Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Mivebo
articoliPolitica

'Giornata vittime Mafie, io isolata dall'antimafia organica al potere'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Catia Silva, prima a denunciare il caso-Brescello: 'Qui l'antimafia è spesso un club per pochi aderenti schierati dalla parte giusta, quella di chi governa'


'Giornata vittime Mafie, io isolata dall'antimafia organica al potere'

Domani, 21 marzo, si celebra come ogni anno la tradizionale “Giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti di mafie”. Una iniziativa che è giusto condividere e riempire di significato per non dimenticare, affinchè questa lista di nomi di innocenti non si allunghi e per dare un segno visibile di unità nella lotta alla criminalità organizzata.

Eppure nell'ascoltare le parole di sempre, i rosari con i nomi di chi ha perso la vita ucciso dalla ferocia mafiosa, viene da chiedersi se in vita coloro che nel loro lavoro, nel loro dovere, nel contributo anche di semplici cittadini, si sono spesi nella denuncia alla criminalità organizzata pagando il prezzo di sangue più alto, sono stati sostenuti e aiutati o se viceversa hanno subito isolamento, fango e calunnie.
In questo giorno, a mio avviso, dobbiamo prima di tutto chiederci se, in coscienza, abbiamo fatto abbastanza per evitare quelle morti, dobbiamo chiederci come fare in futuro per evitare queste stragi e a queste domande serve una risposta vera, non di facciata.

Purtroppo la mia esperienza racconta una storia di isolamento. Chi come me ha denunciato quello che ha visto, nel mio caso a Brescello, è spesso lasciato solo in vita e questo è un modo per annullare l’anima, salvando il corpo. Non ci sono bare, ma deserti da attraversare da soli. Io personalmente ho denunciato apertamente la realtà mafiosa di Brescello prima del commissariamento, le mie denunce sono state confermate nelle motivazioni dei processi, a partire da Grimilde, e i magistrati hanno citato più volte il mio nome, eppure sul territorio sono stata abbandonata, non considerata e infangata. Mi sono trovata incredibilmente a lottare non solo contro il cancro delle mafie, ma a volte anche contro chi apparentemente usava le mie stesse parole e, per ruolo e missione, avrebbe dovuto contribuire a far fronte comune.

La protezione che merita chi denuncia e chi decide di spendersi concretamente nella lotta alla mafia non è tanto legata a una scorta armata, ma alla condivisione di una lotta per la legalità slegata da appartenenze politiche.

E purtroppo proprio l'appartenenza politica nella terra emiliano-romagnola che non ha mai conosciuto alternanza ha assorbito il concetto stesso di antimafia. A dispetto delle solite sbandierate dichiarazioni secondo le quali l'antimafia non avrebbe colore politico e secondo cui tutti dovrebbero salire senza distinzioni sul treno della legalità, la realtà è esattamente opposta. Viviamo in una realtà dove l'antimafia è spesso un club per pochi aderenti schierati dalla parte giusta, quella del potere che governa il territorio. Un club dove sovente non è consentito dissentire e manifestare opinioni. Insomma, una antimafia permalosa e colorata, fatta di convegni con sempre gli stessi interlocutori calati dall'alto, dalla Sicilia o dalla Lombardia poco importa, e che poco di concreto hanno fatto per il territorio, mentre chi si è speso per il territorio viene lasciato solo.

Vale per me, ma vale anche per altri. Penso ad esempio a Donato Ungaro anche lui tra i primi a segnalare situazioni opache a Brescello, a Cinzia Franchini, unica rappresentante, per l'autotrasporto, delle associazioni di rappresentanza ad essersi costituita parte civile al processo Aemilia, ma lasciata sola per le note vicissitudini che l'hanno contrapposta alla Cna. Un processo, Aemilia, che avrebbe dovuto svelare i legami della Ndrangheta nell'imprenditoria e nella politica emiliana ma che sul fronte politico si è limitato a far vivere un calvario a un consigliere di Forza Italia reggiano, Pagliani, poi totalmente assolto in Appello, e che – dopo le dichiarazioni di Palamara su cui non voglio entrare - lascia interrogativi inquietanti sulla volontà di indagare in ugual misura a destra e a sinistra. Tutto questo mentre a Modena si beatifica un sindaco Pd che ha fatto semplicemente il proprio dovere denunciando, stando all'ordinanza dei carabinieri, un tentativo di corruzione da parte della Ndrangheta per l'apertura dell'ennesima sala slot in città.

Catia Silva



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 


Politica - Articoli Recenti
Alla fine Puzzer si candida, sarà ..
Stefano Puzzer ha cambiato idea. Il leader del movimento 'La gente come noi non molla mai' ..
31 Luglio 2022 - 12:17
Di Maio in seggio emiliano blindato ..
Il video di allora: 'Io col partito che in Emilia Romagna toglieva i bambini alle famiglie ..
30 Luglio 2022 - 20:24
Pd regala collegio sicuro in Emilia a..
'Credo che Luigi Di Maio sia stata la persona che più ha compreso potenzialità e gli ..
30 Luglio 2022 - 19:51
Voto, Pd Modena fa la rosa dei ..
Fanno parte della lista l’ex direttrice sanitaria Ausl, appena andata in pensione, Silvana..
30 Luglio 2022 - 16:23
Politica - Articoli più letti
Ferocia green pass, ora vivere in ..
Se regole irrazionali che nulla hanno a che vedere con la pandemia (che pur esiste sia ..
03 Febbraio 2022 - 07:40
Follia super Green pass: ora per i ..
Gli under 50 pensano non è un problema loro, i vaccinati si sentono al sicuro e gli over 50..
13 Febbraio 2022 - 08:38
Orrore Green Pass: noi non ..
Noi proveremo per voi compassione e fastidio, pietà e nausea. Ma non vi perdoneremo. Come ..
26 Gennaio 2022 - 11:21
Sport vietato ai 12enni senza super ..
L'Italia del premier osannato come il cavaliere bianco in grado di evitare il default, lo ha..
23 Gennaio 2022 - 10:58