Suicidio studente universitario a Napoli, mi vergogno d'essere docente
App
Società Dolce: fare insieme
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
App
articoliParola d'Autore

Suicidio studente universitario a Napoli, mi vergogno d'essere docente

La Pressa
Logo LaPressa.it

Una conseguenza di questo modello di vita imposto a noi tutti dal dispositivo di soggiogamento


Suicidio studente universitario a Napoli, mi vergogno d'essere docente
Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.

Riportiamo la lettera aperta scritta da Francesco Benozzo ai colleghi dell’Università di Bologna sul grave fatto di cronaca accaduto a Napoli nei giorni scorsi

Gentili colleghe e colleghi,
non so a voi, ma la notizia, passata abbastanza in sordina almeno nel mondo accademico, del suicidio di uno studente della Federico II di Napoli a pochi giorni da una laurea su cui aveva mentito alla famiglia (ancora non aveva i crediti necessari per laurearsi) a me ha lasciato molto turbato.
Da anni mi batto, con diversi interventi pubblici, anche nelle scuole stesse, per una non fraintendibile e non metaforica descolarizzazione, che ho argomentato in diversi modi, anche come padre di due ragazzi che studiano ora a un liceo, per provare a reagire allo scempio del concetto di apprendimento, allo svilimento aziendale del concetto di sapere, e ad altro su cui non sto per l’ennesima volta a tediare e tediarvi.

La notizia del povero ragazzo suicida, relativamente alla quale ho deciso di scrivervi questa mail, mi fa di nuovo riflettere sui gravi danni del sistema scolastico e universitario, un sistema che – al di là degli abituali slogan e delle consuete autoreferenziali affermazioni di cui tutti siamo in fondo protagonisti – invece di prendersi cura dei molteplici aspetti della vita dei ragazzi li addestra a diventare ciò che dovranno essere come futuri membri (stavo per dire sudditi) del dispositivo statale, premiando solo chi vince, chi “ce la fa”, chi “è bravo” (bravo a fare ciò che il dispositivo stesso impone come “cosa buona e giusta”). Il tutto in nome di un non ben chiaro concetto di “premialità” e di un assai poco credibile anelito alla “meritocrazia”. Questa situazione porta chi invece non ce la fa a sentirsi un inferiore, un reietto, un individuo non all’altezza.

Non è invece che proprio chi non fa parte del coro, chi non riesce ad essere parte del coro, andrebbe – proprio all’Università –protetto o addirittura, almeno per come la vedo io, valorizzato? (Aggiungo, solo a margine, che si parla sempre poco del fatto che sono in media 2300 i giovani in età scolare che si tolgono la vita in Italia ogni anno).
Lo studente dell’Università di Napoli che si è tolto la vita per avere mentito ai famigliari su una laurea imminente che invece non aveva raggiunto, al di là dei problemi personali di cui nessuno ovviamente sa, non è anche una conseguenza di questo modello di vita imposto a noi tutti dal dispositivo di soggiogamento?

Vi confesso che oggi, di fronte a questa tragedia, provo – per l’ennesima volta – un’indicibile vergogna a essere un professore dell’Università. In un mondo vagamente sensato, io credo anche – e gli ho scritto una lettera raccomandata al proposito – che, invece che mandare vacui comunicati di cordoglio e altro, il nostro collega Matteo Lorito, Magnifico Rettore di quell’Ateneo, dovrebbe avere la dignità di dimettersi.
Scusate l’intromissione, che non è certo solo uno sfogo ma anche un appello a un confronto, e buone festività,

Francesco Benozzo

Redazione Pressa
Redazione Pressa

La Pressa è un quotidiano on-line indipendente fondato da Cinzia Franchini, Gianni Galeotti e Giuseppe Leonelli. Propone approfondimenti, inchieste e commenti sulla situazione politica, ..   Continua >>


 
 
 
 

Società Dolce: fare insieme
Articoli Correlati
Modena: debutto di stagione contro il Napoli
Sport
05 Luglio 2024 - 19:08
Sassuolo-Napoli, che batosta: 1-6 al Mapei
Sport
28 Febbraio 2024 - 23:58
'Ecco perchè Napolitano non fu un avversario di Berlusconi'
Parola d'Autore
24 Settembre 2023 - 21:10

Contattaci
Parola d'Autore - Articoli Recenti
Regionali, se in casa Fdi è già partito il toto-scommesse...
Capolista, secondo diversi bene informati e già disposti a puntate sicure, almeno a vedere ..
02 Luglio 2024 - 13:55
San Possidonio, da Fdi inutile polemica su timbri e matite davanti a una epocale sconfitta
Il loro candidato Donato Bergamini ha preso 300 voti in meno alle comunali rispetto alle ..
21 Giugno 2024 - 21:00
Siulp: 'Aggressioni e violenze alle Forze dell'Ordine, cresce il disagio'
L'intervento del Segretario provinciale Siulp Roberto Butelli. Dal caso di Ascoli Piceno una..
12 Giugno 2024 - 18:28
'Il futuro di Modena passa per il sostegno alla maternità'
L'intervento di Grazia Ruini e Andrea Mazzi, candidati consiglieri comunali Lista civica ..
06 Giugno 2024 - 15:45
Parola d'Autore - Articoli più letti
Obbligo vaccinale per insegnanti, agenti e medici? Bene, ma allora non si chieda il consenso
'A questo punto consiglio a tutti i bravi cittadini di offrire senza esitazione il braccio ..
25 Novembre 2021 - 19:40
Follia Green pass, i bambini prime vittime di una società disumana
A questo punto davanti a questi adulti privi di cuore e di anima, non ci resta che sperare ..
08 Febbraio 2022 - 12:52
'Il vaccino non rende immuni: questo fa decadere ogni obbligo'
Giovanardi: 'Stupisce e sconforta che gli Ordini Professionali si accaniscano contro ..
29 Dicembre 2021 - 21:23
'Festa Unità: è il vuoto totale, a Modena non esiste centrosinistra'
Il Psi: 'Da Muzzarelli lettera piena di dignità e di passione ma anche di un inascoltato ..
31 Agosto 2018 - 11:38