Italpizza
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Italpizza
articoliParola d'Autore

Modena, Hera e rifiuti: così è (se vi pare). L'Assemblea degli slogan

La Pressa
Logo LaPressa.it

Nel frattempo i vecchi cassonetti diventano cimeli da Amarcord e andranno rottamati in luogo di nuovi fiammanti apparecchi mangia-pattume...


Modena, Hera e rifiuti: così è (se vi pare). L'Assemblea degli slogan
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

'Credere, obbedire, combattere!'. Proprio questo pare essere lo slogan, forse meglio il precetto, che emerge anche dall'ultima assemblea pubblica congiuntamente convocata in materia di raccolta rifiuti dall'appaltante Comune di Modena ed appaltatore Hera Società per Azioni a beneficio di parte della cittadinanza del Quartiere 3 e tenutasi presso la Polisportiva San Faustino nella serata del 27 Aprile. Non esattamente ciò che l'uditore si sarebbe aspettato solo pochi giorni dopo le apparentemente pacificatorie celebrazioni del 25 Aprile.

A relazionare i convenuti sono state designate l'assessore architetto Alessandra Filippi da Piazza Grande e l'ingegner Fabia Ferrioli responsabile dei Servizi Ambientali di Hera Spa.

Nonostante Hera stessa abbia dichiarato con enfasi il meritorio raggiungimento con largo anticipo degli obiettivi posti dall'Unione Europea in materia di riciclo da RSU che prevedevano un tasso di riciclo del 55% entro il 2025 (per ciò che è di propria competenza, Hera dichiara di aver raggiuntò già il 57% nel 2021), al cittadino si chiede 'un ulteriore sforzo': 'siamo indietro rispetto al resto d'Italia', 'bisogna crederci!', 'insieme ce la faremo!', 'ce lo chiede l'Europa', 'non lo abbiamo deciso noi, lo ha deciso il bando'. Nel frattempo i vecchi cassonetti diventano cimeli da Amarcord e andranno rottamati in luogo di nuovi fiammanti apparecchi mangia-pattume all'avanguardia ed in grado di registrare dati utili a tracciare abitudini e redigere schede comportamentali che indicheranno la via per innalzare ulteriormente il tasso di riciclo.

Scienza, fantascienza, oppure semplice ideologia da sabato fascista? La Signora Maria che già maltollera le montagne di rifiuti che si accumulano, non comprende le ragioni della rottamazione di un sistema di raccolta ancora targato anni '80 ma che grazie a comportamenti virtuosi ha portato a bruciare le tappe, non sente le proprie istanze ascoltate da amministratori sordi che agiscono quali divulgatori e si sente accantonata e differenziata, proprio come una confezione da imballo. La serata allora scivola via disordinatamente, piccoli questioni di dettaglio ('l'organico esposto in atmosfera puzza?', 'la Tari calerà, vero?') prendono il sopravvento fintanto che l'assemblea si spegne sciogliendosi alla spicciolata: 'è fatta anche questa', devono aver pensato dal palchetto.

Mentre va in scena l'assemblea del 27 aprile 2023 che rappresenta solo l'ultimo capitolo la cui trama pare estratta da un romanzo del Ciclo dei Vinti, il caso vuole che contemporaneamente diventi di dominio pubblico che Atersir - che Hera e Comune indicano senza mezzi termini quale il mandante dell'imposizione di questa grande transizione - sia stata investita di un fiume di danaro pubblico da distribuire a guisa di premio-produzione e che servirà fattualmente a ripianare oneri già sostenuti per appaltare la fornitura di centinaia di nuovi cassonetti 4.0, sostituire ed ammodernare autocompattarori, assumere o incaricare ulteriore personale....
'Si stava meglio quando si stava peggio' e 'nulla sarà come prima', ma se Federico Fellini fosse ancora fra noi ci ricorderebbe che 'non si interrompe un'emozione'.
E il termovalorizzatore va.

ACARDO LUGLI

Sopra una immagine di via del Sagittario

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 


Contattaci
Parola d'Autore - Articoli Recenti
Mostra Carpi, Giovanardi: ‘Non è ..
‘Non è poi così chiaro chi tra i due litiganti nella Chiesa di Carpi sia dalla parte ..
07 Aprile 2024 - 15:17
'Confindustria, Orsini punto di forza..
Vogliamo svegliarci e far riprendere alla politica, con la maiuscola, la guida per tracciare..
03 Aprile 2024 - 17:41
Dopo l'astio di Muzzarelli, le ..
In città nulla cambierà se non in peggio. Continuerà a comandare la borghesia politica ..
03 Aprile 2024 - 08:01
Ramadan e scuola: l'anomalia della ..
Non sarebbe meglio darsi da fare per garantire agli islamici che già lavorano nelle nostre ..
20 Marzo 2024 - 22:59
Parola d'Autore - Articoli più letti
Obbligo vaccinale per insegnanti, ..
'A questo punto consiglio a tutti i bravi cittadini di offrire senza esitazione il braccio ..
25 Novembre 2021 - 19:40
Follia Green pass, i bambini prime ..
A questo punto davanti a questi adulti privi di cuore e di anima, non ci resta che sperare ..
08 Febbraio 2022 - 12:52
'Il vaccino non rende immuni: questo ..
Giovanardi: 'Stupisce e sconforta che gli Ordini Professionali si accaniscano contro ..
29 Dicembre 2021 - 21:23
'Festa Unità: è il vuoto totale, a ..
Il Psi: 'Da Muzzarelli lettera piena di dignità e di passione ma anche di un inascoltato ..
31 Agosto 2018 - 11:38