L'ex sindaco di Montecreto Cadegiani sulla 'repubblica Lamantecreto'
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
articoliParola d'Autore

L'ex sindaco di Montecreto Cadegiani sulla 'repubblica Lamantecreto'

La Pressa
Logo LaPressa.it

Gi? con la piena, le notizie che scorrono a valle: l'intervista


L'ex sindaco di Montecreto Cadegiani sulla 'repubblica Lamantecreto'
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Oggi proviamo a fare i seri intervistando Maurizio Cadegiani che è stato sindaco di Montecreto dal 2009 al 2014 con una lista civica collocabile nell’area del centro destra. Molto impegnato sul fronte della salvaguardia del punto nascite dell’ospedale di Pavullo, si è anche distinto per l’attenzione al territorio. Passato all’opposizione dopo l’ascesa di Leandro Bonucchi, si è successivamente dimesso da consigliere per motivi personali, ma non ha ma realmente smesso di interessarsi al territorio. Ecco la sua opinione su quella che scherzosamente abbiamo definito la repubblica di Lamantecreto. 

Quasi cinque anni dopo riemerge la questione delle fusioni dei comuni. Verrebbe da chiedersi, dove eravamo rimasti?
Eravamo rimasti ad una richiesta di emendamento proposto dal sottoscritto unitamente ad altri sindaci della provincia di Modena, che riguardava la suddivisione degli ambiti territoriali ottimali, dove si richiedeva di emanare una legge regionale più consona ai fabbisogni del territorio.

Non avevo né ho pregiudiziali su percorsi di fusione tra enti, ma emanare norme dove si identificano ambiti territoriali ottimali troppo estesi  non fa altro che procurare irrigidimenti da parte dei cittadini che, volenti o nolenti, erano e sono chiamati a decidere su questi argomenti per il proprio futuro.

La proposta dei sindaci “ribelli” Bonucchi (Marco di Sestola), Cadegiani (Montecreto) e Nizzi (Fiumalbo) era di favorire una unione dell’alto Frignano che comprendesse i sei comuni della cintura del Cimone, staccata dagli altri quattro. La regione disse no e furono promossi dei sub-ambiti in seno alla nascente Unione del Frignano per Sestola, Fanano e Montecreto da un lato e Riolunato, Pievepelago e Fiumalbo dall’altro. Anche qui a che punto siamo?
Non solo la regione cassò quella proposta fatta, oltre che dai tre “ribelli” anche da altri sindaci quali Frassinoro, Guiglia, Montefiorino e Montese; ma negarono la possibilità di costruire due sub ambiti ad hoc, uno rappresentato dai comuni dell’Alto Frignano ed uno rappresentato dai comuni più collinari del Frignano stsso. Questo anche ad una opposizione tenuta pure a livello mediatico dei comuni di Riolunato, Pievepelago e Fanano.

Non sarebbe stato meglio, col senno di poi, restare in consiglio, al di là delle motivazioni personali, per dire la propria su questo studio di fattibilità? O non è un caso che questo emerga proprio per l’assenza di opposizione?
Penso non sarebbe stato ne meglio ne peggio. Le mie dimissione furono date per motivi personali gravi, al di là di strumentalizzazioni fatte immediatamente dopo la formalizzazione delle stesse. Sarei rimasto invischiato tra i predetti problemi e i problemi amministrativi, non riuscendo di fatto a far bene né l’uno né l’altro impegno. Ne approfitto per ringraziare tutti gli eletti di minoranza che decisero di sostenermi anche in questa decisione non occupando gli scranni in consiglio lasciati vacanti per pura e semplice solidarietà nei miei confronti: a livello umano ne vado orgoglioso! Può anche darsi che questa proposta avvenga anche grazie alla mancanza delle minoranze in entrambi i comuni, e lo si può mettere in conto, ma oggi sottovalutiamo due fatti basilari: il primo è che il cittadino ha raggiunto una maturità tale da formarsi opinioni anche senza la presenza di formazioni politiche nei consigli comunali. La seconda è che si può far politica anche non ricoprendo incarichi amministrativi: pensiamo alle strumentalizzazioni politiche che la minoranza avrebbe dovuto rintuzzare se ancora fosse stata presente all’interno del consiglio comunale, e questo a discapito di una serena e costruttiva discussione nel merito.

Altri esponenti di opposizione, come Magnani a Polinago quando in merito a questo studio si è tornati a quello che aveva coinvolto Lama Mocogno e la stessa Polinago, dicono che sono da privilegiare le gestioni associate rispetto alle fusioni, perché in un comune piccolo è più facile controllare le spese dell’ente. Che però fatica ugualmente a sopravvivere. Qual’è la strada migliore?
La migliore strada rimane la buona amministrazione. Veniamo da esperienze che anche le gestione associate a volte possono essere più dispendiose e meno pronte a garantire i servizi sul territorio. Non c’è altra ricetta che questa. Se poi parliamo di futuro la cosa cambia, occorre puntare ad un ambito ottimale ben contraddistinto da peculiarità territoriali, orografia, economie, tipologia e conformazione sociale, esperienze di gestione associata dei servizi. Non è mettendo insieme comuni molto estesi territorialmente ma con pochi abitanti che si aiutano questi processi. Come non si hanno esiti favorevoli quando si pretende di innestare ragionamenti di fusioni tra enti calati dall’alto e da formalizzarsi in tempi brevi. Una fusione deve essere il frutto di cognizioni e valutazioni che necessitano appunto di tempo. Tempo e discussione necessaria affinché i cittadini possano assimilare questi concetti.

Stefano Bonacorsi


Stefano Bonacorsi
Stefano Bonacorsi

Modenese nel senso di montanaro, laureato in giurisprudenza, imprenditore artigiano, corrispondente, blogger e, più raramente, performer. Di fede cristiana, mi piace dire che sono ..   Continua >>


 


Contattaci
Parola d'Autore - Articoli Recenti
'Il futuro di Modena passa per il sostegno alla maternità'
L'intervento di Grazia Ruini e Andrea Mazzi, candidati consiglieri comunali Lista civica ..
06 Giugno 2024 - 15:45
Voto, come sarebbe bello fare di Modena una città normale...
In cui centrodestra e centrosinistra si alternano al governo come in qualunque altra città ..
05 Giugno 2024 - 10:07
'Caro Mezzetti, dividersi sulla lotta alla mafia è un favore alla criminalità'
Cinzia Franchini: 'Nel nostro territorio la legalità viene intesa come un valore ad ..
04 Giugno 2024 - 16:04
Formigine, 25 aprile: ancora una agiografia della resistenza
Apoteosi di parallelismi forzati tra libertà e uguaglianza frutto della fine della seconda ..
25 Aprile 2024 - 20:54
Parola d'Autore - Articoli più letti
Obbligo vaccinale per insegnanti, agenti e medici? Bene, ma allora non si chieda il consenso
'A questo punto consiglio a tutti i bravi cittadini di offrire senza esitazione il braccio ..
25 Novembre 2021 - 19:40
Follia Green pass, i bambini prime vittime di una società disumana
A questo punto davanti a questi adulti privi di cuore e di anima, non ci resta che sperare ..
08 Febbraio 2022 - 12:52
'Il vaccino non rende immuni: questo fa decadere ogni obbligo'
Giovanardi: 'Stupisce e sconforta che gli Ordini Professionali si accaniscano contro ..
29 Dicembre 2021 - 21:23
'Festa Unità: è il vuoto totale, a Modena non esiste centrosinistra'
Il Psi: 'Da Muzzarelli lettera piena di dignità e di passione ma anche di un inascoltato ..
31 Agosto 2018 - 11:38