Il crocifisso fa parte della storia del mondo: giusta marcia indietro
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
articoliParola d'Autore

Il crocifisso fa parte della storia del mondo: giusta marcia indietro

La Pressa
Logo LaPressa.it

Prima di Cristo nessuno aveva mai detto che gli uomini sono tutti uguali e fratelli, ricchi e poveri, credenti e non


Il crocifisso fa parte della storia del mondo: giusta marcia indietro
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Siamo lieti che la preside delle Medie Focherini di Carpi, professoressa Federica Ansaloni (nella foto), abbia fatto marcia indietro sulla sua precedente decisione personale di togliere i crocifissi dalle aule scolastiche, rimettendoli ora ai loro posti.
Siamo lieti perché il crocifisso fa parte, al di là delle personali convinzioni religiose, della nostra cultura, delle nostre tradizioni che non dobbiamo dimenticare né abiurare solo per fare piacere a qualcuno. Perchè, come diceva la scrittrice Natalia Ginzburg, “il crocifisso fa parte della storia del mondo”.

E infatti la grande scrittrice comunista di origini ebraiche, appunto la Ginzburg, pubblicò sull’Unità nel marzo del 1988 un breve articolo che fece scalpore a sinistra, tra i puristi del marx-leninismo, ma che si dimostrò viceversa puntuale e argomentato al punto tale da apparire ancora oggi, dopo 35 anni,  incredibilmente attuale.
Scriveva dunque la Ginzburg: “Il crocifisso non genera nessuna discriminazione perchè tace.

Sono duemila anni che diciamo ‘prima di Cristo e dopo Cristo’. Il crocifisso è simbolo del dolore umano. La corona di spine e i chiodi evocano le sue sofferenze. La croce che pensiamo alta in cima al monte, è il segno della solitudine della morte. Non conosco altri segni che diano con tanta forza il senso del nostro destino umano.

Il crocifisso fa dunque parte della storia del  mondo.
Per i cattolici, Gesù Cristo è il Figlio di Dio. Per i non cattolici può essere semplicemente l’immagine di uno che è stato venduto, tradito, martoriato, ed è morto sulla croce per amore di Dio e del prossimo.
Si dirà che molti sono stati traditi e martoriati per la propra fede. E’ vero e il crocifisso li rappresenta tutti. Perchè?
Perchè prima di Cristo nessuno aveva mai detto che gli uomini sono tutti uguali e fratelli, ricchi e poveri, credenti e non, ebrei e non, neri e bianchi.


Gesù Cristo ha portato la croce. A tutti noi è capitato di portare sulle spalle il peso di una grande sventura. A questa sventura diamo il nome di Croce, anche se non siamo cattolici, perchè troppo forte e da troppi secoli è impressa l’idea della Croce nel nostro pensiero.
Gesù ha detto “ama il prossimo come te stesso”.
Erano parole già scritte nell’Antico Testamento, ma sono diventate il fondamento della rivoluzione cristiana. E sono la chiave di tutto.
Il crocifisso fa dunque davvero parte della storia del mondo.
Cesare Pradella

Cesare Pradella
Cesare Pradella

Giornalista pubblicista, è stato per dieci anni corrispondente da Modena del Giornale diretto da Indro Montanelli, per vent'anni corrispondente da Carpi del Resto del Carlino, per cinque..   Continua >>


 


Feed RSS La Pressa
Parola d'Autore - Articoli Recenti
'Il futuro di Modena passa per il sostegno alla maternità'
L'intervento di Grazia Ruini e Andrea Mazzi, candidati consiglieri comunali Lista civica ..
06 Giugno 2024 - 15:45
Voto, come sarebbe bello fare di Modena una città normale...
In cui centrodestra e centrosinistra si alternano al governo come in qualunque altra città ..
05 Giugno 2024 - 10:07
'Caro Mezzetti, dividersi sulla lotta alla mafia è un favore alla criminalità'
Cinzia Franchini: 'Nel nostro territorio la legalità viene intesa come un valore ad ..
04 Giugno 2024 - 16:04
Formigine, 25 aprile: ancora una agiografia della resistenza
Apoteosi di parallelismi forzati tra libertà e uguaglianza frutto della fine della seconda ..
25 Aprile 2024 - 20:54
Parola d'Autore - Articoli più letti
Obbligo vaccinale per insegnanti, agenti e medici? Bene, ma allora non si chieda il consenso
'A questo punto consiglio a tutti i bravi cittadini di offrire senza esitazione il braccio ..
25 Novembre 2021 - 19:40
Follia Green pass, i bambini prime vittime di una società disumana
A questo punto davanti a questi adulti privi di cuore e di anima, non ci resta che sperare ..
08 Febbraio 2022 - 12:52
'Il vaccino non rende immuni: questo fa decadere ogni obbligo'
Giovanardi: 'Stupisce e sconforta che gli Ordini Professionali si accaniscano contro ..
29 Dicembre 2021 - 21:23
'Festa Unità: è il vuoto totale, a Modena non esiste centrosinistra'
Il Psi: 'Da Muzzarelli lettera piena di dignità e di passione ma anche di un inascoltato ..
31 Agosto 2018 - 11:38