La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Google+ Linkedin Instagram
articoliParola d'Autore

Sex work ai tempi del Coronavirus, clienti spariti e timori contagio

La Pressa
Logo LaPressa.it

'Se l'emergenza virus dovesse durare a lungo, molte persone sarebbero in gravi difficoltà economiche e nessuno le aiuterebbe'


Sex work ai tempi del Coronavirus, clienti spariti e timori contagio
Il tema del sex work è complesso, ci sono varie sfumature. C'è chi fa questo lavoro in strada come in appartamento, chi costretto, chi minacciato, ma anche chi ha deciso liberamente di farlo. E in generale la mancanza di regolamentazione nel nostro Paese non aiuta a tracciare un quadro preciso. In questo articolo ho voluto concentrarmi sulle persone e le loro storie. Ne ho parlato con Giulia Zollino operatrice di Unità di strada. Giulia è molto attiva su Instagram, pubblica stories e post per informare sul mondo del sex work e combattere lo stigma che colpisce questa categoria. 

«Nessuno ne sta parlando. Donne, uomini, trans, in strada o in appartamento. Il Coronavirus ha colpito duramente anche il mondo del sex work. Sia chi lavora in strada, sia chi lavora in appartamento. Tanta preoccupazione, soprattutto per chi mantiene una o più persone, a distanza».

«I clienti sono spariti, chi lavora ancora, lo fa per mangiare, sopravvivere. Se l'emergenza virus dovesse durare a lungo, molte persone sarebbero in gravi difficoltà economiche e nessuno le aiuterebbe. Un problema reale. Non è ipotizzabile neanche lasciare l'Italia per continuare a lavorare in altre nazioni; il virus è ovunque».

Secondo Giulia, qualcuno potrebbe trasformare il lavoro in strada in qualche diretta con la webcam, ma è solo un'ipotesi. L'appello è chiaro: «Le istituzioni sanno che ci sono anche queste persone? Se la situazione economica peggiorasse, qualcuno le aiuterà? Sono storie che molti ignorano, ma ci deve essere una maggiore consapevolezza da parti di tutti e in una fase di grave crisi come questa, queste persone hanno tutto il diritto di essere aiutate e ascoltate».
 
Ho contattato un paio di ragazze che lavorano in appartamento, entrambe mi hanno confermato che il telefono è muto da giorni. Mi dicono che è meglio così, giusto non rischiare. Mi hanno detto di essere da tempo nella stessa città e che possono permettersi una pausa. Ma il campione è troppo limitato, facile immaginare che non per tutti sia così.

Stefano Soranna


Stefano Soranna
Stefano Soranna
Mi occupo di comunicazione e pubblicità da un po' di tempo. Su La Pressa scrivo di musica, libri e di altre cose che mi colpiscono quando sono in giro o che leggo da qualche parte. La..   Continua >>

 
 

Articoli Correlati
Gelo, piano straordinario per i senza tetto, apre nuova struttura
La Nera
27 Febbraio 2018 - 19:58- Visite:450
Parola d'Autore - Articoli Recenti
Il coronavirus, i cambiamenti ..
Rispettosi delle regole solo quando la casa brucia
16 Marzo 2020 - 16:15- Visite:1330
'Nel 2007 presentai progetto per ..
Daniele Giovanardi, ex primario del Pronto soccorso di Modena: 'Lavoriamo insieme, passata ..
15 Marzo 2020 - 23:02- Visite:515
Emergenze ai tempi coronavirus: come ..
Il più seguito è certamente quello della pagina Facebook del Sindaco. Non sarebbe, quindi,..
11 Marzo 2020 - 12:59- Visite:556


Parola d'Autore - Articoli più letti


'Festa Unità: è il vuoto totale, a ..
Il Psi: 'Da Muzzarelli lettera piena di dignità e di passione ma anche di un inascoltato ..
31 Agosto 2018 - 11:38- Visite:41924
E dopo il Modena calcio toccherà al ..
In difesa di Stoytchev. Ngapeth non è un bell’esempio per i giovani della pallavolo che ..
18 Aprile 2018 - 14:41- Visite:25180
Crisi Coop Alleanza 3.0, ex leader ..
Vezzelli: 'Ricordiamo che Alleanza 3.0 ha la proprietà della più grande rete televisiva ..
13 Gennaio 2019 - 18:31- Visite:21894
'Neonato morto: col punto nascite di ..
Parla il ginecologo Locatelli (Forza Italia): 'La paziente con distacco di placenta ha ..
02 Novembre 2017 - 20:41- Visite:16907