che è raffinata e si è impoverita. Ormai noi attori per mangiare una pizza dobbiamo andare dai cinesi perché sono gli unici che hanno aperto di notte.

Il ricordo più brutto?

La bestia che ha bruciato vivo quel clochard a Roma; l’opulenza addormenta le coscienze e poi c’è la frustrazione che questa opulenza sia finita; ho molta paura di quello che accadrà, siamo alle soglie di qualcosa di molto brutto. Non è solo l’Italia, ma l’Europa e tutto il primo mondo.

Un ultimo messaggio?

Bisognerebbe raccordare etica ed arte; questo si fa poco, invece è fondamentale; come artista certe cose non le puoi dire, non te lo puoi permettere, perché vai contro il genere umano; ci sono persone che artisticamente sono bravissime, ma eticamente sono un disastro.

Adesso per te inizia una nuova avventura; come vedi il tuo futuro?

Duro! Tanta fatica, tanto lavoro. Lavorerò con i giovani a creare bellezza ed onestà.

Auguri a nome nostro e di tante persone che ti vogliono bene. La tua partenza è una grave perdita umana e professionale. Ciao Cesar Brie e grazie...

Franco Fondriest


Franco Fondriest
Franco Fondriest

Sono di origine trentine, ma ho trascorso la maggior parte della mia vita a Modena. Mi sono laureato in pedagogia ed ho svolto la mia attività lavorativa prevalentemente nella mia ..   Continua >>


 


Acof onoranze funebri
Che Cultura - Articoli Recenti
L'Arpa di Benozzo: concerto a Serramazzoni
Il cantautore e poeta appenninico si esibisce in concerto al castello di Pompeano
09 Luglio 2024 - 09:38
Fiorano, il grande cinema di Cannes al Cineporto
La nuova kermesse aumenta il numero dei film e conferma il focus sui temi del sociale
26 Giugno 2024 - 14:24
Sestola, prima edizione di Appennino in festa
Immersi nei boschi dell'appennino, la 3 giorni di festa organizzata da Andrea Casoni 'punta ..
24 Giugno 2024 - 16:26
Fanano, simposio internazionale di scultura
Nel fine settimana la 20esima edizione che aggiungerà sculture realizzate da grandi artisti..
22 Giugno 2024 - 07:10
Che Cultura - Articoli più letti
Gli italiani scoprirono che Muccioli incatenava drogati. E stavano con lui
Intervista a Paolo Severi, uno dei protagonisti di SanPa, il documentario di Netflix. ..
17 Gennaio 2021 - 18:17
Se la locomotiva di Guccini si schianta contro il muro della malafede
Guccini si scaglia contro l'opposizione brandendo l'arma più subdola, la bandiera di ..
27 Aprile 2020 - 10:59
Agamben: 'Dopo questi 2 anni metto in discussione la medicina stessa'
'Se non si ripensa da capo che cosa è progressivamente diventata la medicina non si potrà ..
04 Dicembre 2022 - 15:22
Quattro dolci tipici della cucina modenese
Il bensone, la bonissima, i tortelli fritti modenesi al savor e la torta Barozzi
01 Marzo 2021 - 17:51