Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
La Pressa redazione@lapressa.it Notizie su Modena e Provincia
Logo LaPressa.it
Facebook Twitter Youtube Linkedin Instagram Telegram
Iscriviti al canale Telegram de La Pressa
articoliParola d'Autore

Ucraina: i giornaloni non pubblicano più notizie, ma i loro desideri

La Pressa
Logo LaPressa.it

Eppure sarà proprio l’economia a chiudere quella in Ucraina e a ristabilire la pace e non le armi


Ucraina: i giornaloni non pubblicano più notizie, ma i loro desideri

Alcune importanti notizie sono giunte in questi giorni dal fronte Ucraina. Dopo circa un mese, la Russia ha deciso di rispondere alla stessa cortesia usatele dagli Stati europei, compresa l’Italia, e ha espulso da Mosca e San Pietroburgo alcuni diplomatici. Ventiquattro nostri dirigenti d’Ambasciata e Consolato hanno tempo 8 giorni per fare le valige e tornare a casa. Il commento del Presidente del Consiglio è stato: “L’espulsione dei nostri diplomatici è un atto ostile, ma non chiuderemo il dialogo”. Qualcuno fa notare al Presidente che i primi ad essere ostili siamo stati noi, cacciando il 5 aprile 30 funzionari russi. A quel tempo, Draghi dichiarò “Decisione presa in accordo con altri partner europei e atlantici” e Lavrov preannunciò che 'Risponderemo secondo il principio di reciprocità'. La risposta è arrivata e non poteva essere diversa.
Si aggiunge un altro tassello a complicare il dialogo tra l’Occidente e Mosca a causa dell’inadeguatezza di troppi politici, seppure ai vertici. Senza personale sul campo, che ha relazioni strette con i funzionari governativi, il parlarsi amichevolmente e fuori dai canali ufficiali diventa difficoltoso, ma questa prassi ha dipanato tante volte crisi e contrasti che parevano irrisolvibili.

L’altra notizia è stata che Vladimir Putin è ormai in fin di vita, operato d’urgenza con trapianto di midollo osseo per salvarlo dalla leucemia, mentre l’Armata Rossa si sfalda, ha già perso sul campo circa 27 mila uomini per conquistare nulla, i soldati non hanno più da mangiare e da sparare. E’ il momento per mandare armi ancora più pesanti a Kiev, così che finisca la guerra con la sconfitta della Russia e, di conseguenza, la vittoria dell’Ucraina. Ormai certi “giornaloni” non pubblicano più notizie, ma i desideri. Putin compare in pubblico, insieme ai presidenti di quella che potrebbe essere considerata l’Alleanza dell’Est; rifiuta l’aiuto militare della Bielorussia dicendo che, pur incontrando delle difficoltà, basta l’esercito russo e l’operazione speciale si fermerà quando tutti gli obiettivi saranno raggiunti. In contemporanea scoppia il caso dell’acciaieria di Mariupol, colpita quotidianamente con bombe regolari e irregolari. Reparti dell’esercito ucraino e del battaglione Azov, insieme a un cospicuo numero di civili che non hanno voluto o potuto uscire dai sotterranei, diffondono messaggi video dove chiedono aiuto persino al Papa per salvarsi la vita e nello stesso momento dichiarano che non s’arrenderanno mai e moriranno armi in pugno. Il tutto si conclude con lo sgombero dei civili e la resa per ordine dello stesso Zelensky che vuole vivi i suoi eroi, anche se qualche giorno prima aveva detto che liberarli dalle viscere dell’Azovstal sarebbe costato troppe vite uname e, di conseguenza, gli eroi potevano anche rendere l’anima a Dio.

In ultimo, Erdogan s’oppone all’ingresso di Svezia e Finlandia nella NATO, se non gli consegnano dei rifugiati politici del PKK che lui giudica terroristi, o l’America non apre di nuovo il portafoglio. La Turchia e il suo Presidente stanno insegnando a tutti i vari Super Mario, Super Emmanuel e la superissima Ursula come ci si muove in campo internazionale. Erdogan non ha voluto aderire alle sanzioni e ospita tutte le triangolazioni economiche delle industrie europee, comprese le nostre, che vogliono comprare o vendere beni in Russia. Naturalmente questo servizio non è gratuito. Non regala armi a Kiev ma le vende a prezzo di mercato, come i famosi droni Bayraktar e c’è da scommettere che anche il “SI” a Svezia e Finlandia avrà il suo prezzo, perché c’è d’avere qualche dubbio sul fatto che Svezia e Finlandia cedano al ricatto.

A ciò si aggiunge il freno a mano tirato dalla Germania e dalla Francia per l’ingresso rapido dell’Ucraina in Europa e per un semplice motivo: chi paga? Per far parte del ricco club occidentale bisogna avere un certo standard di servizi come la scuola, la sanità i quali hanno l’obbligo di raggiungere un livello paritario con quello degli altri Stati. Alcuni analisti hanno calcolato che, solo per ricostruire le città spianate dall’Armata Rossa, sono necessari circa 1000 miliardi. Per poter entrare in Europa, alcuni Stati ed ex repubbliche sovietiche hanno stretto la cinghia e si sono indebitate fino al collo e un ingresso rapido dell’Ucraina potrebbero creare situazioni di disagio e conflitto tra i partners e anche internamente ai vari Paesi.

Sulla base di tutto ciò, s’apre un piccolo spiraglio di negoziato. Evviva! Le Borse frenano, l’indipendenza dal gas e dal petrolio russo si raggiungerà, forse, alla fine del 2024, ma siamo ancora nel 2022...; nel nord Africa stanno esaurendo le scorte di grano e cereali che provenivano proprio dall’Ucraina e, a partire da giugno, la conseguenza sarà un esodo biblico di egiziani e magrebini verso l’Europa e le nostre coste. Come se non bastasse, ci si mette anche la natura con la siccità e l’agricoltura che già oggi ha perso il 30 per cento della produzione. A Washington, e non solo, si sono accorti che l’esercito russo non sarà un fenomeno come s’immaginava, ma sono gli irriducibili del battaglione Azov ad essersi arresi; se non si vuole strozzare l’economia, si deve continuare a comprare gas russo e accettare il giochino del cambio euro/rublo per mantenere viva la moneta di Mosca oggi ai suoi massimi livelli; le sanzioni fanno più male a noi che a Putin per il semplice motivo che la Russia abbonda di tutte le materie prime e da tempo si è resa non dipendente da altri. Siamo noi che abbiamo bisogno di lei e non il contrario.

Le guerre, tutte le guerre, si combattono per ragioni economiche e, in questo caso specifico, sarà proprio l’economia a chiudere quella in Ucraina e a ristabilire la pace e non le armi. Camminavamo già gobbi prima del 24 febbraio a causa del Covid e, alla fine, possiamo essere anche generosi a parole, ma quando si tocca il portafoglio dei cittadini e il consenso ai partiti precipita, tutto si rimette in discussione.

Massimo Carpegna



Paypal
Da anni Lapressa.it offre una informazione libera e indipendente ai suoi lettori senza nessun tipo di contributo pubblico. La pubblicità dei privati copre parte dei costi, ma non è sufficiente. Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge, e ci segue, di darci, se crede, un contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di modenesi ed emiliano-romagnoli che ci leggono quotidianamente, è fondamentale.


Massimo Carpegna
Massimo Carpegna

Visiting Professor London Performing Academy of Music di Londra. Docente di Formazione Corale e del master in Musica e Cinema presso Istituto Superiore di Studi Musicali Vecchi Tonelli..   Continua >>



Parola d'Autore - Articoli Recenti
Veglia di preghiera per Lgbt? I 10 ..
Giovanardi: ‘E c'è chi si scaglia violentemente contro il direttore di questo giornale ..
10 Giugno 2022 - 07:37
Cultura Lgbt, è davvero questo il ..
Elisa Rossini: 'Trovarsi davanti un sacerdote della chiesa cattolica che usa queste ..
07 Giugno 2022 - 15:05
'Perchè il DonBass russofilo non ha ..
'Per questo popolo non vale il giudizio che noi esprimiamo sul nostro Risorgimento? Fingiamo..
05 Giugno 2022 - 00:30
La guerra delle illusioni e la ..
L’Europa trovi il coraggio di dire all’America di Biden che le illusioni sono finite e ..
30 Maggio 2022 - 21:49
Parola d'Autore - Articoli più letti
'Altro che Tachipirina, ecco come ..
L'ex primario del Pronto soccorso di Modena: 'Antinfiammatori ai primi sintomi e poi, se il ..
31 Gennaio 2021 - 14:37
Obbligo vaccinale per insegnanti, ..
'A questo punto consiglio a tutti i bravi cittadini di offrire senza esitazione il braccio ..
25 Novembre 2021 - 19:40
Follia Green pass, i bambini prime ..
A questo punto davanti a questi adulti privi di cuore e di anima, non ci resta che sperare ..
08 Febbraio 2022 - 12:52
'Il vaccino non rende immuni: questo ..
Giovanardi: 'Stupisce e sconforta che gli Ordini Professionali si accaniscano contro ..
29 Dicembre 2021 - 21:23