Italpizza
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Italpizza
articoliParola d'Autore

La cultura dell'acqua/1: fingere di credere che l'acqua non finisca mai

La Pressa
Logo LaPressa.it

Esistono trucchi di consolidata efficacia per dare l'impressione che l'acqua non finisca mai e per fare sembrare il paesaggio che ci circonda quello che non ?


La cultura dell'acqua/1: fingere di credere che l'acqua non finisca mai
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Esiste una cultura dell’acqua? Le trivelle presenti nello stemma della città di Modena indicano quanto meno una certa tradizione sull’argomento. Ci si aspetta che le tradizioni vengano coltivate e che possano quanto meno innescare processi di miglioramento nelle conoscenze e nei comportamenti. In effetti l’estate siccitosa del 2017 ha fatto sembrare un po' fuori luogo fontane, giochi d’acqua, sorgenti urbane, case dell’acqua e altri simboli legati all’abbondanza di una risorsa in via di esaurimento. D’altra parte se è vero che le fontane sono alimentate con acqua riciclata qualche problema serio è sicuramente presente anche se sfugge il bandolo della matassa. Se si approfondisce l’argomento si scopre facilmente che l’acqua ha significati differenti per i cittadini, per i tecnici, per gli economisti e per i politici.

Il trucco dell’acqua che non finisce mai

Malgrado il caldo molto forte della scorsa estate non sembra esserci piena consapevolezza di quanto sta accadendo.

Esistono numerose valutazioni scientifiche o da bar sul caldo ma alla fine gli effetti che il clima caldo produce sulle risorse naturali e in particolare sull’acqua restano ancora un po' misteriose. L'impressione collettiva è che l'acqua non finisca mai, tanto è vero che i giornali ne parlano solo nel periodo estivo.

Esistono trucchi di consolidata efficacia per dare l’impressione che l’acqua non finisca mai e per fare sembrare il paesaggio che ci circonda quello che non è. Funziona così: quando c’è molto caldo e piove poco i consumi di acqua dell’industria e quelli degli acquedotti che portano acqua alle abitazioni non subiscono variazioni significative. L’agricoltura invece consuma più acqua per l’irrigazione. Da dove viene l’acqua per l’agricoltura? Dai fiumi e dai canali di bonifica. Quando l’acqua dei fiumi e dei canali di bonifica finisce a causa della siccità vengono utilizzate le acque sotterranee tramite una fitta rete di pozzi.

Due tipi di acqua

 Le acque sotterranee si dividono in due categorie principali: quelle ravvenate dalle piogge e quelle poco o per nulla rimpinguate dalle precipitazioni.

Generalmente i pozzi attingono alle acque sotterranee della prima categoria; esistono quindi forti consumi ma le piogge soprattutto nelle aree collinari e montane fanno sì che queste acque siano costantemente rinnovate. E se il caldo è molto forte e c’è assenza di precipitazioni? Anche in questo caso le acque soggette a rinnovamento sono disponibili e restano disponibili anche se non piove. Come è possibile? E’ semplice: quando la richiesta di acqua sotterranea è veramente molto forte gli stessi acquiferi che ospitano acque rinnovabili in esaurimento richiamano dal sottosuolo acque fossili finite là sotto durante antichissimi periodi glaciali. Esistono forti scorte di acque fossili e quindi l’acqua continua a uscire dal rubinetto, le industrie non si fermano e, soprattutto, è sempre possibile irrigare almeno un po' le campagne.

 L' acqua dei pozzi destinata all' industria e all'agricoltura costa, indicativamente, circa cento volte meno rispetto all'acqua destinata agli impieghi domestici e ce n'è tanta. Il problema della siccità viene quindi temporaneamente risolto in questo modo, attingendo cioè non all'acqua piovuta l'inverno prima ma durante gli inverni dei 50000 anni precedenti. Con le acque antiche dei pozzi il problema della siccità è facilmente risolto perché permette, in ogni luogo del mondo, di evitare la soglia della cosiddetta sostenibilità. Qualunque consumo diventa, nella pratica di tutti i giorni, del tutto sostenibile, visto che la risorsa non si esaurisce mai e che il costo è puramente simbolico. Questo trucco permette di evitare di costruire dighe o di prendere misure per immagazzinare l'acqua che piove. Il sistema è andato avanti così per molto tempo ma da parecchi anni i tecnici si sono accorti che il consumo dell'acqua dei pozzi, e in particolare di quelli profondi 100 e più metri, produce una preoccupante diminuzione delle riserve e un contemporaneo abbassamento del suolo in quasi tutte le aree di pianura Italiane con valori record nelle province di Modena, Reggio Emilia, Ferrara, Ravenna e Forlì-Cesena dove il terreno si è abbassato di circa 1 metro dal 1950 ai giorni nostri. Fanno eccezione Bologna, dove l’abbassamento ha raggiunto i due metri e Parma e Piacenza dove sono stati registrati valori più bassi. Quanto è grande l’eccesso dei prelievi oltre la soglia della sostenibilità? Secondo il Piano di tutela delle acque della Regione Emilia-Romagna si tratta di circa 24 milioni di metri cubi all’anno in condizioni climatiche normali. E’ immaginabile che il valore si alzi in caso di annata particolarmente siccitosa.

Il trucco ha un costo

L' abbassamento del suolo di 1 o 2 metri nei territori di pianura caratterizzati da basse pendenze pari a 1 metro al chilometro o anche meno induce un aumento delle probabilità di alluvione come, ad esempio, abbiamo potuto tutti vedere l’estate scorsa nelle aree di pianura affette da subsidenza e conseguente scarsa capacità di drenaggio del Texas. Esistono, come ovvio, costi collettivi e privati per rimettere a posto il territorio e le attività danneggiate. Questi fenomeni sono inoltre incrementati dall' aumento delle parti di suolo impermeabilizzate dal cemento e dalle accertate variazioni nella frequenza e intensità delle precipitazioni. Ricapitolando: l’acqua non finisce mai, ma si tratta di un trucco. Il lento esaurimento della componente fossile produce i danni economici che tutti compensiamo con le nostre tasse quando c’è una alluvione. Quindi il trucco c’è e consiste nel fare pagare l’acqua attinta in deficit, cioè oltre la soglia della sostenibilità, con le spese per il successivo restauro del territorio. Vale la pena ricordare che chi estrae acqua in eccesso è generalmente un operatore privato mentre le risorse economiche necessarie per riparare i danni derivanti sono spesso pubbliche. Il restauro delle aree di pianura della nostra regione costa parecchi milioni di Euro tutti gli anni da sempre. Si può fare qualcosa per evitare questa spesa continua? Da sempre le terapie proposte comprendono il riciclo dell’acqua, la riduzione dei consumi, la ricarica artificiale delle falde acquifere e, aggiungerei io, un po' di dispositivi per bloccare l’acqua che piove evitando che raggiunga subito il mare. Si tratta di invasi di piccole, medie e grandi dimensioni o in una parola: dighe.

Giovanni Martinelli

(Segue)


Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Articoli Correlati
Acqua: ecco quando richiedere un'analisi
Spazio alle Imprese
03 Agosto 2023 - 06:14
Coraggio a senso unico
Le Vignette di Paride
30 Giugno 2023 - 10:09
Chiude la storica bottega dell'Acquabona
La Provincia
03 Giugno 2023 - 08:30

Contattaci
Parola d'Autore - Articoli Recenti
Gian Carlo Pellacani: 'Voto Modena, ..
'Serve un condottiero, uomo o donna che sia, un leader forte, coraggioso e inattaccabile, ..
08 Febbraio 2024 - 13:27
Modena e la bicicletta, una ..
Un buon sistema come percorsi, si ritrova poco curato, segnalato e integrato nel tessuto ..
02 Febbraio 2024 - 17:48
Se anche per Castagnetti il Pd non è..
Per Castagnetti 'non si è rispettata la libertà di coscienza di una persona sulla proposta..
30 Gennaio 2024 - 20:53
Modena, arroganza Pd e centrodestra ..
Le destre prevedendo di perdere cercano un candidato sindaco perdente, una vittima ..
20 Gennaio 2024 - 07:26
Parola d'Autore - Articoli più letti
Obbligo vaccinale per insegnanti, ..
'A questo punto consiglio a tutti i bravi cittadini di offrire senza esitazione il braccio ..
25 Novembre 2021 - 19:40
Follia Green pass, i bambini prime ..
A questo punto davanti a questi adulti privi di cuore e di anima, non ci resta che sperare ..
08 Febbraio 2022 - 12:52
'Il vaccino non rende immuni: questo ..
Giovanardi: 'Stupisce e sconforta che gli Ordini Professionali si accaniscano contro ..
29 Dicembre 2021 - 21:23
'Festa Unità: è il vuoto totale, a ..
Il Psi: 'Da Muzzarelli lettera piena di dignità e di passione ma anche di un inascoltato ..
31 Agosto 2018 - 11:38