La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
articoliParola d'Autore

Green pass, ora è chiaro: il vero esperimento è di tipo socio-politico

La Pressa
Logo LaPressa.it

Ciò che sta vacillando è l’essenza stessa dei rapporti sociali e politici per come li abbiamo conosciuti, dal dopoguerra in avanti e ancora oltre


Green pass, ora è chiaro: il vero esperimento è di tipo socio-politico

La prima sensazione di questa mattina, dopo le parole di ieri sera del Presidente del Consiglio, è di essere all’interno di una sperimentazione. Bisogna però evitare di cadere nella trappola di parlare del vaccino: si può essere favorevoli o contrari, poco importa. Diversamente da quello che si può pensare, infatti, non siamo protagonisti di una ricerca clinico-medica, né tantomeno scientifica. Siamo tutti all’interno di un enorme esperimento socio-politico.

Perché se fino a ieri si poteva anche dibattere sulla reale efficacia dei vaccini nell’attenuare le manifestazioni della malattia o nell’evitare il contagio, sul fatto che sia un medicinale ancora in fase di sperimentazione, sulle informazioni che arrivano dai Paesi dove il tasso di vaccinazione è più elevato (Regno Unito e Israele in primis), sull’incidenza del vaccino sui dati delle ospedalizzazioni ordinarie e in terapia intensiva, nonché sui decessi, ora è necessario spostare la discussione su tutt’altro piano. E per farlo è assolutamente necessario scansare i temi contingenti e analizzare i fatti in un’ottica più ampia della solita diatriba pro o anti vaccino, che rischia solo di essere una coltre di fumo che non permette di guardare oltre e scorgere il cambio di paradigma nel rapporto tra governanti e governati, che a mio avviso rappresenta il vero tema. Anzi, rimanere sul piano di una discussione riguardante l’introduzione delle misure legate al lasciapassare sanitario, rischia di essere il famoso dito che lo stolto guarda, quando da homines dubitantes dovremmo invece mirare alla luna.

A ben vedere, infatti, quello che è in gioco è ben di più del riconoscimento della bontà di un trattamento sanitario o della libertà di una pizza al ristorante. Ciò che sta vacillando è l’essenza stessa dei rapporti sociali e politici per come li abbiamo conosciuti, dal dopoguerra in avanti e ancora oltre, negli ultimi 30 anni, da quando l’ultimo grande regime illiberale, il socialismo reale dell’Europa orientale, è crollato su se stesso.

Le grandi democrazie si basano sul primato della libertà individuale (intesa come insieme dei diritti inalienabili che hanno trovato non a caso la loro più completa definizione nel 1948, dopo l’esperienza traumatica dei totalitarismi del primo ‘900), intimamente interconnessa con la responsabilità del singolo, cui va contrapposto l’interesse collettivo che fa di noi dei cittadini. Tuttavia quest’ultimo non può, da solo e per sempre, giustificare una limitazione della prima, a pena di veder riapplicate le istanze dei regimi socialisti, questa volta declinati in un mondo ipercapitalista sovranazionale. Al contrario, devono continuamente essere ponderati i contrapposti interessi (individuali-collettivi), arrivando ad una compressione della libertà quale misura estrema e solo ed esclusivamente di fronte al rischio di intaccare diritti inalienabili di pari rango per il solo tempo necessario a scongiurare questo pericolo. Non solo: l’intervento limitativo deve basarsi su misure che garantiscano al di là di ogni dubbio che l’efficacia delle stesse ripaga della rinuncia alla garanzia di libertà individuale.

Ma il punto, seppure ci sarebbe da discutere ampiamente anche quanto appena accennato, non è neanche questo. Il vero fuoco va posto sulla modalità adottata per imporre tale limitazione. Modalità che da tentativo si sta trasformando in sistema consolidato. Siamo arrivati, è davanti agli occhi di tutti, alla strategia di non imporre un obbligo, fatto che comporterebbe contestualmente un’assunzione di responsabilità da parte di chi governa, ma formalmente di lasciare libertà di scelta, andando però a incidere profondamente sulle libertà sociali di chi assume la decisione indesiderata. L’effetto più immediato è la deresponsabilizzazione del governante, che riversa nel governato la responsabilità della scelta perché legata alla presunta libertà concessa. Ma quale fiducia può esserci in uno Stato che impone senza prendersi l’onere conseguente a tale imposizione? E quale libertà è mai questa, dove una libera scelta individuale genera la compressione di una libertà fondamentale dell’individuo stesso?

Esercitando il salvifico esercizio del dubbio si scorge nitido il rischio che oggi sia il vaccino, ma domani possa essere qualunque altra l’imposizione, essendo sufficiente che venga presentata con un’adeguata campagna a sostegno della sua (presunta) irrinunciabilità in favore della collettività. E molte cose che risultavano inaccettabili, potrebbero diventare un domani non solo consentite, ma persino desiderate e ricercate dagli stessi cui vengono imposte. Questo perché il passaggio sociopolitico ulteriore che è stato messo in campo in questa poderosa offensiva verso l’individuo non omologato, passa attraverso il sempre valido precetto del divide et impera. Inteso non solo nel classico senso del separare per ridurre ai minimi termini i nuclei di potenziale contestazione, così che disconnessi tra loro abbiano meno forza, ma soprattutto nel senso di creare divisioni anche laddove non ci sono, nel contrapporre, nel costruire categorie ben identificabili all’interno delle quali classificare tutti e poi riversare contro una di esse ogni colpa, incanalando le frustrazioni delle altre.

E in questa guerra civile artatamente generata, allora, le parti perdono di vista il vero faro del proprio essere, ciò che di più sacro deve rimanere oltre ogni relatività: l’uomo libero che si autodetermina in un “mondo in cui gli esseri umani [siano] liberi di parlare e di credere, liberati dal terrore e dalla miseria, [quale] aspirazione più alta dell'uomo”. (Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo, 1948). Necessita, quindi, una presa di posizione per non venire, domani, tacciati di non essersi opposti a ciò che stava montando sotto gli occhi di tutti.

È il momento, questo, al di là delle posizioni sul singolo provvedimento, di rifiutare prima di tutto ogni accettazione di questi distorti meccanismi di potere, respingendo l’instaurazione di una pseudo-democrazia basata sul mobbing sociale, nella quale il popolo, ogni singolo cittadino, lungi dall’essere sovrano, diventi parte di una folla di biechi sorveglianti dei comportamenti dei propri simile non allineati.

Simone Zanin - Responsabile territoriale Nazione Futura Sassuolo


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

Articoli Correlati
Tragedia a Bastiglia, muore a 16 anni. Ieri aveva fatto la seconda ..
La Provincia
09 Settembre 2021 - 20:11- Visite:168433
Vaccini, eventi avversi: in Italia ad oggi 328 segnalazioni di morte
Societa'
11 Giugno 2021 - 07:00- Visite:133249
Covid, 4700 contagi al concerto per possessori di Green Pass inglese
Oltre Modena
26 Agosto 2021 - 14:33- Visite:121227
Miracolo di Ferragosto: anche Travaglio stronca il Green Pass
Politica
15 Agosto 2021 - 07:58- Visite:113404
Vaccini, sesto rapporto Aifa: in Italia 423 segnalazioni di morte
Societa'
14 Luglio 2021 - 07:19- Visite:109458
Ex primario Pronto soccorso Modena: 'Alle persone sane sconsiglio il ..
Politica
19 Giugno 2021 - 16:44- Visite:74207

Parola d'Autore - Articoli Recenti
La tragedia dell'11 settembre: ..
La timidezza celebrativa di Bologna fa riferimento quindi ad una collocazione politica ..
13 Settembre 2021 - 21:14- Visite:1694
Afghanistan, eppure la luce ..
Ci vorrà del tempo. Sangue sarà sparso sulla sabbia del deserto o tra le rocce del ..
10 Settembre 2021 - 11:30- Visite:852
Elezioni amministrative: l'importanza..
'Il Psi vuole concorrere a rivitalizzare il centro sinistra facendolo divenire plurale, ..
09 Settembre 2021 - 22:45- Visite:411
Presidenza Repubblica, Sergio ..
Ma Salvini e Meloni, sarebbero felici d’interpretare la parte dei comprimari? Non è ..
07 Settembre 2021 - 16:30- Visite:1273
Parola d'Autore - Articoli più letti
'Altro che Tachipirina, ecco come ..
L'ex primario del Pronto soccorso di Modena: 'Antinfiammatori ai primi sintomi e poi, se il ..
31 Gennaio 2021 - 14:37- Visite:270363
'Festa Unità: è il vuoto totale, a ..
Il Psi: 'Da Muzzarelli lettera piena di dignità e di passione ma anche di un inascoltato ..
31 Agosto 2018 - 11:38- Visite:46707
Lettera all'essere umano: parole di ..
Prima di diventare quella che voi definite 'no vax' mi chiamavo Camilla, avevo 19 anni e ..
29 Agosto 2021 - 19:51- Visite:28041
E dopo il Modena calcio toccherà al ..
In difesa di Stoytchev. Ngapeth non è un bell’esempio per i giovani della pallavolo che ..
18 Aprile 2018 - 14:41- Visite:27481