Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
progettiQuelli di Prima

I Verdi: 'Il grado di civiltà di un Paese si misura dalle carceri'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Intervento di Paola Aime: 'Non avere le giuste condizioni per non essere infettati da un virus che può essere letale è una condanna'


I Verdi: 'Il grado di civiltà di un Paese si misura dalle carceri'

Mettere qualcuno con le spalle al muro, senza via di uscita, è estremamente pericoloso per tutti. La rivolta carceraria di ieri a Modena ne è l’ennesima prova. In un carcere da decenni sovraffollato, in un momento in cui stare lontani almeno 1 metro dagli altri è giustamente presentato come un salva vita, le micro celle del S.Anna dove stanno anche 3 detenuti in pochi metri quadri hanno fatto esplodere la rabbia e la paura.

Perché è vero che se sei in carcere il tuo senso civico è sicuramente molto danneggiato, ma la sopravvivenza va garantita. Pretendere  il sacrificio di non avere i colloqui coi familiari poteva passare solo se allo stesso tempo si garantiva il diritto alla salute all’interno della struttura e questo con numeri di incarcerati anche oltre il 50% al disopra del massimo ammissibile, non è stato possibile.

Così ora paghiamo tutti. Il personale penitenziario, i detenuti morti, il carcere di Campobasso, per ora zona a rischio contenuto Covid-19 dove saranno trasferiti parte dei detenuti.

I Verdi hanno sempre condiviso il pensiero di Voltaire espresso nella frase “Il grado di civiltà di un Paese si misura osservando la condizione delle sue carceri” e oggi più che mai ci deve fare riflettere e avviare una battaglia politica nello spirito del terzo comma dell’art. 27 della Costituzione che recita “Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato. In Italia non è ammessa la pena di morte”. Non avere le giuste condizioni per non essere infettati da un virus che può essere letale è una condanna. Ma non vorremmo neppure che la criticità della situazione portasse a svuotare le prigioni attraverso un indulto, come stanno chiedendo i detenuti. Crediamo invece che sia possibile percorrere la via della temporanea conversione delle pene minori in arresti domiciliari, laddove un domicilio esista per davvero, assieme a qualcuno che si assumà la responsabilità della quarantena.

Paola Aime - Verdi Modena




Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, s..   Continua >>


 
 
 
 


Quelli di Prima - Articoli Recenti
... E ci passavi cosìtanto tempo che..
Per poi ritornare...
03 Gennaio 2014 - 23:39
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Quelli di Prima - Articoli più letti
Libera, le consulenze di Enza Rando
L'avvocato, membro del cda Crmo, nel 2015 ha avuto da Bonaccini un incarico da 25mila euro
02 Gennaio 2014 - 19:36
Quando la Rando scrisse che Prima ..
Le consulenze da migliaia di euro della Numero 2 di Libera
02 Gennaio 2014 - 18:25
Dia: 'Mafie integrate in Emilia'
Cutresi ?perfettamente integrati? E la Camorra ora à più presente?
02 Gennaio 2014 - 13:54
Brindiamo tutti con Casari
Che non manchino mai sorrisi e vittoria
01 Gennaio 2014 - 20:06