Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
articoliParola d'Autore

Il funerale di mio nonno: regole disumane anche nel momento dell'addio

La Pressa
Logo LaPressa.it

Eppure la nostra coscienza non ha bisogno di nessun permesso, nessuna autorizzazione, nessun obbligo per potersi esprimere


Il funerale di mio nonno: regole disumane anche nel momento dell'addio

Non siamo più autorizzati a provare sentimenti.vCon queste parole desidero aprire una nuova riflessione dopo settimane in cui ho preferito rimanere in silenzio, troppo delusa e arrabbiata per poter esprimere un pensiero, a mio parere, degno di essere condiviso. Una riflessione maturata in seguito ad una serie di avvenimenti che mi sono capitati nelle ultime settimane, in particolare un evento che ha causato grande sofferenza a me e alla mia famiglia e che mi ha fatto riflettere parecchio sulla profonda crisi etica e morale che la nostra società sta attraversando.

Qualche giorno fa è venuto tristemente a mancare mio nonno… ma non è di questo che voglio parlare. Per quanto doloroso e difficile sia questo momento, sappiamo tutti fin dalla nascita che la morte fa parte della vita e che purtroppo siamo destinati a vedere i nostri cari più anziani andarsene prima di noi.


Voglio, invece, parlare della poca umanità riscontrata dinnanzi a questa tragica situazione, un’umanità soffocata e sprofondata negli abissi dell’indifferenza e della paura, un’umanità che, oggi, non è più naturale e spontanea, ma che ha bisogno di chiedere il permesso per tornare a fiorire. Un’umanità alla quale è stato impedito di manifestarsi persino di fronte alla morte.

Già la morte… una fase tragica ma inevitabile della nostra esistenza che in questi ultimi due anni è stata fortemente strumentalizzata e sfruttata (in particolare quella degli anziani) per suscitare nelle persone sentimenti negativi quali paura, senso di colpa e rabbia. La morte, nei confronti della quale molti dichiarano di avere rispetto senza però attribuirle la dignità che merita. Una dignità che è venuta tragicamente a mancare dal momento in cui le severe e talvolta discutibili regole che dall’inizio della pandemia condizionano le nostre vite sono entrate bruscamente anche in quelle situazioni che, a mio parere, dovrebbero essere libere da qualunque condizionamento che potrebbe in un qualche modo violarne la sacralità.
Regole indegne e contradditorie come quella che consente ai familiari di entrare solamente due alla volta nella camera ardente rigorosamente con mascherina e solo dopo aver misurato la temperatura per poter dire addio ad un padre o ad un nonno che non c’è più. Un controsenso assurdo dal momento che ogni giorno frequentiamo luoghi affollati come centri commerciali o mezzi pubblici. Regole che vengono imposte e rispettate pedissequamente e senza compromessi persino davanti al dolore dei familiari.

“Non sono autorizzato” questa è stata la risposta che l’addetto ai controlli davanti alla camera ardente ha rivolto ai miei familiari quando hanno chiesto di consentire a mia nonna di poter abbracciare per l’ultima volta sua marito insieme ai suoi tre figli. Ormai persino per provare compassione davanti alle lacrime di una signora anziana rimasta vedova dopo oltre sessant’anni di matrimonio abbiamo bisogno di un’autorizzazione, di un permesso che sia conforme a rigidi protocolli che nulla hanno di umano. Persino i nostri sentimenti dai quali poi prendono forma le nostre azioni e le nostre scelte, devono essere severamente regolamentati per ottenere legittimità e approvazione.

Ma d’altronde questa continua e disperata richiesta di ottenere un permesso permea in ogni ambito della nostra esistenza, demolendo ulteriormente l’interiorità e la coscienza di ciascuno di noi.
So di non essere stata l’unica a dover fare i conti con una situazione del genere e che purtroppo oggi nessuno di noi può dire addio ai suoi cari in modo veramente dignitoso, ma questo non aiuta comunque ad alleviare la mia delusione nei confronti del genere umano che, evidentemente, preferisce subordinare la propria capacità individuale di determinare che cosa è giusto ad una serie di regole dettate da qualcun altro, anche se queste, talvolta, possono ferire i sentimenti delle persone o lederne la dignità.

Sì, perché sarà proprio l’immagine di quell’uomo dai modi bruschi appostato davanti all’ingresso, quasi orgoglioso del suo ruolo di controllore, a rimanere impressa nella mia mente quando ripenserò al funerale di mio nonno. Tuttavia, nonostante il dolore, la delusione e la rabbia che questo ricordo susciterà sempre in me, voglio cogliere l’occasione per fare un umile appello a ciascuno di noi, specialmente a coloro che in questo periodo obbediscono passivamente a qualunque regola venga imposta giusta o sbagliata che sia. Per favore, ricordatevi sempre che la nostra coscienza non ha bisogno di nessun permesso, nessuna autorizzazione, nessun obbligo per potersi esprimere. Essa è libera da qualunque vincolo eccetto i nostri valori personali che la determinano e le danno forma. Forse, solo se ci ricorderemo di questo, potremo recuperare quell’umanità perduta che oramai ci appare come un ricordo lontano e irraggiungibile.
Camilla Dolcini


Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Redazione La Pressa
Redazione La Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli.Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione polit..   Continua >>


 
 
 
 
Email
 

Articoli Correlati
Favoletta Errenord, il vergognoso spot pro-giunta Pd firmato Rai3
Il Punto
17 Ottobre 2017 - 12:41- Visite:12360
R-Nord, i cittadini scendono in strada e rispondono a Rai 3: 'Servizio..
Politica
17 Ottobre 2017 - 23:50- Visite:11679
Sondaggio Dire-Tecnè: volano i sovranisti, male i partiti di governo
Oltre Modena
29 Novembre 2019 - 19:18- Visite:8469
Stabilimento Faw Silk, il terreno reggiano è di proprietà modenese
Economia
04 Maggio 2021 - 14:01- Visite:7833
Urbanistica, in un anno consumati 220mila ettari di suolo in Emilia
Politica
04 Dicembre 2017 - 12:49- Visite:7118
Salute: 'Per UE carne, salumi e vini paragonabili alle sigarette'
Economia
02 Febbraio 2021 - 14:55- Visite:6879

Parola d'Autore - Articoli Recenti
Ciao Cristina, la tua voglia di ..
Mondo del giornalismo in lutto per la morte a 52 anni di Maria Cristina Ruini. Il ricordo ..
26 Novembre 2021 - 17:31- Visite:804
Obbligo vaccinale per insegnanti, ..
'A questo punto consiglio a tutti i bravi cittadini di offrire senza esitazione il braccio ..
25 Novembre 2021 - 19:40- Visite:69547
Ecco perchè oggi nessuna legge può ..
L'ex primaio del Pronto soccorso di Modena, Daniele Giovanardi: 'L’autorizzazione ..
04 Novembre 2021 - 18:23- Visite:7285
Parola d'Autore - Articoli più letti
'Altro che Tachipirina, ecco come ..
L'ex primario del Pronto soccorso di Modena: 'Antinfiammatori ai primi sintomi e poi, se il ..
31 Gennaio 2021 - 14:37- Visite:291526
Obbligo vaccinale per insegnanti, ..
'A questo punto consiglio a tutti i bravi cittadini di offrire senza esitazione il braccio ..
25 Novembre 2021 - 19:40- Visite:69547
'Festa Unità: è il vuoto totale, a ..
Il Psi: 'Da Muzzarelli lettera piena di dignità e di passione ma anche di un inascoltato ..
31 Agosto 2018 - 11:38- Visite:46928
Lettera all'essere umano: parole di ..
Prima di diventare quella che voi definite 'no vax' mi chiamavo Camilla, avevo 19 anni e ..
29 Agosto 2021 - 19:51- Visite:30144